Laurea: la guida per fare ricorso

Di Valeria Roscioni.

Voto di laurea: pensi di essere stato vittima di un'ingiustizia? Ecco come devi agire se vuoi fare ricorso al Tar: la guida con tutte le dritte

Voto di laurea: è possibile protestare?

Ovviamente la risposta è sì. Se hai delle buone ragioni per pensare di essere stato vittima di un’ingiustizia e di poter provare che, effettivamente, non tutto si è svolto esattamente secondo le regole hai il diritto, e in fondo anche il dovere, di ricorrere alle vie legali per poter ottenere ciò che ti spetta.

Se scegli di intraprendere questa strada, però, devi essere ben preparato su ciò che ti aspetta e su come dovrai comportarti. Quella del ricorso è una pratica legale lunga, estenuante, costosa e quindi prima di affrontare tutte le varie fasi è bene non sottovalutare la questione.

Per cercare di semplificare le cose noi abbiamo redatto la guida che segue che, ovviamente, non può e non deve sostituire il parere di un legale a cui, comunque, dopo aver capito a cosa andrai incontro, devi sempre e comunque rivolgerti per valutare tutti gli elementi del tuo caso specifico.

LA GUIDA PER FARE RICORSO AL TAR

Ecco, qui di seguito, la guida per fare ricorso al Tar in merito al voto di laurea:

  • Quando è possibile intentare un ricorso al Tar
    Due sono i motivi su cui può basarsi un eventuale ricorso di uno studente: eccesso di potere o ingiustizia manifesta. Per fare in modo che il ricorso abbia un fondamento più solido conviene aspettare la discussione e la proclamazione del voto di laurea
  • Quali sono le tempistiche da rispettare
    Per poter fare ricorso al Tar entro 60 giorni (lavorativi e festivi compresi) dalla pubblicazione dell’atto devi fare ricorso ad un avvocato amministrativista che scriva, intenti e faccia notificare il ricorso stesso
  • Cosa fare se non si vince il ricorso
    Se non vinci subito puoi appellarti in II grado al Consiglio di Stato. Questo è valido per entrambe le parti perciò ricordati che in primo grado è molto avventato poter parlare subito o meno di vittoria. L’ultima sentenza così ottenuta è inappellabile
  • Cosa fare se vuoi iscriverti ad un altro corso di laurea
    Se, dopo aver depositato presso il Tribunale gli atti di causa più importanti, la tua richiesta di  sospensione degli atti viene accolta puoi intanto immatricolarti alla specialistica da te scelta
  • Quanto dura il ricorso
    Possono volerci molti mesi: tra la prima e la seconda fase del processo può trascorrere un tempo variabile al punto che non esistono tempistiche prestabilite. Dopo la fase di merito, però, la sentenza deve arrivare entro 40 giorni
  • Quanto costa
    Fare ricorso è molto costoso: la spesa varia tra i 3.000 e gli 8.000 euro. Fortunatamente esistono diverse agevolazione che variano da regione a regione, perciò è molto importante informarsi prima di decidere a chi rivolgersi