Test medicina 2015, ricorsi: migliaia di denunce per irregolarità clamorose

Di Marta Ferrucci.

Ricorsi Test medicina: pubblicate le graduatorie e assegnati i posti, ma secondo gli avvocati di Consulcesi rischia di essere tutto nullo a causa di anomalie eclatanti

TEST MEDICINA 2015, RICORSO - Anonimato non garantito, fogli macchiati, candidati che consegnano il compito con mezzora di ritardo. Sono solo alcune delle tante irregolarità che si sarebbero verificate durante i test di Medicina e Odontoiatria 2015 e che sono state segnalate allo sportello virtuale www.numerochiuso.info. Prove che - secondo Consulcesi - sarebbero inoppugnabili e che sono state raccolte in un vasto dossier che costituirà la base di una nuova ondata di ricorsi e che rischia di travolgere il sistema del numero chiuso. L’azione sta, infatti, prendendo sempre più forza sia per quanto accaduto durante le prove sia all’indomani della pubblicazione delle graduatorie definitive con l’assegnazione dei posti ai candidati.

Da non perdere: Test medicina 2015 e scorrimento 14 ottobre: cosa sapere
Leggi anche Graduatorie test Medicina, analisi su punteggi minimi e scorrimenti

RICORSO TEST MEDICINA 2015 - «In queste settimane – spiega il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella – abbiamo ricevuto migliaia di segnalazioni da parte di studenti di tutta Italia che hanno svolto la prova. Ce lo aspettavamo, ma scorrendo tra i casi ce sono davvero di eclatanti, a riprova di un meccanismo che non può assolutamente garantire non solo trasparenza e meritocrazia, ma anche credibilità. Non è certo su questi presupposti che lo Stato può pensare di selezionare la futura classe medica».

Anche il professor Eugenio Gaudio, il rettore dell’università “La Sapienza”, in una intervista ha di recente dichiarato che «programmare l’ingresso a Medicina è indispensabile, ma le modalità dei test sono da rivedere».

Irregolarità nei risultati, aggiornamenti sui ricorsi

Già lanciati i primi ricorsi, ne sono in partenza ancora tanti altri. Ora la palla passa, dunque, ai Tribunali di tutta Italia che davanti all’evidenza di anomalie e irregolarità così eclatanti, non potranno fare altro che annullare le prove e decretare l’ammissione in facoltà, chiaramente in sovrannumero, di tutti i candidati esclusi che avranno intentato l’azione.

Nel frattempo si muove anche la politica. Andrea Liberati, consigliere regionale umbro del M5S, dopo aver raccolto diverse segnalazioni non solo nella sua Regione, ha chiesto l’annullamento degli esami, definendoli delle «comiche» ed ha poi aggiunto: «Chi si sente defraudato è obbligato ad attivarsi e a chiedere anche un risarcimento».

«Gli oltre 350 avvocati e consulenti dello studio legale più grande d’Europa – conclude Tortorella – sono a disposizione di tutti gli aspiranti medici che sentono di essere stati danneggiati nei test e sono pronti a difendere le loro ragioni con l’esperienza e la professionalità degli specialisti nel far riconoscere i diritti negati. Questo è già successo in passato diverse volte, da ultimo con l’ordinanza cautelare n. 1096/2014 del 10 marzo 2014, emanata dal Tar del Lazio, Sezione III bis, che ha sancito la riammissione per numerose immatricolazioni a Medicina e Odontoiatria.
Per informazioni e aderire ai ricorsi sono a disposizione il numero verde 800.122.777 e lo sportello virtuale www.numerochiuso.info».