Test professioni sanitarie 2014: punteggio minimo e criteri di correzione

Di Valeria Roscioni.

Qual è il punteggio minimo per superare il test di Professioni Sanitarie? Le indicazioni del Ministero

TEST PROFESSIONI SANITARIE 2014: PUNTEGGIO MINIMO. Qual è il punteggio minimo necessario per superare il test di Professioni Sanitarie e rientrare in graduatoria? La risposta a questa domanda è, ovviamente, “dipende dai risultati” degli altri candidati. In realtà, però, ci sono alcune considerazioni che è possibile fare lo stesso. La prima è che, comunque, per poter superare qualsiasi prova d’accesso per i corsi a numero chiuso a livello nazionale occorre totalizzare almeno 20 punti come sancito dal regolamento del Miur: Sono ammessi ai corsi i candidati appartenenti a tutte le predette categorie e che abbiano ottenuto nel test un punteggio minimo pari a venti (20) punti. La seconda, ovviamente, è che molto dipende anche sia dalla tipologia di graduatoria che la tua Università ha scelto, “per preferenze” o per “punteggio”, e dalla preparazione degli altri candidati. Infine, ha il suo peso anche il numero di studenti che hanno scelto il tuo corso di Professioni Sanitarie.

TEST Segui la diretta del test di professioni sanitarie live

Per saperne di più: Test professioni sanitarie 2014: ecco dove è più difficile entrare

TEST PROFESSIONI SANITARIE: CRITERI DI CORREZIONE. Durante lo svolgimento del test di Professioni Sanitarie, però, non è affatto il caso di preoccuparsi di tutti questi meccanismi: quello che davvero conta è cercare di totalizzare il punteggio più alto. Per farlo è opportuno non solo aver studiato, ma anche essere in grado di valutare se e quando è il caso di rischiare dando una risposta di cui non si è certi o se, invece, è meglio lasciare in bianco la domanda. Proprio per questo è importante tenere a pente che i criteri di correzione previsti dal Ministero sono i seguenti:

a) 1,5 punti per ogni risposta esatta
b) meno 0,4 punti per ogni risposta sbagliata
c) 0 punti per ogni risposta non data

Infine, vi ricordiamo che il Miur ha stabilito che “In caso di parità di punteggio si applicano i seguenti criteri: per i corsi di laurea magistrale in medicina e chirurgia e in odontoiatria eprotesi dentaria e per i corsi di laurea delle professioni sanitarie, prevale in ordine decrescente il punteggio ottenuto dal candidato nella soluzione”.

Preparati al meglio: Test Professioni Sanitarie: simulazioni e risorse per gli ultimi giorni