Una palestra di giornalismo: Eidos Communication ti allena al mondo delle notizie

Stage sul campo in redazioni, lezioni “learning by doing” e docenti giornalisti: aperte le iscrizioni alla XXI edizione del Master di Giornalismo di Eidos Communication

di Barbara Leone 6 marzo 2012
Tanto sudore, tanta pratica e tante possibilità: pochi passi da seguire per entrare in una redazione e restarci.

CERCA MASTER: Trova il corso giusto per te. CLICCA QUI >>

PRIMO STEP: sporcati le mani con le notizie
È questo il valore aggiunto del Master in “Giornalismo e Giornalismo Radiotelevisivo” di Eidos Communication, giunto alla ventiduesima edizione. Web, carta stampata, ufficio stampa, tv e radio: dieci weekend di aula, quattro mesi in cui l’unico obiettivo è diventare giornalisti multitasking. Il master raggiunge questo obiettivo in due modi: con lezioni in cui la teoria è interattiva e la pratica è continua e con la garanzia di accedere a stage importanti.

CERCA LAVORO: 1000 offerte di lavoro per te. CLICCA QUI >>

giornalista_2SECONDO STEP: se pensi di scaldare la sedia, ti sbagli.
Filmare e intervistare le persone davanti a una telecamera, scrivere una news per un sito o un comunicato stampa, montare un servizio radiofonico in pochi secondi o provare a realizzare un’inchiesta: il master è una palestra per chiunque voglia “allenarsi” alla professione del giornalista di oggi. E il giornalista di oggi sa fare tutto.

TEST: Lavoro subito, dottorato o master? CLICCA QUI >>

TERZO STEP: Entra in redazione e dimostra quanto vali.
L’altra parte della formazione di Eidos Communication è lo stage: entrare in vere redazioni e vedere come funziona stare dall’altra parte delle notizie. Senza fare fotocopie ma scrivendo e imparando. La Repubblica, Adnkronos, Wired, Sky Tg24, Tg5 e Studio Aperto: i nomi dei partner non hanno bisogno di presentazioni. Lo stage è garantito: tre mesi in cui i ragazzi possono mettersi in luce, imparare tanto ed entrare nel mondo del lavoro giornalistico. Quello vero.

MASTER E POSTLAUREA: Iscriviti al forum. CLICCA QUI >>

QUARTO STEP: i maestri migliori creano i giornalisti futuri.
I docenti vengono da Mediaset, Il Messaggero, La Repubblica e altri organi di informazione. Conducono inchieste internazionali e hanno vinto premi prestigiosi, gestiscono uffici stampa importanti e siti web di testate nazionali. E insegnano con un metodo ben preciso: quello dell’imparare facendo, dove la teoria è importante, ma la pratica lo è di più. Molto di più.

APPUNTI: Storia del giornalismo. CLICCA QUI >>

COME ACCEDERE?
Per partecipare al master è necessario superare un test di selezione il cui punteggio è utile per ottenere le Borse di Studio messe a disposizione dalla Scuola. La prova di ammissione è individuale e può essere prenotata chiamando lo 06.42.01.41.00 o mandando una mail a giornalismo@eidos.co.it

CERCHI ALTRE RISORSE su master, postlaurea e lavoro? CLICCA QUI >>


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
- Università d'eccellenza in Europa: dove specializzarsi >>
- Stage all'estero: l'Erasmus Placement >>
- Gli errori da evitare quando si cerca uno stage
- Glossario di giornalismo >>

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

3
Commenti

lucia1234 lunedì, 28 ottobre 2013

Non fatelo

Ho frequentato il master quest'anno e l'unica cosa che posso dirvi è: non fatelo. Le lezioni sono fatte da professionisti certamente bravi, ma non tutti sanno insegnare. Le esercitazioni sono perdite di tempo perché per guadagnare stipano anche 20 persone a corso ma il docente è uno. Lui dedica 15 minuti a testa e nel tempo che fa gli altri ti gratti. Esperienza con gli stage pessima, vantano una serie di nomi prestigiosi ma per esempio Repubblica prende solo d'estate. Poi, a fronte di qualche stage buono (nel senso che almeno grazie al nome ti fa una bella riga di cv) ne hanno una serie di micragnosi, che non valgono ne i 7000 euro del master ne quello che dovreste spendere per vivere fuori e non essere pagati. Usateli meglio i vostri soldi, noi siamo più di vento e abbiamo più o meno tutti la stessa opinione. Quelli entusiasti sono uno su mille, e sono persone che non avevano la minima esperienza, o hanno avuto un culo eccezionale con lo stage. Nel mio gruppo si lamenta anche chi ha avuto un buono stage. Spendeteli meglio i vostri soldi, fatevi una vacanza. È andate voi a rompere le palle in redazione, vi sarà molto più utile

n° 2
Eidos Communication giovedì, 31 ottobre 2013

R: Non fatelo

Cara Lucia1234....ma preferiremmo di gran lunga rivolgerci a te con il tuo vero nome (...!), tutte le critiche sono lecite e noi le abbiamo sempre accetatte in maniera costruttiva rendendole un prezioso stimolo grazie alle quali migiorarci.

Le tue, ahimè, appaiono però come lo sfogo anonimo di insoddisfazioni non palesate e, per quanto rispettabilissime, gettano un'ombra sulla tua buona fede. In primo luogo perchè una lucia1234 non è mai esistita nella nostra aula, in secondo luogo perché ti fai portavoce di una insoddisfazione da parte di un'intera aula, cosa assolutamente falsa e facilmente verificabile semplicemente con una veloce visita alla scuola, in terzo luogo perché va a mettere in dubbio non solo noi e il team che con fatica lavora ogni giorno per cercare di aiutare chi vuole muovere primi e importanti passi nel settore giornalistico, ma i tuoi stessi compagni di corso, che stanno facendo con soddisfazione uno stage non certo percho hanno "un culo eccezionale", come dici tu, ma perchè, grazie anche alla nostra intermediazione, ma soprattutto al loro talento, carattere, fatica, determinazione, sono stati selezionati da importanti redazioni.

Sono del resto le redazioni a selezionare gli allievi e non viceversa, per cui, anche capendo la tua amarezza per non essere stata selezionata da una grande redazione, come è invece accaduto a molti dei tuoi compagni, questo non significa necessariamente che tu non possa fare un'esperienza di valore durante il tirocinio presso una delle nostre redazioni partner.

Alcune di queste, è vero, hanno grandi nomi, importanti gruppi dove potersi fare notare, ma soprattutto dove crescere grazie al contatto con grandi giornalisti; tuttavia siamo orgogliosissimi di tutti i nostri partner che ci dispiace che tu ti permetta di chiamare "micragnosi" con un atto che crediamo di poca umiltà ed arroganza, perchè rappresentano la miriade di testate che costituiscono la bellezza di avere un'informazione, varia, sempre più libera e rappresentativa. Cogliamo l'occasione per ringraziarle tutte, perché il fatto che non si chiamino RCS, l'Espresso, Mediaset o Sky non vuol dire assolutamente che siano di basso valore!

La nostra replica era dovuta, ovviamente in considerazione del fatto che hai deciso di portare in pubblico la tua esperienza, ma ci auguriamo che tu decida di rivolgerti direttamente a noi per instaurare un dialogo costruttivo su ciò che durante il master ti ha deluso, in Eidos troverai sempre un ascolto attento, la massima disponibilità di chi lavora ogni giorno e il rispetto che meriti, sempre che tu abbia davvero voglia di metterti in discussione.

Massimo mercoledì, 7 novembre 2012

Docente

Mi sembra un'iniziativa molto interessante, grazie per la segnalazione!

n° 1
Chiudi
Aggiungi un commento a Una palestra di giornalismo: Eidos Communication ti allena al mondo delle notizie...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.07.22 alle 23:34:30 sul server IP 10.9.10.228