Approfondimento di studio su Peter Pan

Di Barbara Leone.

Peter Pan è un personaggio, creato nel 1902 da James Matthew Barrie, entrato nell'immaginario collettivo per rappresentare un bambino che non vuole crescere. Sull'isola vive molte avventure, ma spesso si reca nel mondo reale per incontrare altri bambini, come Wendy ed i suoi fratelli, che decide di portare sull'isola. Insieme a loro si trova ad affrontare di nuovo il "terribile" Capitano Uncino, suo acerrimo nemico, che vive sulla nave con i pirati ed ha una paura tremenda del coccodrillo che gli ha mangiato la mano

Il personaggi di Peter Pan nasce dalla penna di James Matthew Barrie nel 1902. Peter Pan è un bambino che non vuole crescere e vive sull'Isola che non c'è, insieme ad un gruppo di bambini, chiamati Bimbi Sperduti. Sull'isola vive molte avventure, ma spesso si reca nel mondo reale per incontrare altri bambini, come Wendy ed i suoi fratelli, che decide di portare sull'isola.

PETER PAN: ORIGINI STORICO-CULTURALI >>

Il personaggio di Peter Pan è apparso per la prima volta nel 1902 nell'opera di Barrie intitolata "L'uccellino bianco" e poi nell'opera del 1904 "Peter e Wendy". Visto il grande successo di questo ultimo romanzo, alcuni capitolo vennero ripubblicati nel 1906 con il titolo "Peter Pan nei Giardini di Kensington", giardini dove Peter Pan avrebbe trascorso i primi anni della sua infanzia, prima di andare a vivere sull'Isola che non c'è.

ITALIANO: SEZIONE DIDATTICA PER STUDIARE >>

peter_panLa storia di Peter Pan è diventata uno spettacolo teatrale che ha debuttato il 27 Dicembre 1904. In seguito Barrie ha ripreso in mao la storia, trasformandola in un nuovo romanzo (la versione definitiva che tutti conoscono), pubblicato nel 1911.

Nel corso degli anni la storia di Peter Pan è stata rappresentata in vari modi, dal cinema al teatro. Nel cinema si possono ricordare la versione del 1924 di Herbert Brenon e quella del 1991 (Hook) di Steven Spielberg, oppure la versione animata realizzata dalla Disney, solo per citarne alcune. A teatro l'ultima versione italiana è il musical realizzato con le musiche di Edoardo Bennato, con (nella prima versione) Manuel Frattini nei panni di Peter Pan e Alice Mistroni in quelli di Wendy.

DEVI RICOMINCIARE LA SCUOLA? LEGGI TUTTE LE NOVITA' DEL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO >>

James Matthew Barrie: biografia

James Matthew Barrie è nato a Kirriemuir il 9 maggio 1860 e morto a Londra il 19 giugno 1937. Fin da piccolo è sempre stato un bambino piuttosto esile e per attirare l'attenzione su di sé raccontava storie ai fratelli. Quando aveva 8 anni venne mandato a studiare prima all'Accademia di Glasgow e poi alla Forfar Academy. A 13 anni si trasferì all'Accademia di Dumfries e poi si laureò all'Università di Edimburgo. Dopo la laurea iniziò l'attività di giornalista a Nottingham, che poi lasciò per trasferirsi a Londra e diventare uno scrittore. Ha scritto molti testi per il teatro. Si pensa che il personaggio di Peter Pan sia nato dalla frequentazione dello scrittore con i cinque figli della vedova Llewellyn-Davies, uno dei quali si chiamava proprio Peter. Sull'amicizia tra l'autore e questi bambini è stato realizzato nel 2004 un film, intitolato "Neverland - Un sogno per la vita" ed interpretato da Johnny Depp e Kate Winslet. Alla sua morte, il corpo di Barrie è stato sepolto a Kirriemuir, dove era nato, accanto ai familiari.

LETTERATURA ITALIANA E STRANIERA: TUTTI I RIASSUNTI DA SCARICARE >>

Peter Pan: la trama

La storia inizia a casa della famiglia Darling, dove vivono i genitori e 3 bambini: Wendy, Michael (Michele) e John (Gianni). Insieme a loro vive anche la "tata" Nana, un grande cane molto affezionato ad i bambini. Wendy è la figlia maggiore e racconta spesso ai fratelli la storia di Peter Pan, anche se il padre non vuole, perchè la considera solo una storia inventata. Ma Peter Pan esiste davvero ed è già stato nella casa. Scoperto da Nana, che gli ha strappato l'ombra, è fuggito, ma vuole ritornare per ritrovare la sua ombra.

Peter, accompagnato dalla sua amica fatina Trilli, aspetta che i 3 fratelli si addormentino, per entrare nella loro camera e recuperare l'ombra, che si trova rinchiusa in un cassetto. Per riprendere l'ombra fa un grande baccano e Wendy si sveglia. La ragazza decide di aiutarlo e gli ricuce addosso l'ombra, mentre racconta a Peter che presto dovrà spostarsi un un'altra stanza perché il padre ha detto che sta crescendo e non può più continuare a dormire con i fratelli più piccoli.

Peter allora decide di portarla con lui, insieme agli altri fratelli, nell'Isola che non c'è, dove non si diventa mai grandi. Peter spruzza un po' di polvere di fata sui 3, che così possono volare e raggiungere l'isola. Mentre sono ancora in volo, possono ammirare l'isola dall'alto: la Laguna delle Sirene, l'accampamento indiano e il vascello di Capitan Uncino, un pirata nemico di Peter. Capitan Uncino è chiamato così perché ha un uncino al posto di una mano, che gli è stata divorata da un coccodrillo. L'animale ha mangiato anche una sveglia e appena sentono il ticchettio, tutti capiscono che il coccodrillo è vicino.

Capitan Uncino cerca di attaccare i ragazzi mentre sono in volo, così Peter affida i 3 fratelli a Trilli e si dirige verso il capitano. Ma Trilli è gelosa di Wendy e teme che le possa portare via Peter. Trilli sveglia i Bimbi Sperduti dell'isola e dice loro che Peter ha ordinato di abbattere un grande uccello di nome Wendy. Così quando Wendy arriva, i bambini le tirano dei sassi addosso. Peter arriva appena in tempo per salvarla. E appena scopre cosa è successo si arrabbia con la fatina, che viene "esiliata" per una settimana.

peterPeter e Wendy alla Laguna delle Sirene, mentre Michael e John esplorano il posto con i Bimbi Sperduti. Questi ultimi incontrano gli indiani, che li catturano e li portano al loro accampamento. Il capo degli indiani, Toro in Piedi, vuole scotennarli se prima di sera la figlia, Giglio Tigrato, non torna all'accampamento. Nel frattempo Peter viene accolto allegramente dalle sirene, che, gelose, fanno i dispetti a Wendy. Poi i due vedono Capitano Uncino e Spugna, suo fedele alleato, che hanno catturato Giglio Tigrato. Peter Pan riesce a salvare la giovane indiana e a riportarla all'accampamento, dove il padre libera i bambini. Peter diventa indiano onorario con il nome di Aquila Volante.

Trilli, triste per essere stata allontanata, viene catturata da Spugna. Capitan Uncino le chiede di aiutarlo a rapire Wendy, ma in realtà vuole solo scoprire dove si trova il nascondiglio di Peter per attaccarlo all'improvviso. Wendy cade nella trappola e svela al capitano che il rifugio segreto è nell'Albero dell'Impiccato.

Wendy nel frattempo spiega ai bambini cosa è una mamma, facendo venire loro la voglia di tornare a casa. Ma Peter si infuria perchè non vuole restare solo. I pirati si avvicinano al nascondiglio e riescono a catturare i bambini e Wendy. E lascia un pacco nel nascondiglio destinato a Peter Pan. I bambini vengono portati sulla nave, dove gli viene promesso che saranno salvi se accetteranno di diventare pirati. Wendy però rifiuta a nome di tutti, certa che Peter arriverà a salvarli.

Il capitano però rivela loro che ha lasciato una bomba nel nascondiglio di Peter. Trilli riesce a raggiungerlo appena in tempo e gli toglie il pacco dalle mani prima che esploda. I bambini vengono condannati a morte e Wendy sale per prima sulla passerella per finire in fondo al mare. Ma viene salvata da Peter, che riesce a liberare tutti gli altri e a sconfiggere Capitano Uncino, che cade in acqua direttamente nella bocca del coccodrillo e viene poi salvato da Spugna. Peter porta tutti a Londra con il vascello pirata.

LETTERATURA STRANIERA: SEZIONE DIDATTICA PER STUDIARE >>

Sindrome di Peter Pan

Il personaggio di Peter Pan, il bambino che non voleva crescere, viene utilizzato come simbolo di quella che è definita in psicologia la "sindrome di Peter Pan", un problema che si manifesta nelle persone adulte che si comportano in maniera infantile e non vogliono assumersi le proprie responsabilità. Secondo Dan Kiley, il primo a studiare questo tipo di problematica, la sindrome si sviluppa come un trauma che blocca lo sviluppo emozionale del bambino. Quest'ultimo cresce normalmente come tutti gli altri, ma dentro di sé qualcosa l'ha bloccato facendolo restare al periodo dell'infanzia ed impedendogli di saper affrontare i problemi e le responsabilità una volta diventato grande. Secondo alcuni, la sindrome di Peter Pan può essere causata da una carenza affettiva durante l'infanzia. La sindrome colpisce prevalentemente gli uomini, che una volta cresciuti sviluppano numerose difficoltà a gestire i propri sentimenti e, magari, ricercano nella persona amata, l'affetto materno che non hanno avuto da bambini.

Approfondimento di studio:
- Peter Pan, origini storico-culturali (in lingua inglese);
- Utopia moderna; da Peter Pan a Umberto Eco;
- Hook (analisi in inglese del film di Spielberg).