Lucrezio: il pensiero

Di Micaela Bonito.

Un approfondimento sull'autore e il suo pensiero.



Lucrezio: Indice

Vita - Contesto Storico - Opere - Approfondimenti

Pensiero

Il De rerum natura è ispirato da una profonda considerazione della condizioni umana, confrontabile con quella dei grandi poeti tragici del mondo greco. Questo impegno porta l’autore a trasgredire il bando imposto da Epicuro alla Poesia, che, nelle mani di Lucrezio si trasorma in mezzo di divulgazione e trasmissione di quelle verità in grado di liberare il cuore degli uomini da qualsiasi tipo di affanno.
Con la composizione del De rerum naturae Lucrezio si colloca dunque nella grande tradizione dell’epica didattica greca, che risaliva ad Esiodo ( VII sec a.C.) ai poemi fisici di Parmenide ( VI-V sec a.C.) ed Empedocle (V sec a.C.).
Dal punto di vista formale Lucrezio rieccheggia i modi e lo stile di Ennio il poeta che aveva creato l’epica latina in esametri e che aveva inaugurato la poesia di contenuto filosofico, con l’Epicharmus e l’Euhemerus.
Ma Lucrezio si dimostra inserito anche nella nuova tendenza della cultura contemporanea, il neoterismo.
Con i poetae novi Lucrezio ha in comune la tendenza a sviluppare creativamente i procedimenti allusivi di tipo dotto nei confronti degli autori precedenti , sia greci sia latini.

Possiamo affermare che Lucrezio rappresenta un’eccezione nel panorama della poesia romana e quello a cui meno si adatta l’etichetta di classico. La tensione appassionata, la sofferta ricerca espressiva e il vigore quasi visionario delle immagini della sua poesia sono quanto mai lontani dalla compostezza classica.
D’altro canto la mancanza di un aggancio alla realtà politica e il suo messaggio di un’ideale di un universale umanesimo sono altre caratteristiche che lo distinguono dagli autori contemporanei.
Quello che Lucrezio ha realizzato è un progetto molto importante per la storia della cultura occidentale: il tentativo,cioè, di rendere in versi, senza valersi di supporti teologici né di spiegazioni estrinseche, ma solo della piena fiducia negli strumenti sensibili e razionali, la struttura della realtà come organismo unitario e lo spettacolo della vita.