Lavorare nel "no profit"

Di Marta Ferrucci.

Lavorare nel no profit è possibile grazie alla continua crescita del settore. Se volete lavorare in un'azienda diversa... ecco come fare

è una creazione di Marta Ferrucci

Cos'è il non profit?

Un'impresa non profit rispetto ad una "tradizionale" ha un approccio etico all'economia e al mercato, concependo il profitto non come un fine ma come un mezzo; il suo obiettivo è quello di offrire servizi qualificati professionalmente ma anche umanamente e, per portare avanti questa politica, reinveste i guadagni in attività che rispondono agli obiettivi sociali fissati e può anche ricevere donazioni pubbliche e private;

Anche i rapporti che intercorrono tra dipendenti/lavoratori/volontari è sui generis perchè sono tutti coinvolti in quelli che sono gli obiettivi sociali dell'impresa, ai quali tutta la forza lavoro aderisce. Le scelte aziendali importanti coinvolgono dirigenti e non; i responsabili delle varie attività, ad esempio, vengono eletti su base democratica e le decisioni vengono prese considerando l'opinione di tutti, il che complica il sistema decisionale allungandone i tempi di azione.

Un'ulteriore difficoltà nella quale possono trovarsi le aziende no-profit riguarda la ricerca del personale; può essere difficile, infatti, trovare le necessarie professionalità a causa della disparità economica nei confronti delle imprese private; inoltre i dirigenti mancano di autorità sui volontari, rendendo così difficoltoso prevedere e gestire i loro servizi.

Il settore in espansione
Il terzo settore negli ultimi anni ha subito una forte crescita alla quale, nei prossimi anni, dovrà corrispondere un'altrettanto elevata crescita qualitativa dei suoi servizi. Servono specialisti in grado di seguire le questioni giuridiche, fiscali, le raccolte di fondi e la gestione delle risorse umane.
Proprio per coprire queste nuove posizioni, gli enti che si occupano do formazione stanno organizzando corsi ad hoc rivolti a diplomati, laureati, dirigenti di non profit, operatori, volontari e anche semplici curiosi di questa realtà emergente.

>> avanti>>