Il Verismo italiano tra Naturalismo e Positivismo

Di Barbara Leone.

Dal Naturalismo francese al Verismo italiano: riassunto e spiegazione della corrente letteraria

IL VERISMO, RIASSUNTO - Con il termine "Verismo" si intende una corrente artistica e culturale che corrisponde in Italia al Naturalismo francese. Il Verismo si diffonde nell'ultimo trentennio del secolo XIX ed acquista un ruolo di indiscussa egemonia dal 1875 al 1890. La parola "Verismo" è stata coniata negli anni '70 per le arti figurative, ma con il tempo è stata riferita in modo sempre più esclusivo al campo della letteratura. L'influsso del Naturalismo francese sul Verismo italiano è evidente. I due movimenti sono accomunati dall'intenzione di omologare la letteratura alla scienza, sia sul piano del metodo (l'impersonalità dell'opera d'arte), sia sul piano dei contenuti (l'uso di conoscenze scientifiche per rappresentare, secondo precisi nessi di causalità, i fenomeni).

Vedi anche: Positivismo, Realismo, Naturalismo e Verismo

verismo
verismo

VERISMO E POSITIVISMO - La matrice filosofica del Positivismo, che ripudia la metafisica e celebra il "fatto", sta alla base di questa concezione. Inoltre, Verga e il Naturalismo scelgono per lo più come oggetto di rappresentazione letteraria ambienti e personaggi delle classi più povere e si dedicano a generi letterari in prosa (romanzo, novella, dramma) adatti alla ricerca di esiti realistici. Fra Verga e il Naturalismo esistono però anche alcune differenze: mentre la narrativa del Naturalismo descrive spesso gli ambienti del proletariato urbano, quella verista si rivolge prevalentemente agli ambienti rurali; inoltre gli scrittori veristi non attribuiscono, generalmente, alla loro attività letteraria quel valore politico che è invece un dato fondamentale in molti autori d'oltralpe vicini ai movimenti popolari e socialisti.

Focus:
Giovanni Verga, videolezione

VERISMO, TRA NATURALISMO E REALISMO - Ciò non significa che Verga non offra stimoli importanti alle grandi tematiche politiche e civili che percorrono l'Italia post-unitaria: lo scrittore porta infatti a conoscenza di un pubblico vasto situazioni sociali che emergono dal silenzio e dall'abbandono. Tuttavia questa funzione di denuncia è per lo più involontaria e si afferma in gran parte al di là delle intenzioni degli autori veristi. La rappresentazione letteraria delle classi popolari non è in se stessa una novità assoluta da ascrivere al Verismo. Nuova è invece la prospettiva, aliena da tentazioni patetiche e attenta agli elementi concreti della condizione sociale, da cui viene osservato questo mondo.

Naturalismo e Verismo, differenze e similitudini

IL VERISMO ITALIANO - Se dunque il Verismo porta innanzi la tendenza realistica già emersa nel filone manzoniano della prima metà del secolo, esso è però interprete di un'esigenza di oggettività che sostituisce all'interpretazione dell'autore un metodo rigoroso di rappresentazione dei fenomeni. Uno dei tratti salienti del Verismo è il suo carattere regionale e va sottolineato il fatto che gli scrittori importanti del Verismo appartengono al sud della penisola, ribaltando i rapporti abituali di egemonia. Il teorico più noto del Verismo è il siciliano Luigi Capuana, che approfondisce il concetto di impersonalità, ma al progetto di un'opera d'arte totalmente impersonale si dedica anche il più grande scrittore italiano del periodo, Giovanni Verga, amico di Capuana e autore dei massimi capolavori del Verismo italiano.

Da non perdere: Biografia di Giovanni Verga e Verismo