Maturità, studentessa bocciata con la media del 7. Il Tar interviene

Di Chiara Casalin.

Una studentessa ammessa alla maturità con la media del 7 è stata bocciata e ha fatto ricorso. Ecco cos'ha deciso il Tar

MATURITA’, BOCCIATURA – L’idea di essere bocciati alla maturità è l’incubo di ogni maturando, un pensiero che fa sudare freddo migliaia di ragazzi e ragazze. Anche se il tasso di bocciature all’esame di maturità è bassissimo, il pericolo infatti, anche se piccolo, rimane. A ritrovarsi bocciata all’esame di stato è stata per esempio una studentessa di Genova, Federica M. del liceo linguistico Gobetti. A differenza di altri studenti bocciati alla maturità però, Federica non si aspettava proprio di dover rifare l’esame, perché era stata ammessa alla maturità con la media del 6,8 e con 16 crediti. Una media niente male insomma!

Focus: Esame di maturità, come fare ricorso

ESAME DI MATURITA’ – Durante la maturità però la studentessa ha ricevuto pessimi voti sia agli scritti che all’orale, dove ha ottenuto un punteggio di 10/30. Come riporta un articolo di Repubblica, secondo la commissione la ragazza aveva ottenuto brutti voti per “Carenza espositiva, logica, e lacune diffuse su tutte le materie”. Un gioduzio molto strano, visto che durante la sua carriera scolastica Federica non ha mai avuto debiti e che i 3 professori interni della commissione l'avevano ammessa all’esame con la media del 7 solo poche settimane prima.

Da non perdere: Bocciatura, ecco i motivi e come fare ricorso

BOCCIATI ALLA MATURITA’ - La studentessa, dopo la brutta sorpresa, non si è persa d’animo e ha fatto ricorso al Tar. Il tribunale ha dato ragione a Federica e ha annullato la bocciatura “per macroscopica difformità tra il curriculum scolastico della ricorrente e l’esito delle prove d’esame, in particolare della prova orale che è stata valutata con un punteggio così ridotto (10/30) da rendere perlomeno necessario il supporto di una motivazione particolarmente dettagliata e puntuale”. In poche parole, voti troppo bassi rispetto a quelli guadagnati durante l’anno. Così bassi che almeno avrebbero dovuto almeno essere motivati dettagliatamente.

Maturità 2015, regolamento pronto e novità seconda prova

BOCCIATRA MATURITA’ RICORSO - Federica quindi, grazie alla sentenza del Tar, ha potuto rifare l’esame di maturità con una nuova commissione che ha valutato di nuovo le sue prove scritte della maturità (dandole 5 punti in più di quelli ottenuti prima) e che le ha fatto rifare la prova orale. Alla fine la studentessa ha ottenuto il diploma con il voto di 67/100 e ora studia Lingue straniere all’università.