Maturità 2017 prima prova: tracce troppo difficili? I commenti social

Di Anastasia Meloni.

Tracce della prima prova maturità 2017 troppo difficili? Dopo le prime indiscrezioni si scatenano i commenti sui social network

Tracce della prima prova maturità 2017 troppo difficili? I commenti social

Le tracce della prima prova della maturità 2017 sono come ogni anno molto attese e anche molto commentate soprattutto sui social network. E così mentre i poveri studenti faticano sulle sudate carte il mondo esterno si scatena nel dare giudizi sulle scelte del Ministero. Quest'anno la traccia più bersagliata è l'analisi del testo su Giorgio Caproni.

I commentatori più appassionati sono quelli più vicini "anagraficamente" all'esame di maturità: su tutti studenti che dovranno sostenerlo l'anno prossimo, o che lo hanno sostenuto negli ultimi anni. E infatti con grande facilità parte il confronto con le tracce delle maturità passate. Ma a commentare sono anche persone molto più avanti con l'età.

Sembra che le tracce di quest'anno, già trapelate tramite i rumors, siano particolarmente discusse e considerate complesse. Come sempre la critica più gettonata riguarda il fatto che le tracce tendono a riferirsi ad argomenti non troppo approfonditi nei programmi scolastici.

L'analisi del testo su Giorgio Caproni

Come anticipato la traccia più criticata è quella dell'analisi del testo sui Versicoli quasi ecologici di Giorgio Caproni: le critiche si riferiscono in particolare al fatto che questo autore, nato circa 100 anni fa, è letteralmente misconosciuto, e spesso bypassato dai programmi scolastici.

Il saggio breve

Accoglienza un po' più benevola per le quattro tracce relative al saggio breve cioè La natura tra minaccia e idillio nell'arte e nella letteratura, Nuove tecnologie e lavoro, Disastri e ricostruzione, Robotica e futuro tra istruzione, ricerca e mondo del lavoro. Come sempre nel caso del saggio breve gli studenti hanno un migliore raggio di azione per via del fatto che per ogni traccia vengono forniti dei testi inerenti all'argomento di intellettuali o giornalisti che aiutano a inquadrare l'argomento, e a dare qualche chiave di lettura per affrontare il tema.

Queste quattro tracce sono state accolte bene, forse anche perchè un po' più semplici da svolgere. La più apprezzata è stata la traccia di ambito artistico letterario, dedicata alla natura tra minaccia e idillio nell'arte e nella letteratura. Tra le citazioni da utilizzare Foscolo, Leopardi e Montale: insomma tre autori e una tematica largamente affrontati nei programmi scolastici e che quindi si prestano a numerosi spunti.

Il tema storico sul boom economico

Altra storia per il tema storico dedicato al boom economico degli anni 50 e 60. Un tema sicuramente bello, appassionante e interessante da esaminare, considerate le numerosissime sfaccettature di questo importantissimo momento storico. L'unico problema? Molto spesso questa fase storica non viene ben approfondita nei programmi scolastici, che ancora si concentrano soprattutto sulla Seconda Guerra Mondiale, trascurando gli ultimi decenni di storia Contemporanea.

Il tema sul progresso

Il tema di ordine generale è invece dedicato al progresso e in particolare al contrasto tra il progresso materiale al progresso morale e civile, che non sempre vanno di pari passo, e che spesso lasciano spazio alle devianze. Anche in questo caso un argomento molto complesso, in parte filosofico, e in più pare che nella traccia ci sia una sola citazione da cui prendere spunto. Di sicuro da questa ultima traccia si inutisce un filo conduttore molto solido tra le diverse tracce, e anche i commentatori del web ci hanno fatto caso: