Maturità 2017 prima prova: le tracce commentate dagli esperti

Di Francesca Ferrandi.

Maturità 2017 prima prova: le tracce di italiano commentate dagli esperti di Studenti.it, dall'analisi del testo ai saggi brevi, passando per i due temi

Prima prova 2017: le tracce erano difficili? Parola ai tutor

Maturità 2017, prima prova: le tracce commentate
Maturità 2017, prima prova: le tracce commentate — Fonte: istock

La prima prova di Maturità 2017 è ufficialmente conclusa: terminate le sei ore, alle 14:30, gli studenti sono usciti dalle classi; dopo aver affrontato il primo scritto, è giunta l’ora per loro di iniziare a concentrarsi sulla seconda prova. Non prima, però, di aver commentato le tracce scelte dal Miur: sui social ampio spazio è stato dato alle reazioni dei maturandi alle scelte del Ministero; in particolar modo sono state rivolte molte critiche alla traccia su Caproni, salvo poi accorgersi che non era poi così complessa. Noi lo abbiamo chiesto ai nostri esperti, i tutor che hanno svolto le tracce della prima prova di Maturità 2017: come le avete trovate? Qual era la più complessa?

Intanto, tutte le tracce svolte del primo scritto le trovate qui:

Tracce prima prova Maturità 2017: i giudizi degli esperti

Secondo i nostri esperti, la traccia più semplice tra quelle scelte dal Miur per la prima prova di Maturità 2017 è stato quella del saggio breve di ambito socio-economico: «Una traccia molto attuale, semplice da svolgere e che può inoltre costituire un’opportunità per riflettere sulla strada da intraprendere una volta finito l’esame di Maturità», ha dichiarato Ilaria, la tutor che l’ha svolta per noi. La stessa che ha dichiarato che, invece, la traccia del tema storico era senza ombra di dubbio la più complessa, perché incentrata su un periodo storico – il miracolo economico italiano – che pochissimi maturandi hanno studiato. Molto difficile anche, a detta di un’altra delle nostre tutor, la traccia del saggio breve scientifico tecnologico: «Le tecnologie dovrebbero riguardare ognuno di noi; invece la tematica scelta dal Miur era troppo specifica e adatta solo a un pubblico di esperti in materia di robotica e di soft-robotic», ha dichiarato Valentina.

I giudizi degli esperti sulle tracce di prima prova 2017

La nostra esperta ha svolto anche il saggio breve di ambito artistico letterario e lo ha trovato davvero interessante: «C’erano moltissime fonti, si poteva costruire un discorso ben articolato. Fossi stata nel Miur, però, avrei scelto anche qualche autore contemporaneo in modo da poter avere una veduta più ampia sul rapporto tra uomo e ambiente nella storia».
L’ultima delle nostre tutor, Chiara, ha invece svolto la chiacchieratissima analisi del testo su Giorgio Caproni, trovandola poco complessa. «Non c’erano domande sull’autore, né sul periodo in cui è vissuto; tutto era incentrato sul componimento poetico che era molto semplice». Chiara ha infine svolto anche la traccia del tema di ordine generale: «La traccia era interessante – ha dichiarato – ma la scaletta del Miur troppo stringente. Non dava spazio al libero pensiero dello studente».