Maturità 2015, sulla terza prova nessuna sorpresa. Il Miur smentisce

Di Marta Ferrucci.

La notizie sulla quinta materia che nelle ultime ore ha fatto tremare i maturandi è stata smentita dal Miur

MATURITÀ 2015: LE TRACCE SVOLTE DELLA PRIMA PROVA

TERZA PROVA MATURITA' 2015, NESSUNA SORPRESA - Il Miur smentisce ufficialmente la voce secondo la quale la terza prova debba coinvolgere obbligatoriamente cinque materie, come trapelato su alcuni organi di stampa, ma fino ad un massimo di cinque, secondo quanto previsto dal Dm n. 429 del 2000.

La terza prova è predisposta dalle Commissione d’esame sulla base del documento che è stato definito entro il 15 maggio scorso da ciascun Consiglio di classe, ha precisato il Ministero.

I 500.000 maturandi dopo una mattinata passata sulle spine possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. La notizia tra i maturandi era stata causa di vero e proprio panico, soprattutto per la mancanza di informazioni certe.