Maturità 2013, e se il prof si ammala?

Di Tommaso Caldarelli.

Maturità 2013, in caso di assenze saranno i professori di sostegno a sostituire i commissari degli Esami di Stato

Solo poche righe per la notizia: se qualche commissario per gli esami di Maturità 2013 dovesse sentirsi male e andare dunque in malattia, a sostituirlo potrebbero arrivare i professori di sostegno. Questo perché ovviamente la commissione per gli Esami di Stato non può perdere alcun componente e deve essere correttamente insediata, altrimenti l'intero esame è a rischio.

MATURITA' 2013, LE NOTIZIE -->>

I PROF IN PANCHINA - A dare la notizia ci pensa Italia Oggi, giornale di tipo economico in edicola questa mattina.

Cercasi docenti disposti a sostituire all'ultimo minuto i commissari che si assentano agli esami di stato. Il ministero dell'istruzione continua a precludere ai docenti di sostegno la possibilità di fare il commissario esterno agli esami di stato.

E poi però, si legge, li cerca disperatamente quando c'è da sostituire un collega che si è ammalato: insomma, una contraddizione. Da un lato i docenti di sostegno difficilmente sono ammessi ad essere veri e propri commissari esterni d'esame; dall'altro, invece, spesso vengono chiamati alla sostituzione in qualità di supplenti.

MATURITA', LA LETTERA DEI PRESIDI -->>

COME FUNZIONA? - La legge dice che in caso di malattia di un commissario deve essere il preside ad attivarsi individuando "un docente della stessa materia dello stesso corso o di altra classe di diverso corso" o, in caso di necessità, "un docente di materia non affidata ai commissari esterni, della stessa classe o dello stesso corso o di altra classe di diverso corso del medesimo istituto". Fra cui, appunto, gli insegnanti di sostegno.