8 Marzo: storia della festa della donna

Storia della festa delle donne e dell'8 marzo: riassunto e appunti per la Giornata internazionale della donna, istituita per ricordare le conquiste politiche, sociali ed economiche delle donne ed i soprusi subiti nei secoli

di Barbara Leone 22 febbraio 2016

FESTA DELA DONNA: STORIA DELL'8 MARZO. La giornata internazionale della donna, che si festeggia ogni anno l'8 marzo, è stata istituita per ricordare da un lato le conquiste politiche, sociali ed economiche delle donne, dall'altro le discriminazioni e le violenze da loro subito nella storia.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale si è fatto per molto tempo risalire la scelta dell'8 marzo ad una tragedia accaduta nel 1908, che avrebbe avuto come protagoniste le operaie dell'industria tessile Cotton di New York, rimaste uccise da un incendio. In realtà questo fatto non è mai accaduto, e probabilmente è stato confuso con l'incendio di un altra fabbrica tessile della città, avvenuto nel 1911, dove morirono 146 pesone, tra le quali molte donne.

I fatti che hanno realmente portato all'istituzione di questa festa sono di diverso tipo, più legati alla rivendicazione dei diritti delle donne, tra i quali il diritto di voto.

Vediamo insieme qual è la storia della festa delle donne.


Da non perdere: 8 marzo: frasi per la festa della donna


Festa della donna: storia dell'8 marzo8 MARZO: COSA SI RICORDA IL GIORNI DELLA FESTA DELLA DONNA? Sono molti gli avvenimenti che, dall'inizio del Novecento, hanno portato alla lotta per la rivendicazione dei diritti delle donne. Durante il VII Congresso della II Internazionale socialista, che si è svolto a Stoccarda dal 18 al 24 agosto 1907, si è discusso della questione femminile e del voto alle donne. I partiti socialisti si sono impegnati a lottare per riuscire ad introdurre il suffragio universale. Il 26 e 27 agosto 1907 si è svolta invece la Conferenza internazionale delle donne socialiste, durante la quale è stato istituito l'Ufficio di informazione delle donne socialiste e Clara Zetkin è stata eletta segretaria.

Leggi anche: Festa della donna: le risorse per i tuoi compiti

STORIA DELLA FESTA DELLE DONNE - I socialisti erano contrari all'alleanza con le femministe borghesi, ma tra le donne non tutte erano della stessa idea. Nel febbraio 1908 la socialista Corinne Brown ha dichiarato sulla rivista The Socialist Woman che il Congresso non aveva "alcun diritto di dettare alle donne socialiste come e con chi lavorare per la propria liberazione". Il 3 maggio 1908 Corinne Brown ha presieduto la conferenza del Partito socialista a Chicago. Conferenza che è stata quindi ribattezzata "Woman’s Day" e durante la quale si è parlato dello sfruttamento dei datori di lavoro nei confronti delle operaie, delle discriminazioni sessuali e del diritto di voto. Alla fine del 1908 il Partito socialista americano ha deciso di dedicare l'ultima domenica del febbraio successivo all'organizzazione di una manifestazione per il voto alle donne.

Per approfondire:
  Donne e discriminazione

FESTA DELLA DONNA - Durante la seconda Conferenza internazionale delle donne socialiste, che si è svolta a Copenaghen il 26 e 27 agosto 1910, le delegate hanno deciso di istituire una giornata internazionale dedicata alla rivendicazione dei diritti delle donne.

In realtà negli Stati Uniti e in vari Paesi europei la giornata delle donne si è svolta in giorni diversi per alcuni anni. 



Fai il test:
  Quanto ne sai del mondo femminile?

FESTA DELLA DONNA: IL PRIMO 8 MARZO. Negli anni successivi, fino allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, sono state organizzate molte altre giornate dedicate ai diritti delle donne. A San Pietroburgo, l'8 marzo 1917, le donne hanno manifestato per chiedere la fine della guerra. In seguito, durante la Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste, che si è svolta a Mosca il 14 giugno 1921, è stato stabilito che l'8 marzo fosse la Giornata internazionale dell'operaia.

In Italia la prima giornata dedicata alla donna si è svolta nel 1922, il 12 marzo.


Leggi anche:  Donna ed Eros: percorso multidisciplinare per la maturità

Il movimento per la rivendicazione dei diritti delle donne ha continuato ad ingrandirsi in tutto il mondo nei decenni successivi. Nel settembre 1944 a Roma è stato istituito l’UDI, Unione Donne Italiane, e si è deciso di celebrare il successivo 8 marzo la giornata della donna nelle zone liberate dell'Italia. Dal 1946 è stata introdotta la mimosa come simbolo di questa giornata. Si deve arrivare agli anni Settanta, in Italia, per la nascita di un vero e proprio movimento femminista. L'8 marzo 1972 in Piazza Campo de Fiori a Roma si è svolta la manifestazione della festa della donna, durante la quale le donne hanno chiesto, tra le varie cose, anche la legalizzazione dell'aborto. Il 1975 è stato definito dalle Nazioni Unite come l'Anno Internazionale delle Donne e l'8 marzo in tutto il mondo i movimenti femministi hanno manifestato per ricordare l'importanza dell'uguaglianza dei diritti tra uomini e donne.

Da non perdere:  Tesina: La donna e la sua evoluzione.

Oggi la festa della donna ha un po' perso il suo valore iniziale. Mentre ci sono organizzazioni femminili che continuano a cercare di sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi di varia natura che riguardano il sesso femminile, molte donne considerano questa giornata come l'occasione per uscire da sole con le amiche, lasciando mariti, compagni e figli a casa, e concedersi qualche "sfizio", che magari in altre serate non sarebbe permesso.

Per approfondire:
  Tesina svolta: 8 marzo, perchè si festeggia

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

24
Commenti

Pagina 1 di 3:
1 2 3 > »
bruno galante martedì, 15 marzo 2016

8 Marzo: storia della festa della donna

sarebbe opportuno effettuare delle verifiche sull'origine della festa della donna, centra poco l'incendio della fabbrica e la morte delle operaie,

n° 12
Luciano martedì, 15 marzo 2016

" Giornata Mondiale dei Fidanzati " segue

Sì, un fiore di comune latitudine che richiami con la sua fragranza il senso dell'universale Amore.
E, per le tempistiche, pur'anche opportuno rimanere nel contesto dell'attuale datazione dell'8 marzo (es., il 5 ), ma, sempre nel mese di marzo, il periodo della Primaver
Luciano Di Camillo

n° 11
"pur'anche"?! martedì, 15 marzo 2016

R: " Giornata Mondiale dei Fidanzati " segue

> Sì, un fiore di comune latitudine che richiami con la sua fragranza il senso dell'universale Amore.
> E, per le tempistiche, pur'anche opportuno rimanere nel contesto dell'attuale datazione dell'8 marzo (es., il 5 ), ma, sempre nel mese di marzo, il periodo della Primaver
> Luciano Di Camillo

Luciano martedì, 15 marzo 2016

Nuova idea: " La Giornata Mondiale dei Fidanzati ".

Con l'occasione di questa eccezionale ricorrenza (che doveva esser istituzionalizzata già da molto tempo prima, indipendentemente se da aspetto politico o simbolico) la quale evidenzia l'altra metà del cielo, sarebbe opportuna una istituzione su un correlato aspetto.
Ovvero, " La Giornata Mondiale dei Fidanzati " per avvalorare un peculiare periodo in cui si prende conoscenza di una relazione che potrebbe divenir ufficiale con quel che ne consegue. Un banco di prova su cui parimenti posizionarvi un particolare fiore come simbolo che ne richiami la magica realtà che, comunque, inizia a formare in un certo senso di vita.
A riguardo del simbolo floreale, v'è un pò da pensarci atteso che dev'essere di ogni latitudine !
Luciano Di Camillo

n° 10
"pò"?! martedì, 15 marzo 2016

R: Nuova idea: " La Giornata Mondiale dei Fidanzati ".

> Con l'occasione di questa eccezionale ricorrenza (che doveva esser istituzionalizzata già da molto tempo prima, indipendentemente se da aspetto politico o simbolico) la quale evidenzia l'altra metà del cielo, sarebbe opportuna una istituzione su un correlato aspetto.
> Ovvero, " La Giornata Mondiale dei Fidanzati " per avvalorare un peculiare periodo in cui si prende conoscenza di una relazione che potrebbe divenir ufficiale con quel che ne consegue. Un banco di prova su cui parimenti posizionarvi un particolare fiore come simbolo che ne richiami la magica realtà che, comunque, inizia a formare in un certo senso di vita.
> A riguardo del simbolo floreale, v'è un pò da pensarci atteso che dev'essere di ogni latitudine !
> Luciano Di Camillo

Daniela martedì, 15 marzo 2016

Grazie

Voglio solo ringraziare le mie amiche perché mi sostengono, perché hanno rispetto del mio sconforto e del mio dolore e sanno sempre farmi sorridere. La questione è semplice un'altra donna il 28/12/2015 mi ha portato via la persona per me molto importante che io amo ancora tantissimo mio marito.
Certo la colpa è anche di lui niente da dire ma lei poteva anche evitare di starci...... 27 anni di matrimonio piallati per una che si crede una nuova oriana fallaci, una che è diventata una PERSONA MIGLIORE che ci tiene a sottolineare che lei è felicissima e che vuole vivere questa storia e dell'altra (cioè io) non gliene importa niente. Ecco questa è una DONNA oggi veramente da "festeggiare". Una donna contenta di annientarne un'altra.

n° 9
sonia martedì, 15 marzo 2016

R: Grazie

Ciao . Donne così ce ne sono molte .il tuo dolore e uguale al mio di tanti anni fa , 25 x l'esattezza avevo due bambini piccoli ora sono due uomini che rispettano le donne . Grazie ad una donna la loro madre. Lasciamole festeggiare con la consapevolezza che non saranno mai 'Donne' .

Gloria tuzola martedì, 15 marzo 2016

Feste delle donne

Mi piace tanto la festa de done

n° 8
... martedì, 15 marzo 2016

R: Feste delle donne

> Mi piace tanto la festa de done

Peccato che non ti piaccia altrettanto la lingua italiana :-(

Chiudi
Aggiungi un commento a 8 Marzo: storia della festa della donna...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Pagina 1 di 3:
1 2 3 > »

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Pagina generata il 2016.07.27 alle 15:24:46 sul server IP 10.9.10.101