L'età dello Sviluppo

Le diverse fasi dello sviluppo: analisi e spiegazioni dettagliate

di Micaela Bonito 8 novembre 2006

LE ETA' DELLO SVILUPPO

Le fasi analizzate sono: Adolescenza, età matura, vecchiaia

V stadio: adolescenza - VI stadio: prima età adulta (dai 20 ai 30 anni ca) - VII stadio: mezza età (dai 40 ai 60 anni; dai 30 ai 40 si parla di "maturità") - VIII stadio: invecchiamento (dopo i 65 anni ca)



Per spiegare le fasi dell'evoluzione fisio-psico-sociale, dall'età dell'adolescenza alla vecchiaia, ci si avvarrà della " teoria degli 8 stadi ", elaborata dallo psicologo Erikson (omettendo i primi 4 stadi, già esposti, a loro tempo, nel capitolo sullo "sviluppo sociale" del bambino e del fanciullo).
E'necessario fare alcune premesse: ogni concisione corre il rischio della diffusione: la psicologia moderna insiste molto sul fatto che più che di "adolescenza" si dovrebbe parlare di "adolescenze", e così via…; le stesse coordinate cronologiche, che delimitano il succedersi dei vari stadi, nonché le stesse modificazioni morfologiche funzionali cognitive e relazionali, che li caratterizzano, non sono da assumersi in modo rigido assoluto ed astratto, ma devono essere di volta in volta adattate all'effettivo sviluppo totale dell'individuo, o meglio, degl'individui.
Infine, gli studi della psicologia dello sviluppo confermano, con sempre maggiore autorità, che infanzia, adolescenza, maturità e vecchiaia sono intimamente e dinamicamente legate : ovvero, chi ha goduto di una buona infanzia, di una sana adolescenza e si è inserito nella maturità con potenziali creativi intatti, ha più potenzialità degli altri, sacrificati nella crescita della personalità, di vivere in modo più creativo e sereno anche l'esperienza del declino.
Ciò detto, procediamo:


V stadio: adolescenza
La crisi , che Erikson individua in quest'età, è tra identità e confusione d'identità . L'adolescente, cioè, deve sviluppare il senso d'identità di se stessi: diventa un individuo con una sua propria personalità distinta da quella dei coetanei e degli adulti, con un proprio " senso critico ", con proprie norme sociali e valori morali, forgiando quelle inclinazioni e quelle strutture mentali che l'accompagneranno per tutta la vita. Il fallimento nella costruzione della propria identità si manifesta nella "confusione dei ruoli", per cui il giovane non riesce a trovare più un ruolo adeguato per la sua personalità nel contesto sociale.
Volendo individuare, schematicamente, le componenti dello sviluppo adolescenziale, abbiamo:
- innanzitutto, le modificazioni fisiche : di pari passo con la crescita fisica (peso, corporatura, altezza…), si accentuano le modificazioni differenziate su base sessuale tra ragazze e ragazzi. Tutto il corpo è sconvolto da una vera e propria tempesta ormonale, e in breve tempo si raggiunge la fertilità; si ha, inoltre, la comparsa dei caratteri sessuali secondari: crescita di peli e barba, modificazione della voce… nell'uomo, mentre nella donna i fianchi si allargano e si sviluppa il seno.
Maturano anche gli organi sessuali esterni ed interni. Nelle ragazze compare il "menarca", un evento che a volte procura gioia e soddisfazione per la maturità raggiunta, altre volte preoccupazioni e timori, specie se non si viene adeguatamente preparate all'evento. In entrambi i sessi, poi, appare il fenomeno della "masturbazione", generalmente intesa come un progresso nella conoscenza del proprio corpo e della propria sessualità e come l'inizio dell'apertura all'esperienza eterosessuale (quando ovviamente la masturbazione non denunci, al contrario, tensioni psichiche regressive di tipo epidico).
Da questa crescita "totale", spesso l'adolescente è impressionato: concentra la sua attività su se stesso, sul suo aspetto esteriore, incominciando a valutare la sua gradevolezza soprattutto rapportandosi agli altri: una pratica, questa, che - a seconda dei riscontri - può generare conforto e compiacenza, ma anche frustrazione e ansia (formazione dei " complessi d'inferiorità ").
- ricerca e raggiungimento dell'indipendenza (l'identità, di cui sopra Erikson);
- la scoperta del senso del tempo : l'adolescente "scopre" d'essere un "soggetto storico", un continuum temporale in cui s'intrecciano passato presente e futuro, ovvero ricordi realtà attuale e prospettive, aspettative, speranze;
- nascita e sviluppo del senso critico (vd. sopra);
- sviluppo del pensiero ipotetico-deduttivo (vd. capitolo sullo "sviluppo cognitivo");
- scoperta dei valori (vd. sopra);
- scoperta dell'amicizia e del sesso : l'adolescente tende ad aggregarsi in gruppi di coetanei, che all'inizio (fino almeno ai 15-16 anni) avrà una struttura omosessuale-paranoide (tutti maschi, tutte femmine; l'altro sesso visto come sgradevole e pericoloso; sviluppo di "guerriglie" tra i sessi…), passerà quindi attraverso un allargamento della propria struttura (accettazione dell'altro sesso, consapevolezza dell'attrazione fisica, inizio del corteggiamento…) fino a ridimensionarsi nelle comunità adolescenziali propriamente dette, ovvero i gruppi duali "eterosessuali-depressivi" (coppie maschio-femmina; il benessere dell'altra persona viene visto come più importante del proprio; si concepisce il legame come l'unione di due esseri "deboli" che acquisiscono forza e senso solo completandosi l'un l'altro…) .
Si è già accennato, all'inizio di questo breve profilo dell'adolescenza, del come quest'età (per eccellenza ambigua e mutevole) presenti evidenti caratteri conflittuali, che nascono essenzialmente dalla tendenziale rottura - come dire - ideologica dall'immagine dei genitori, dalla consapevolezza di sé, dal bisogno di autoaccettarsi e di essere al contempo accettati dagli altri, coetanei e adulti. Molto spesso, l'adolescente elude questi conflitti risolvendoli nella pratica di alcune specifiche " difese ". E' comunque da chiarire che la comparsa di queste difese (che abbiamo, volendo, già trattato a loro tempo e sotto aspetti diversi nel capitolo sulla "frustrazione") non è in sé un fenomeno necessariamente patologico: esse, se adeguatamente assimilate e superate, hanno una parte (paradossalmente) positiva da svolgere nello sviluppo.
Esse, dunque, essenzialmente sono:
- narcisismo : tentativo di valorizzare il proprio io, di farne il centro dell'universo;
- ascetismo : condotta proibizionistica e intransigente di fronte ai propri bisogni pulsionali;
- intellettualizzazione : le emozioni e le pulsioni vengono vissute e consumate esclusivamente a livello del pensiero;
- scissione : il mondo reale viene, in modo estremista, vissuto come insieme appunto scisso di oggetti "buoni" (idealizzati) e "cattivi" (proiettati):
- gruppo (di cui già si è detto).
Infine, tutto quanto detto finora, ci obbliga ad un passo indietro, alla considerazione cioè (contenuta all'inizio del capitolo) che l'adolescenza - come del resto ogni stadio, ma evidentemente più di ogni altro stadio - nella sua più intima essenza dinamica è un fenomeno complesso e articolato. Non a caso, la psicologia moderna ha individuato più "tipologie" (se vogliamo chiamarle così) adolescenziali, o - ma è lo stesso - più "esiti" del processo adolescenziale:
a adolescenza adeguata , quella cioè in cui lo sviluppo e le modalià conflittuali si compongono in modo ottimale (ovviamente, attraverso un processo che sarà comunque sempre lento e penoso);
b adolescenza ritardata : l'adolescente vive la propria vita come vera e propria "emanazione" del proprio nucleo familiare d'origine;
c adolescenza prolungata : consiste in una regressione (o fissazione) libidica agli stati egoici dell'adolescenza;
d adolescenza sacrificata : costituita da quegli adolescenti che, per motivi diversi (ad es. esperienza lavorativa precoce), non possono disporre del tempo necessario da dedicare alla formazione della loro personalità per operare correttamente i cambiamenti richiesti. Questi adolescenti passano, insomma, direttamente dalla terza infanzia allo stato adulto, senza moratoria psico-sociale;
e adolescenza dissociale : costituita da quegli adolescenti che, per motivi diversi (ma sostanzialmente riconducibili ad ambienti familiari non idonei, dissociati o anche patologicamente integralisti), sono rimasti ancorati alle difese maniacali, paranoidee e che idealizzano solo se stessi, vedendo negli altri solo strumenti e vittime del proprio potere;
f adolescenza tossicodipendente : costituita da quegli adolescenti che soddisfano il proprio bisogno di "allontanamento" o vincono la propria paura di "esclusione" attraverso l'assunzione di sostanze psicotrope, che offrono loro l'illusione di una realtà "altra", in cui si sentono fittiziamente forti e al sicuro.


VI stadio: prima età adulta (dai 20 ai 30 anni ca)
La crisi è fra intimità ed isolamento . L'individuo affronta la scelta tra una vita caratterizzata da rapporti d'intimità (rapporti sessuali, matrimonio , cura dei figli) e l'assenza di rapporti affettivi in uno stato d'isolamento. E' lo stadio della vita in cui si pone anche la scelta della professione e generalmente si verifica l'inserimento nel mondo del lavoro (con tutto ciò che ne consegue: autonomia economica; consapevolezza e assunzione di nuove ed importanti responsabilità, come "membro attivo" della società; definizione di nuovi "ruoli"; soddisfazioni o meno dal proprio lavoro…).
Inoltre, le due scelte (lavoro-famiglia) s'intrecciano, dando spesso luogo a conflitti, soprattutto nella donna, per la quale la professione può contrastare col ruolo di moglie e/o madre.
La stessa maternità comporta tutta una serie di complicazioni: dalla sua accettazione, al nuovo ruolo che la donna assume all'interno della famiglia (madre e non più solo moglie), al ridefinirsi dei rapporti col partner, all'intrecciarsi reciproco di rapporti nuovi (genitori-figli).
Infine, le nostre capacità fisiche e intellettuali, già lussureggianti nel corso dell'adolescenza, raggiungono il massimo dell'efficienza proprio in questo stadio.


VII stadio: mezza età (dai 40 ai 60 anni; dai 30 ai 40 si parla di "maturità")
La crisi è tra "generatività" (ovvero, la propensione a contribuire al benessere della futura generazione) e "stagnazione" (o, in termini junghiani, tra attaccamento e separazione), ovvero si pone l'alternativa fra continuare ad occuparsi delle altre persone e della collettività
[soprattutto della famiglia, che comporta - insieme a gioia e serenità (quando pure c'è!) - tutta una serie di problemi e responsabilità, che assorbono la maggior parte delle energie e del tempo], o ritirarsi dalla vita dei rapporti affettivi e sociali . La stagnazione è spesso causata da un esame retrospettivo (il "tirare le somme") della vita passata e dalla constatazione di non aver realizzato i propositi perseguiti negli anni giovanili . Nel caso migliore, per alcuni individui, questo senso d'insuccesso personale può spingere a nuovi interessi (molto spesso artistici) e ad una nuova e più lucida consapevolezza delle proprie capacità.
Con l'avanzare dell'età in questo stadio, la vita familiare si fa generalmente più serena e meno stressante: i figli sono ormai adulti o per lo meno autonomi, ed il rapporto coniugale è oramai stabile ed equilibrato. Di contro, proprio l'uscita di casa dei figli (come conseguenza della loro conquistata indipendenza) può finire col turbare questo idillio: viene a verificarsi quella ch'è definita " sindrome del nido vuoto ", e i coniugi tornano ad essere soli e a rivivere quel rapporto esclusivamente duale cui non erano più abituati.
Dal punto di vista fisico, poi, sempre con l'avanzare dell'età, si preannunciano i cambiamenti tipici dell'approssimarsi della vecchiaia (presbiopia, alopecia, diminuzione dell'energia fisica e del tono muscolare…) : per le donne, in specie, fatto fisiopsicologico di rilevante importanza è l'entrare nella cosiddetta " menopausa " (l'andropausa, ovvero l'involuzione della prostata negli uomini, sembra di per sé invece essere legata a fattori psicosociali piuttosto che meramente ormonali e biologici).
Infine, col preannunciarsi dell'invecchiamento vero e proprio, il sommarsi di tutte queste condizioni, e il loro complicarsi nella "decadenza" fisica, comporta il verificarsi di una crescente sensazione e tensione di ambiguità negli adulti-quasi-anziani: spesso si trovano (ora loro) a dipendere dai propri figli; si sentono sottomessi e dipendenti (a tal proposito, dice Jung che nei maschi si riscopre in sè l'archetipo "femminile", ch'entra in competizione con quello "maschile"); dentro casomai si sentono ancora giovani, mentre la società tende a considerarli oramai anziani (altro archetipo e altro conflitto); sviluppano sentimenti d'invidia e di gelosia nei confronti dei coniugi dei propri figli (accusati, ad es., di aver saccheggiato il "nido" familiare originale) e così via…


VIII stadio: invecchiamento (dopo i 65 anni ca)
L'invecchiamento è un processo irreversibile in cui si verifica, anche in assenza di malattie, il declino delle funzioni vitali
. Tra le molte teorie sulle cause di tale declino, ne spiccano essenzialmente 3, passibili secondo me di una fruttuosa integrazione:
1 la prima teoria (quella classica) considera il corpo in termini meramente meccanicistici, e quindi interpreta l'invecchiamento come un processo di usura dei vari sistemi ed organi;
2 per la seconda (teoria dell'omeostasi e dello stress), invece, la vita umana è legata ad una serie di meccanismi omeostatici che mantengono equilibri fisiologici, che verrebbero meno col processo d'invecchiamento, con una conseguenza alterazione dell'omeostasi appunto. La capacità di recupero dell'equilibrio diventa inferiore nel vecchio rispetto al giovane: la decadenza è legata al fatto che i meccanismi di compenso diventerebbero sempre più deboli con l'età. Gli stress che portano allo scompenso possono essere sia fattori fisici e psichici, sia fattori legati all'ambiente sociale.
3 la terza, infine, (teoria propriamente biogenetica) lega l'invecchiamento ai meccanismi immunitari: una serie di errori metabolici ed ormonali, dovuti all'attività sempre più carente dell'encefalo, porterebbe ad un progressivo indebolimento, o meglio deviazione, dei processi e delle difese immunologiche dell'uomo, che finirebbero con l'aggredire organi e tessuti (le cui cellule, sempre secondo un dettato genetico, non avrebbero più facoltà di riprodursi). Questi dettati genetici, letali per la vecchiaia, assolverebbero - secondo questa teoria - funzioni invece positive durante la prima parte del ciclo vitale, e sarebbero fattori adattivi dell'evoluzione : ad es, che le cellule nervose non si rinnovino giova alla memoria e all'apprendimento; la vita "lunga" garantirebbe saggezza ed esperienza alla specie; la stessa morte preserverebbe l' "economia" (in senso largo) della specie.
Ritornando alle dinamiche psicosociali, possiamo dire che la crisi, nell'età dell'invecchiamento, è tra integrità e disperazione . Infatti, da una parte il processo precedente (nell'età matura) di analisi retrospettiva della propria vita si approfondisce, dall'altro - il pensionamento, le malattie, la morte di un coniuge o degli amici, il sentirsi sempre più un peso per la famiglia e per la società, il sentirsi fuori dal tempo e dal progresso, la "perdita della sessualità", l'onnipresenza del pensiero di una morte sempre più vicina - sono tutti fattori, questi, che possono acuire il senso di abbandono e far perdere l'integrità della propria personalità, lasciandosi andare ad uno stato di disperazione che radicalizza la conflittualità incipiente nell'ultima fase dell'età di mezzo .
A tal proposito, si fronteggiano ben 3 teorie:
1 la "teoria del disimpegno", proposta da Cumming (1961), afferma che l'anziano tende a convincersi che la propria condizione ideale consiste nella rinuncia e nel "ritiro": avvenimenti come il pensionamento o la vedovanza sarebbero vissuti come una sorta di "permesso al disimpegno" concesso dalla società, e che comporta una riduzione dei ruoli sociali rivestiti dall'individuo;
2 la teoria di Havighurst (1969), secondo cui il morale dell'anziano sarebbe elevato fino a quando egli riesce a restare attivo (casomai, con attività vicarianti rispetto al lavoro), malgrado la riduzione dei ruoli sociali cui va incontro con l'età;
3 l 'ipotesi di Canestrari e coll. (1967) afferma che le disposizioni all'impegno, alla vita attiva ed a quella contemplativa, coesistono sempre nell'individuo e giocano un ruolo più o meno importante a seconda dell'individuo stesso e della situazione sociale .
Lo stesso declino cognitivo (soprattutto riguardo la cosiddetta "intelligenza fluida", quella capace cioè di adattarsi a nuove situazioni adottando nuove strategie), associato generalmente al declino fisico, potrebbe essere - nei limiti - scongiurato, se l'inserimento dell'anziano nel contesto sociale permanesse, se l'apprendimento e lo sviluppo della personalità non cessassero mai.
Fatto è, che la vita si è allungata notevolmente in questo secolo: una sempre più vasta popolazione di anziani rimane inattiva dopo il pensionamento, ed è emarginata rispetto alle decisioni della collettività. La psicologia (supportata da fattivi interventi di natura politico-amministrativa, che dovrebbero tradurne nella pratica la teoria preventiva) deve, quindi, affrontare questa nuova problematica, relativa all'involuzione dei processi psichici e all'integrazione di questi individui nella società contemporanea.

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a L'età dello Sviluppo...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.10.23 alle 10:42:50 sul server IP 10.9.10.101