Antoine de Saint-Exupéry: vita di uno scrittore aviatore

Biografia del famoso autore ed aviatore francese, che viene ricordato in modo particolare per la sua opera del 1943 "Il Piccolo Principe"

di Barbara Leone 2 luglio 2010
Antoine Jean Baptiste Marie Roger de Saint-Exupéry è nato a Lione il 29 giugno 1900 e morto nel Mar Tirreno il 31 luglio 1944. Solo nel 2008 sono stati ritrovati i resti dell'aereo sul quale viaggiava, che è stato colpito da un caccia tedesco ed è precipitato. Oltre ad essere uno scrittore, Antoine de Saint-Exupéry è stato anche un abile aviatore. Ha scritto la famosa opera "Il Piccolo Principe", che è stata tradotta in più di 180 lingue. Apparteneva ad una famiglia di nobili origini: era infatti figlio del visconte Jean de Saint-Exupéry e di Marie Boyer de Fonscolombe. Il padre è morto quanto aveva 4 anni, ma, nonostante questo, ha avuto un'infanzia felice, grazie alla madre che lo ha cresciuto, insieme ai suoi fratelli, nel castello di Saint-Maurice-de-Rémens.

antoine_de_saint_exuperyHa frequentato il collegio gesuita di Notre Dame de Sainte Crois e nel 1912 è salito per la prima volta su un aereo nell'aeroporto di Ambérieu. Durante la prima guerra mondiale ha soggiornato prima presso il Collegio di Montgré a Villefranche-sur-Saône e poi in un collegio di padri maristi a Friburgo in Svizzera. Nel 1917 è tornato in Francia e si è iscritto prima al Liceo Bossuet e poi al Liceo Saint-Louis di Parigi. Nel 1921 si è arruolato nel II reggimento di aviazione di Strasburgo ed ha ottenuto il brevetto di pilota civile e militare. Ha vissuto a Parigi per un periodo di tempo, durante il quale ha avuto una storia d'amore con Louise Leveque de Vilmorin e nel 1926 ha pubblicato, sulla rivista Le Navire d'Argent, il suo primo racconto, L'aviatore. Sempre nel 1926 è stato assunto come pilota di linea commerciale dalla Compagnia Generale di Imprese Aeronautiche Latécoère.

Ha vissuto per circa un anno a Capo Juby, dove ha scritto il suo primo romanzo, Courrier Sud, al quale è seguito Vol de nuit. Lasciata l'Africa, si è trasferito nel 1930 a Buenos Aires, dove ha lavorato come direttore dell'aereo postale Argentina-Francia. Qui ha conosciuto Consuelo Suncín-Sandoval Zeceña de Gómez, che ha sposato nel 1931 ed è diventata la sua musa ispiratrice. Nel 1932 è tornato in Francia, dopo una serie di vicissitudini che avrebbero portato alla comfluenza della compagnia per cui lavorava nella futura Air France. In Francia si è dedicato alla scrittura e al giornalismo ed ha brevettato un dispositivo per l'atterraggio di aerei.

Nel 1939 ha pubblicato il libro Terre des hommes, che ha ottenuto un notevole successo ed ha ricevuto un premio da parte dell'Accademia Francese. Il 3 settembre 1939 si è arruolato nell'aeronautica militare di Francia, desiderando assumere il comando di una squadriglia di caccia. Ma la sua richiesta è stata rifiutata ed è entrato in una squadriglia di ricognizione aerea. Il 22 maggio 1940 ha effettuato una missione di ricognizione su Arras e da questa esperienza ha poi composto l'opera "Pilota di guerra" (Pilote de guerre).

A causa di un incidente, durante la seconda guerra mondiale, si è fermato per un periodo a New York e poi, nel 1942, si è trasferito nel Québec. In America, nel 1943, viene pubblicata la sua opera più famosa, "Il Piccolo Principe". Al momento dello sbarco degli alleati in Africa del Nord, ha chiesto di essere arruolato nell'aviazione americana e di poter tornare in Francia in volo. Tornato in Europa, gli sono state affidate 5 missioni di ricognizione fra la Sardegna e la Corsica e durante l'ultima ricognizione è precipitato nel Mar Tirreno ed è morto.

Approfondimenti:
- Il Piccolo Principe
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Antoine de Saint-Exupéry: vita di uno scrittore aviatore...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.08.21 alle 06:22:45 sul server IP 10.9.10.235