Proposizioni Finali

Uno degli argomenti più importante della sintassi dei casi: la costruzione della proposizione finale.

di Micaela Bonito 2 ottobre 2012
Come si formano - Proposizioni finali negative - Vari altri modi di rendere in latino le proposizioni finali


Le proposizioni finali esprimono il fine, lo scopo per raggiungere il quale si attua quanto è espresso nella proposizione reggente.
In italiano, esse sono espresse in forma esplicita con “ affinchè, acciocché, perchè” e il congiuntivo; in forma implicita con “a, per” e l’infinito.


TRADUTTORE DI LATINO GRATIS>>

  1. In latino, comunque siano espresse in italiano, le proposizioni finali si rendono con ut e il congiuntivo presente o imperfetto, rispettivamente in rapporto ad un tempo principale o storico nella proposizione reggente.
  2. Spesso la proposizione finale è anticipata nella proposizione reggente da una espressione dimostrativa, come: eo, idcirco, propterea ob eam causam, eo consilio..
  3. La proposizione finale può essere introdotta dall’ablativo avverbiale quo (ut eo) equivalente ad “affinché con ciò”, specie se in esse vi sia una voce comparativa.

- Ager aratur, quo meliores fetus possit edere.
Il campo viene arato, affinchè con ciò possa dare frutti migliori.



Proposizioni finali negative

La proposizione finale negativa è introdotta dal ne = “affinché non”.
L’italiano “e non”, che lega una seconda proposizione finale ad una prima, si rende con neque (o neve, neu), se la prima è positiva, sempre con neu o neve se la prima è negativa.
- Dionysius tyrannus ne tonsori collum commiteret, tondere suas filias docuit.
Il tiranno Dionigi, per non affidare il collo al barbiere, insegnò alle sue figlie a far la barba.


APP DI LATINO GRATIS>>

Vari altri modi di rendere in latino le proposizioni finali

Le proposizioni finali, oltre che con ut e il congiuntivo, possono essere espresse in latino in diversi altri modi:

  1. con qui, que, qod e il congiuntivo (proposizione relativa di natura finale);
  2. con ad e il gerundio o il gerundivo;
  3. con causa e gratia e il genitivo del gerundio o del gerundivo
  4. con il supino in -um (quando la finale sia retta da un verbo di moto)
  5. con il participio futuro o il participio presente, sebbene l’una e l’altra costruzione siano piuttosto rare.

Cosicché l’esempio: “Vennero ambasciatori a chiedere pace” può trovarsi espresso:
venerunt legati:    ut pacem peterent
                          qui pacem peterent
                          ad petendam pacem
                          causa (o gratia) petendi pacem
                          causa (o gratia) petendae pacis
                          petitum pacem
                          petituri (o petentes) pacem

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

9
Commenti

Pagina 1 di 2:
1 2 > »
distopia martedì, 24 maggio 2016

gerundio o ivo?

ho una domanda... in " ad+ accusativo del gerundio/gerundivo" con che criterio metto gerundivo o gerundio?

n° 7
anonimo incavolato giovedì, 10 settembre 2009

manca di roba

una persona ignorante come a me potrebbe dirvi semplicemente che nn cè scritto niente quelle cose si trovano nei libri bisognerebbe fornire tutto il necessario per tradurre e capire quali sono questi tempi storico e principale e poi che cosa cambia nell'uso della proposizione finale spero abbiate capito

n° 6
Marika lunedì, 26 ottobre 2015

R: manca di roba

Se tu avessi studiato, sapresti che in latino i tempi principali sono presente e futuro e quelli storici imperfetto, perfetto e piuccheperfetto. Nella finale, il rapporto è di contemporaneità; i verbi, nel caso in cui dovessi tu inserirli (o anche a capire come tradurre se ti sono già stati dati), nella subordinata devi sceglierli secondo ciò che si trova nella principale: se nella reggente abbiamo un presente o un futuro, NELLA SUBORDINATA dovrai inserire un PRESENTE LATINO; se dovesse esserci nella reggente un PASSATO ITALIANO, devi inserire NELLA SUBORDINATA FINALE un IMPERFETTO LATINO.
Questo è tutto:)

... lunedì, 26 ottobre 2015

R: R: manca di roba

> Se tu avessi studiato, sapresti che in latino i tempi principali sono presente e futuro e quelli storici imperfetto, perfetto e piuccheperfetto. Nella finale, il rapporto è di contemporaneità; i verbi, nel caso in cui dovessi tu inserirli (o anche a capire come tradurre se ti sono già stati dati), nella subordinata devi sceglierli secondo ciò che si trova nella principale: se nella reggente abbiamo un presente o un futuro, NELLA SUBORDINATA dovrai inserire un PRESENTE LATINO; se dovesse esserci nella reggente un PASSATO ITALIANO, devi inserire NELLA SUBORDINATA FINALE un IMPERFETTO LATINO.
> Questo è tutto:)

Se tu avessi letto la data, avresti evitato di fare la figura della povera deficiente che risponde a commenti di 6 (S-E-I) anni prima solo per il gusto di fare la maestrina stronza...

Staff martedì, 28 ottobre 2008

www.magicgames.blogfree.net

www.magicgames.blogfree.net

n° 5
Marco domenica, 28 settembre 2008

Commento

Buona scheda riassuntiva, voto 8.

n° 4
mikele giovedì, 7 agosto 2008

stronzata

concordo con lui una grande cazzata

n° 3
Chiudi
Aggiungi un commento a Proposizioni Finali...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Pagina 1 di 2:
1 2 > »

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Pagina generata il 2016.07.26 alle 18:01:20 sul server IP 10.9.10.102