Lo sfruttamento minorile, un problema da contrastare: tema svolto per la scuola

Sono ancora troppi i bambini che nel mondo sono costretti a lavorare, mentre dovrebbero soltanto pensare alla scuola e al divertimento: cosa si può fare per risolvere questo annoso problema?

di Barbara Leone 16 febbraio 2012
Gli Stati riconoscono il diritto di ogni bambino ad essere protetto contro lo sfruttamento economico e a non essere "costretto ad alcun lavoro che comporti rischi o sia suscettibile di porre a repentaglio la sua educazione o di nuocere alla sua salute o al suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale o sociale”.  Così dice l’articolo 32 della convenzione ONU sui diritti dell’infanzia. Tuttavia nel mondo, 211 milioni di bambini e bambine lavorano. Hanno meno di 14 anni, dovrebbero andare a scuola, giocare, avere tempo per riposare, e invece lavorano: nei campi, nelle discariche, sulla strada, ovunque vi siano opportunità di guadagnare qualcosa per aiutare a sopravvivere sé e la propria famiglia.

RELAZIONE sullo sfruttamento minorile nel mondo. CLICCA QUI >>

sfruttamento_minorileAlcuni riescono a trovare il tempo per frequentare la scuola, ma la maggior parte di essi non ha mai messo piede in un’aula scolastica, ed è probabile che non lo farà mai. A meno che qualcuno li aiuti. Le stime più recenti ci dicono che i bambini lavoratori vivono soprattutto in Asia, ma che è l’Africa il continente in cui, in proporzione, è più alta la probabilità che un bambino sia costretto ad un’occupazione precoce. Tuttavia, i baby-lavoratori sono numerosi nei paesi a medio reddito e non mancano neppure nei paesi industrializzati: trecentomila in Italia, paese che, per questo triste primato, si colloca nelle prime posizioni europee superato solo dal Portogallo e dall'Albania.

LAVORO MULTIDISCIPLINARE sullo sfruttamento minorile. CLICCA QUI >>


Molti bambini sono mandati dalle proprie famiglie a lavorare in nero per guadagnare qualche soldo in più da portare a casa. A volte i soprusi, che subiscono i bambini sono intollerabili e spingono i piccoli lavoratori a ribellarsi. Il lavoro minorile è un fenomeno assai complesso, e non esistono soluzioni semplici. Liberare i bambini dal giogo del lavoro significa offrire loro alternative valide e realistiche. Il reinserimento scolastico è la soluzione ottimale, ma bisogna anche tenere conto dello stato di necessità che aveva spinto la famiglia, o il minore stesso, a compiere la scelta del lavoro precoce.

ATTUALITA' E LETTERATURA: Lo sfruttamento minorile in riferimento a Rosso Malpelo. CLICCA QUI >>

Non è pensabile che il lavoro minorile scompaia dal mondo oggi, e neppure domani. Segnali positivi sono però visibili. Il fenomeno del lavoro minorile, pressoché ignorato dalla comunità internazionale fino a metà anni Novanta, è oggi compreso e affrontato con strumenti mirati, e le strategie di contrasto fanno tesoro di esperienze sempre più numerose e significative. L’infanzia è l’età del gioco, del divertimento, della spensieratezza: lasciamo che ogni bambino viva e conosca la vera felicità che forse solo in questo periodo avrà!

CERCHI ALTRI TEMI SVOLTI per la scuola? CLICCA QUI >>


FORSE TI INTERESSA ANCHE
:
- Lavoro minorile: una battaglia da vincere >>
- Sei in grado di fare un buon tema? >>
- Tema svolto sul fenomeno dell'immigrazione >>
- Tesina sullo sfruttamento dei minori >>

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Lo sfruttamento minorile, un problema da contrastare: tema svolto per la scuola...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.11.23 alle 19:42:09 sul server IP 10.9.10.109