Traduzione guidata di greco: l'"Etica Nicomachea" di Aristotele

Come tradurre una versione di greco? Come interpretare alcuni costrutti grammaticali? Un esempio di traduzione guidata per affrontare senza paura i vostri compiti

di Redazione Studenti 29 febbraio 2008
Legenda
Proposizione principale
Participio
Congiunzione

Verbo = indicato con una sottolineatura
Soggetto =  indicato con doppia sottolineatura
Inizio di una nuova proposizione = viene indicato con  //

La felicità (Etica Nicomachea, 1095 a-b)
brano tratto dall' "Etica Nicomachea" di Aristotele

1° PERIODO
Aristotele - etica nicomachea

Il primo periodo inizia con una causale introdotta da
, segue la principale che è una interrogativa diretta e poi una relativa il cui verbo regge l’accusativo e l’infinito, e poi una coordinata alla principale che è sempre un’interrogativa diretta con elissi del verbo  


  --» congiunzione causale temporale
è una terza persona singolare medio passiva indicativo presente.
Controllare se tale verbo nella sua costruzione il genitivo dal momento che è preceduto da un genitivo
+ genitivo = aspirare a, bramare a.

proposizione principale = che cosa è

proposizione relativa introdotta da un genitivo maschile richiesto dal verbo dell’infinitiva retta da   cioè 


Il dimostrativo antecedente al relativo è sottinteso.
  --» coordinata all'interrogativa diretta con ellissi del verbo

--»  aggettivo di grado superlativo (indicato dal suffisso ) sostantivato = Il più alto. Regge il genitivo partitivo 

La traduzione quindi risulterà la seguente:

Dal momento che è amato ogni mezzo di conoscenza e la determinazione di ogni bene, che cosa è ciò a cui diciamo che tende la politica e qual è il più alto di tutti i beni fra quelli fattibili?


2° PERIODO

III persona singolare medio passiva dal verbo o(mologew= convengo, sono
d’accordo. = convengo su qualcosa.

dativo singolare da = nome. E' un dativo richiesto dal verbo della proposizione

La frase dopo il punto in alto spiega quale sia questo nome, come mostra la congiunzione gar.

E’ un aggettivo sostantivato xarieij ,-eissa, -en = bello, sia in senso fisico che morale . Il contesto naturalmente fa propendere per la seconda accezione di significato, quindi significherà “persone colte”


la particella indica una contrapposizione, quindi è necessario tradurla con una congiunzione avversativa (= ma, invece)

III persona plurale presente indicativo, da
 = ritenere
Tale verbo regge un’ infinitiva con il verbo  , che è sottointeso

  infiniti sostantivati neutri accusativi soggetti dell’infinitiva

crasi tra l’ articolo e 
la stessa cosa
 infinito sostantivato caso dativo = all’essere felice



sulla felicità, che cosa sia, sono in disaccordo.


Scarica la traduzione guidata in formato .pdf

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Pagina generata il 2016.09.28 alle 05:26:54 sul server IP 10.9.10.101