Le pratiche da sbrigare prima di partire

Di Marta Ferrucci.

Cosa fare prima di partire: passo passo, tutto quello che bisogna fare e cosa portare prima di partire per un viaggio nei paesi comunitari e non

COSA FARE PRIMA DI PARTIRE: LE PRATICHE DA SBRIGARE

Paesi dell'Unione Europea. I cittadini di uno stato dell'Unione Europea sono automaticamente cittadini dell'Unione. Per regolarizzare la propria posizione nel paese di destinazione si dovranno effettuare delle pratiche burocratiche diverse a seconda della durata del soggiorno: chi intenda trascorrere un periodo di vacanza, studio o impiego per una durata non superiore ai tre mesi in un'altra Nazione europea, prima di partire non dovrà espletare alcuna pratica burocratica.

LISTA DELLE COSE DA PORTARE IN VIAGGIO

Cosa fare prima di partire: le pratiche da sbrigare
Cosa fare prima di partire: le pratiche da sbrigare

Sarà sufficiente la carta di identità o il passaporto validi e la segnalazione della propria presenza nel luogo di destinazione estero, secondo le modalità previste da quel paese.

Qualora il soggiorno sia compreso tra i tre mesi e l'anno sarà possibile ottenere, presso il paese in cui si dimora, un titolo di soggiorno per il periodo richiesto. Se la permanenza ha una durata superiore all'anno è necessario ottenere una carta di soggiorno, presso il paese europeo in cui ci si reca.

Leggi anche: Come trovare lavoro all'estero: la nuova guida Eures

Essa constata la sola esistenza del diritto di soggiorno e non è un requisito per godere del diritto stesso. Ciò significa che la carta di soggiorno è necessaria per rendere regolare la propria posizione, tuttavia, è possibile iniziare un'attività di studio o lavoro anche prima che venga rilasciata. Questo documento lo si ottiene presentando la carta di identità o il passaporto validi, accompagnati dal certificato di lavoro, per i lavoratori dipendenti, o da un'iscrizione a un istituto riconosciuto se si tratta di uno studente.

Lavorare all'estero: I Paesi che offrono maggiori opportunità e i consigli per partire

Paesi extra Unione. E' possibile effettuare un'esperienza lavorativa anche in una Nazione non europea, tuttavia non esistendo dei meccanismi automatici che permettano la libera circolazione delle persone e del lavoro, è necessario espletare delle formalità burocratiche da avviarsi prima di andare nel paese estero. Ogni nazione prevede delle modalità diverse per ottenere il permesso di lavoro o di soggiorno, pertanto, per un'informazione specifica relativa ad ogni singolo Stato, rimandiamo alla consultazione del materiale presente all'InformaGiovani.