I lavori ben pagati che nessuno ha voglia di fare

Sei alla ricerca di un lavoro? Ci sono molti settori che offrono molte opportunità e lavori pagati molto bene, ma dove si fa fatica a trovare personale. Scopri quali sono i lavori con più richieste

di Barbara Leone 5 maggio 2014
Tempo di crisi. Ed è difficile trovare lavoro. Ma è veramente così? Ci sono alcuni settori che offrono molte opportunità di lavoro, anche ben pagate, ma ai giovani non interessano. E così le aziende fanno fatica a trovare personale. Lavori spesso manuali e faticosi che però vengono pagati molto più di quanto potrebbe guadagnare un impiegato laureato. Ed allora perché non provare a confrontarsi con queste opportunità invece di lamentarsi che in Italia non c'è lavoro?

GUARDA ANCHE  Nel Cercalavoro oltre 1.000 offerte di lavoro sempre aggiornate

panettiereOvviamente non si tratta di lavori che si possono fare così da un giorno all'altro. E serve un po' di esperienza e manualità per diventare veramente bravi. Ma magari i giovani alla ricerca di un'occupazione potrebbero mettersi in gioco e decidere di diventare apprendisti, per imparare un mestiere (come si faceva una volta!) che veramente può farli guadagnare e di cui c'è molta richiesta nel mercato del lavoro. Senza aver pausa di sporcarsi le mani e di fare lavori in orari non "tradizionali".

FOCUS - Curriculum, guarda come si fa

Dagli artigiani ai cuochi, dai falegnami ai meccanici... sono svariati i settori in cui le aziende trovano molte difficoltà a selezionare nuovo personale. Ci sono aziende che arrivano ad assumere come consulenti esterni gli ex dipendenti che sono andati in pensione proprio perché non riescono a trovare nessuno che li sostituisca. Ed aziende che impiegano mesi e mesi prima di riuscire a trovare qualcuno qualificato a svolgere un particolare compito. 

FOCUS -
Come si fa la lettera di presentazione

Spesso con una laurea o un master in tasca si fa veramente fatica a trovare un lavoro adatto alle proprie competenze, ma si dimentica che ci sono molte professioni che possono dare soddisfazioni enormi. E magari riguardano settori che da alcune persone sono considerato solo dei semplici "hobby". Se sei alla ricerca di un lavoro serio e sei disposto ad imparare, scopri quali sono i lavori ben pagati che nessuno vuole fare. E potresti trovare quello giusto per te!

 
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

249
Commenti

Pagina 1 di 12:
1 2 3 4 5 6 > »
Lele87 lunedì, 25 agosto 2014

anni di sacrifici al vento

Mi chiamo Daniele ho 27 anni e la mia famiglia conduce da sempre una tipografia. Mi sono subito appassionato a questo lavoro tant'è che sono diventato un grafico pubblicitario, inizialmente lavoravo nella mia azienda ma sentivo il bisogno di spingermi oltre ma sopratutto la sicurezza di una mesata fissa. Nel 2009 vengo assunto da una ditta prestigiosa ma alla fine del 2010 tagliano il personale, me compreso. Nel 2011 lavoro in uno studio grafico fuori dalla mia città e lì inizio ad avere una certa serenità economica. Da qualche anno avevo casa, mi facevo tutto da solo. Nel 2013 arriva la botta finale: anche lì riducono il personale mandandomi via. Ad oggi lavoro nella tipografia di famiglia ma è veramente dura: tasse su tasse, INPS, Equitalia e chi più ne ha più ne metta! Ho dovuto ovviamente lasciare la casetta (ed anche la ragazza con la quale convivevo), tornare a casa di mia madre e tra poco sarò costretto a vendermi anche l'auto.
Ho inviato moltissimi CV, ho fatto lavoretti saltuari anche come bracciante agricolo ma di concreto davvero nulla. Pensate che mia madre ha fatto domanda per la pensione con 45 anni di contributi...sapete quanto le danno? 500 euro al mese! E sapete perchè? Le hanno risposto: "Beh signora lei svolge il lavoro di tipografa, è iscritta come artigiano, gli artigiani prendono meno di tutti"
COSAAAA??? Quindi io dovrei lavorare una vita per prendere una miseria solo perchè sono artigiano?
Ho una rabbia che non potete capire, tutti questi sacrifici negli anni non stanno valendo a niente, per questo sto progettando la mia fuga all'estero.
Ci hanno tolto il futuro.

n° 58
max l'altro ieri

R: anni di sacrifici al vento

in base a cio che ha versato prende la pensione...

min l'altro ieri

R: R: anni di sacrifici al vento

> in base a cio che ha versato prende la pensione...

Marco venerdì, 5 settembre 2014

R: anni di sacrifici al vento

Intanto diamo una distinzione "ben precisa" su cosa vuol dire LAVORARE e cosa vuol dire avere una professione.Lavorare vuol dire "fare qualcosa" che una volta che ho finito di farla, continuo a produrre reddito a prescindere dal fatto che passo del tempo a farlo.

E cioè ad esempio: Produrre un libro , il libro lo vendo (ogni volta che vendo un libro) mi entrano 1,53€ nelle mie tasche, quello è un "VERO LAVORO".

Tutto il resto e cioè ARTIGIANI,DIPENDENTI,DIRIGENTI ecc.. sono "professioni" cioè stanno "barattando" tempo per soldi.

Noi siamo nell'era dell'informazione devi far lavorare IL CERVELLO,non la forza fisica.Se si continua a pensare di produrre denaro con la forza fisica, NON E' COSI' si produce denaro con la testa.

Altra cosa se tu sei "indispensabile" per la tua attività non hai un BUSINESS,hai un lavoro.Tu devi far in modo che quell'attività diventi "automatica" e ti porti delle rendite. Tu pensa Vasco Rossi che ha delle attività , tra cui i diritti d'autore che producono "utili" a prescindere dal tuo tempo. QUESTE SONO RENDITE.

Ma la maggior parte delle persone in Italia non sono IMPRENDITORI,son persone che si sono "comprate" un posto di lavoro più pagato.

Poi non puoi pensare di iniziare un lavoro e portarlo avanti per 30 anni perchè viviamo in un'epoca MOLTO VELOCE.Dove l'economia cambia velocemente, i mercati cambiano velocemente , "le mode cambiano velocemente".

Tu pensa alle "agenzie viaggi" fino al 2000 erano più di 23000 oggi sono meno di 8000, perchè? Perchè tutti prenotano i viaggi su internet ecc..
Quindi come vedi l'economia cambia velocemente.
Non puoi fare un certo tipo di lavoro e portarlo avanti per sempre perchè PURTROPPO tutto cambia.

Devi capire qual è il settore che in questo momento TIRA di più, e fiondartici su.
Il tizio che ti dice di "pagarti poco" purtroppo ha ragione. E ti spiego perchè.
Ci sono 2 condizioni diverse:

"il valore di una persona" e il "valore di una persona rispetto al mercato"

Noi purtroppo veniamo pagati in base al valore che esprimiamo sul mercato:
ti faccio un esempio banale : Un insegnante che ha un lavoro che è importantissimo cioè quello di far crescere dei bambini, viene pagato poco rispetto al calciatore perchè?

Perchè il suo valore di mercato, cioè l'insegnate impatta su 20 persone e il calciatore impatta su milioni di telespettatori e via dicendo.
Quindi che cosa succede? Che non veniamo pagati "per quello che facciamo" ma per il VALORE che esprimiamo sul mercato.

Purtroppo ci son dei "settori" dove quel valore non si esprime più,perchè ad esempio produrre costa meno nei paesi dell'est ecc....

Quando hai tempo vai su Itunes ---> Podcast ---> BUSINESS caffeina.
Ascoltateli danno di quelle informazioni,dove spiegano gli errori del 99% degli italiani sul fare impresa.

E guardati questo video:
https://www.youtube.com/watch?v=YGJ1fim4eb0

DyeingHouseGalleryDyeingHouseGallery venerdì, 5 settembre 2014

R: R: anni di sacrifici al vento

> Intanto diamo una distinzione "ben precisa" su cosa vuol dire LAVORARE e cosa vuol dire avere una professione.Lavorare vuol dire "fare qualcosa" che una volta che ho finito di farla, continuo a produrre reddito a prescindere dal fatto che passo del tempo a farlo.
>
> E cioè ad esempio: Produrre un libro , il libro lo vendo (ogni volta che vendo un libro) mi entrano 1,53€ nelle mie tasche, quello è un "VERO LAVORO".
>
> Tutto il resto e cioè ARTIGIANI,DIPENDENTI,DIRIGENTI ecc.. sono "professioni" cioè stanno "barattando" tempo per soldi.
>
> Noi siamo nell'era dell'informazione devi far lavorare IL CERVELLO,non la forza fisica.Se si continua a pensare di produrre denaro con la forza fisica, NON E' COSI' si produce denaro con la testa.
>
> Altra cosa se tu sei "indispensabile" per la tua attività non hai un BUSINESS,hai un lavoro.Tu devi far in modo che quell'attività diventi "automatica" e ti porti delle rendite. Tu pensa Vasco Rossi che ha delle attività , tra cui i diritti d'autore che producono "utili" a prescindere dal tuo tempo. QUESTE SONO RENDITE.
>
> Ma la maggior parte delle persone in Italia non sono IMPRENDITORI,son persone che si sono "comprate" un posto di lavoro più pagato.
>
> Poi non puoi pensare di iniziare un lavoro e portarlo avanti per 30 anni perchè viviamo in un'epoca MOLTO VELOCE.Dove l'economia cambia velocemente, i mercati cambiano velocemente , "le mode cambiano velocemente".
>
> Tu pensa alle "agenzie viaggi" fino al 2000 erano più di 23000 oggi sono meno di 8000, perchè? Perchè tutti prenotano i viaggi su internet ecc..
> Quindi come vedi l'economia cambia velocemente.
> Non puoi fare un certo tipo di lavoro e portarlo avanti per sempre perchè PURTROPPO tutto cambia.
>
> Devi capire qual è il settore che in questo momento TIRA di più, e fiondartici su.
> Il tizio che ti dice di "pagarti poco" purtroppo ha ragione. E ti spiego perchè.
> Ci sono 2 condizioni diverse:
>
> "il valore di una persona" e il "valore di una persona rispetto al mercato"
>
> Noi purtroppo veniamo pagati in base al valore che esprimiamo sul mercato:
> ti faccio un esempio banale : Un insegnante che ha un lavoro che è importantissimo cioè quello di far crescere dei bambini, viene pagato poco rispetto al calciatore perchè?
>
> Perchè il suo valore di mercato, cioè l'insegnate impatta su 20 persone e il calciatore impatta su milioni di telespettatori e via dicendo.
> Quindi che cosa succede? Che non veniamo pagati "per quello che facciamo" ma per il VALORE che esprimiamo sul mercato.
>
> Purtroppo ci son dei "settori" dove quel valore non si esprime più,perchè ad esempio produrre costa meno nei paesi dell'est ecc....
>
> Quando hai tempo vai su Itunes ---> Podcast ---> BUSINESS caffeina.
> Ascoltateli danno di quelle informazioni,dove spiegano gli errori del 99% degli italiani sul fare impresa.
>
> E guardati questo video:
> https://www.youtube.com/watch?v=YGJ1fim4eb0

...ma va' a cagare cretino...

Marco venerdì, 5 settembre 2014

R: R: R: anni di sacrifici al vento

Ma tu chi 6? Che cosa fai di mestiere? Quando guadagni quello che guadagno io ok,se no non mi rompere.

Ohhh ma che 2 maroni!

Fino ad allora stammi sui m........

DyeingHouseGalleryDyeingHouseGallery venerdì, 5 settembre 2014

R: R: anni di sacrifici al vento

> Intanto diamo una distinzione "ben precisa" su cosa vuol dire LAVORARE e cosa vuol dire avere una professione.Lavorare vuol dire "fare qualcosa" che una volta che ho finito di farla, continuo a produrre reddito a prescindere dal fatto che passo del tempo a farlo.
>
> E cioè ad esempio: Produrre un libro , il libro lo vendo (ogni volta che vendo un libro) mi entrano 1,53€ nelle mie tasche, quello è un "VERO LAVORO".
>
> Tutto il resto e cioè ARTIGIANI,DIPENDENTI,DIRIGENTI ecc.. sono "professioni" cioè stanno "barattando" tempo per soldi.
>
> Noi siamo nell'era dell'informazione devi far lavorare IL CERVELLO,non la forza fisica.Se si continua a pensare di produrre denaro con la forza fisica, NON E' COSI' si produce denaro con la testa.
>
> Altra cosa se tu sei "indispensabile" per la tua attività non hai un BUSINESS,hai un lavoro.Tu devi far in modo che quell'attività diventi "automatica" e ti porti delle rendite. Tu pensa Vasco Rossi che ha delle attività , tra cui i diritti d'autore che producono "utili" a prescindere dal tuo tempo. QUESTE SONO RENDITE.
>
> Ma la maggior parte delle persone in Italia non sono IMPRENDITORI,son persone che si sono "comprate" un posto di lavoro più pagato.
>
> Poi non puoi pensare di iniziare un lavoro e portarlo avanti per 30 anni perchè viviamo in un'epoca MOLTO VELOCE.Dove l'economia cambia velocemente, i mercati cambiano velocemente , "le mode cambiano velocemente".
>
> Tu pensa alle "agenzie viaggi" fino al 2000 erano più di 23000 oggi sono meno di 8000, perchè? Perchè tutti prenotano i viaggi su internet ecc..
> Quindi come vedi l'economia cambia velocemente.
> Non puoi fare un certo tipo di lavoro e portarlo avanti per sempre perchè PURTROPPO tutto cambia.
>
> Devi capire qual è il settore che in questo momento TIRA di più, e fiondartici su.
> Il tizio che ti dice di "pagarti poco" purtroppo ha ragione. E ti spiego perchè.
> Ci sono 2 condizioni diverse:
>
> "il valore di una persona" e il "valore di una persona rispetto al mercato"
>
> Noi purtroppo veniamo pagati in base al valore che esprimiamo sul mercato:
> ti faccio un esempio banale : Un insegnante che ha un lavoro che è importantissimo cioè quello di far crescere dei bambini, viene pagato poco rispetto al calciatore perchè?
>
> Perchè il suo valore di mercato, cioè l'insegnate impatta su 20 persone e il calciatore impatta su milioni di telespettatori e via dicendo.
> Quindi che cosa succede? Che non veniamo pagati "per quello che facciamo" ma per il VALORE che esprimiamo sul mercato.
>
> Purtroppo ci son dei "settori" dove quel valore non si esprime più,perchè ad esempio produrre costa meno nei paesi dell'est ecc....
>
> Quando hai tempo vai su Itunes ---> Podcast ---> BUSINESS caffeina.
> Ascoltateli danno di quelle informazioni,dove spiegano gli errori del 99% degli italiani sul fare impresa.
>
> E guardati questo video:
> https://www.youtube.com/watch?v=YGJ1fim4eb0

...ma va' a cagare cretino...

Marco venerdì, 5 settembre 2014

R: R: R: anni di sacrifici al vento

Ma tu chi 6 cosa fai nella vita? Quando guadagnerai milioni di euro come il sottoscritto potrai parlare, se no fino ad allora non mi rompere il c-a-z-z-o e va a cagare.

Oooh ma che 2 maroni ;)

Annalisa Barbieri Rishika Allegra Gioia martedì, 2 settembre 2014

R: anni di sacrifici al vento

Ciao prova a leggere di Paramahansa Yogananda come vincere le sfide della vita ed Ananda e L''Autobiografia di uno Yogi ed Astrolabio e Verso la Realizzazione del Sè ed Astrolabio sono utili per pensieri positivi

DyeingHouseGalleryDyeingHouseGallery martedì, 2 settembre 2014

R: R: anni di sacrifici al vento

> Ciao prova a leggere di Paramahansa Yogananda come vincere le sfide della vita ed Ananda e L''Autobiografia di uno Yogi ed Astrolabio e Verso la Realizzazione del Sè ed Astrolabio sono utili per pensieri positivi

...ma va' a cagare cretina...

Annalisa Barbieri Rishika Allegra Gioia martedì, 2 settembre 2014

R: R: R: anni di sacrifici al vento

ma guarda che c'è il karma se non ci credi non è colpa mia per sollevarsi dal karma bisogna essere ancorati alla luce di Dio

Ercole lunedì, 18 agosto 2014

la grande bugia

esperienza di 30 anni nella falegnameria ,arredamento e serramenti ,ditemi le ditte che hanno bisogno di uno specializzato io non le trovo da 4 anni,tutti fanno tutto senza averne titolo e le paghe sono basse ........voi vivete in un altro mondo.

n° 57
Cristian martedì, 8 luglio 2014

Ma quale lavoro, ma dove

ho 32 anni due diplomi di istituto superiore, uno di istituto alberghiero, e cerco lavoro come aiuto pasticcere, perchè non ho esperienza diretta, ma me la cavo molto bene. Le uniche proposte di lavoro mi arrivano dall'estero e alla fine farò davvero le valige per andarmene da questo schifo.

n° 56
Annalisa Barbieri Rishika Allegra Gioia martedì, 2 settembre 2014

R: Ma quale lavoro, ma dove

un idea mia visto che tutto è on line perchè non metti su un sito se puoi con cibi preparati da te magari Bio magari è utile

DyeingHouseGalleryDyeingHouseGallery martedì, 2 settembre 2014

R: R: Ma quale lavoro, ma dove

> un idea mia visto che tutto è on line perchè non metti su un sito se puoi con cibi preparati da te magari Bio magari è utile

Ma va' a morire ammazzata put-ta-na!

Marco lunedì, 7 luglio 2014

gretolemen@tiscali.it

Il problema in “generale”,è che la maggior parte delle persone quando si PROPONGONO alle aziende,non si percepiscono come degli “esperti” nel risolvere un problema specifico,ma come “commodities” ossia persone che non sanno “differenziarsi” dalla concorrenza – i candidati-.

È logico che poi le aziende,scusate la volgarità “strizzano i coglioni” sul pagare meno i candidati,l’esperienza,o l’età,perché dipende che valore date al mercato,NON in base al tempo che passate a produrre.

Se ci fate caso son le stesse identiche “obiezioni” che fate voi quando dovete acquistare un prodotto/servizio (telefono,televisore ecc..) del tipo:

“PERCHÉ DEVO ACQUISTARE IL SUO PRODOTTO QUANDO IN UN ALTRO NEGOZIO HA LE STESSE FUNZIONI E COSTA MENO?”

Questo perché le aziende non sanno differenziarsi dalla concorrenza,stessa cosa per chi cerca lavoro.Ricordartevi che qualunque ruolo volete occupare formalmente all’interno di questa società:

AVVOCATO,INGEGNERE,IMPRENDITORE e ANCHE IL DIPENDENTE, dovrete imparare a fare una cosa e cioè “Vendere” che non significa quella cosa come molti pensano:

“avere la parlantina” “rompere i coglioni alla gente” “manipolare la gente”

quelle son cavolate alla PNL che usano i vari coach motivazionali alla ANTHONY ROBBINS, HARV EKER o le camminate sulle carbonelle,che servono per AUMENTARE l’AUTOSTIMA e LA CRESCITA PERSONALE ma non per vendere :) o che usando tecniche ipnotiche,inducono una persona ad acquistare ecc..!

VENDERE SIGNIFICA SAPER RISOLVERE UN DETERMINATO PROBLEMA O UN BISOGNO SPECIFICO IN CAMBIO DI DENARO STOP.

Anche il dipendente è un venditore.Semplicemente è uno scarso venditore che vende un servizio (il lavoro operaio) ed ha uno scarso valore ed è facilmente sostituibile! I Candidati la prima domanda che dovrebbero fare ai loro interlocutori è

“COME POSSO AIUTARLA A RISOLVERE IL PROBLEMA IN AZIENDA”?

NON: “Eh ma quanto mi date” “eh ma quanti giorni di ferie ho” “tredisima,quattordicesima”

Cose che per il momento non c’entrano un cazzo per il momento!

E’ lo stesso identico errore che fanno moltissimi imprendidioti italiani! Non si percepiscono come persone che vogliono “aiutare” veramente i loro clienti ma come zecche parassite che succhiano il sangue alle persone.

Non fraintendetemi NON mi riferisco a tutti gli imprenditori,ma ad una certa categoria di persone!

n° 55
Annalisa Barbieri Rishika Allegra Gioia martedì, 2 settembre 2014

R: gretolemen@tiscali.it

ciao siamo in un periodo drammatico un libro utile è The Yugas di Jospeh Selbie e David Steinmtez ed Crystal Clarity Publischers è in inglese ma almeno ti parla di possibili possibilità è il libero arbitrio umano che ha creato questo caos di Paramahansa Yogananda sarebbe utile leggere Verso la Realizazzione del Sè ed Astrolabio e come vincere le sfide della vita ed Ananda L'Autobiografia di uno Yogi ed Astrolabio e di Swami Kriyananda come attrarre la prosperità ed Ananda

DyeingHouseGalleryDyeingHouseGallery martedì, 2 settembre 2014

R: R: gretolemen@tiscali.it

> ciao siamo in un periodo drammatico un libro utile è The Yugas di Jospeh Selbie e David Steinmtez ed Crystal Clarity Publischers è in inglese ma almeno ti parla di possibili possibilità è il libero arbitrio umano che ha creato questo caos di Paramahansa Yogananda sarebbe utile leggere Verso la Realizazzione del Sè ed Astrolabio e come vincere le sfide della vita ed Ananda L'Autobiografia di uno Yogi ed Astrolabio e di Swami Kriyananda come attrarre la prosperità ed Ananda

Ma va' a morire ammazzata put-ta-na!

maurizio venerdì, 25 luglio 2014

R: gretolemen@tiscali.it

hai ragione, bella analisi e molto realistica, non sarà per tutti così ma ciò che hai scritto è vero.
ciao

Luigi venerdì, 25 luglio 2014

R: R: gretolemen@tiscali.it

> hai ragione, bella analisi e molto realistica, non sarà per tutti così ma ciò che hai scritto è vero.
> ciao

dariof mercoledì, 28 maggio 2014

matematica..altro che lettere

la verità e che se volete lavorare dovete studiare facoltà coi controcoglioni come matematica.
Da me a matematica zero disoccupazione. Una laurea che crea il 100 percento di occupati..

n° 54
Gianluca martedì, 2 settembre 2014

R: matematica..altro che lettere

> la verità e che se volete lavorare dovete studiare facoltà coi controcoglioni come matematica.
> Da me a matematica zero disoccupazione. Una laurea che crea il 100 percento di occupati..

Che bello sapere che c'è ancora gente che è pronta a scherzare su queste cose.....
Noi ci disperiamo e lui consiglia di studiare matematica
Poi magari andiamo tutti a insegnare al MIT con la nostra laurea italianissima che non cagano nemmeno nella scuola primaria

Viva l'ignoranza e l'ottimismo

@Gianluca martedì, 2 settembre 2014

R: R: matematica..altro che lettere

> > la verità e che se volete lavorare dovete studiare facoltà coi controcoglioni come matematica.
> > Da me a matematica zero disoccupazione. Una laurea che crea il 100 percento di occupati..
>
> Che bello sapere che c'è ancora gente che è pronta a scherzare su queste cose.....
> Noi ci disperiamo e lui consiglia di studiare matematica
> Poi magari andiamo tutti a insegnare al MIT con la nostra laurea italianissima che non cagano nemmeno nella scuola primaria
>
> Viva l'ignoranza e l'ottimismo

Ciao Gianluca, ovviamente non potevi saperlo ma quello a cui stai rispondendo è solo un povero bimbominchia che si diverte (pensa te che pena..) a scrivere su tutte le pagine di questi sito per studenti che parlano di lavoro commenti in cui fingendosi 100 persone diverse consiglia questa o quell'altra facoltà in cui la disoccupazione magicamente non esiste... E' solo un miserevole miserabile che va compatito, la sua vita dev'essere davvero triste e vuota perché si sia ridotto a far questo per divertirsi. Ciao

davuide lunedì, 16 giugno 2014

R: matematica..altro che lettere

ahahahahahahahahahahahahahahahahahahha xd xd xd xd

beato te che ci credi amico mio, viva l'ignoranza xd

@davuide martedì, 2 settembre 2014

R: R: matematica..altro che lettere

> ahahahahahahahahahahahahahahahahahahha xd xd xd xd
>
> beato te che ci credi amico mio, viva l'ignoranza xd

Ciao davuide, ovviamente non potevi saperlo ma quello a cui stai rispondendo è solo un povero bimbominchia che si diverte (pensa te che pena..) a scrivere su tutte le pagine di questi sito per studenti che parlano di lavoro commenti in cui fingendosi 100 persone diverse consiglia questa o quell'altra facoltà in cui la disoccupazione magicamente non esiste... E' solo un miserevole miserabile che va compatito, la sua vita dev'essere davvero triste e vuota perché si sia ridotto a far questo per divertirsi. Ciao

Chiudi
Aggiungi un commento a I lavori ben pagati che nessuno ha voglia di fare...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori
Pagina 1 di 12:
1 2 3 4 5 6 > »

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.09.15 alle 10:36:52 sul server IP 10.9.10.110