Controllo utente in corso...

Nella jungla dei concorsi pubblici quando non basta vincere per essere assunti

L’inchiesta del social magazine Walk on Job indaga sulle ingiustizie concorsuali: dai 300 concorsisti dell’Inail a quelli dell’ex ICE, ai docenti che aspettano un decennio prima di essere assunti

di Barbara Leone 22 febbraio 2012
Vincere un concorso pubblico non sempre garantisce il posto fisso. Spesso, non garantisce nemmeno un lavoro. Sono oltre 100.000, infatti, i vincitori di concorsi pubblici che non sanno se e quando verranno assunti, secondo le stime della Cgil. 70.000, invece, secondo il Sole 24Ore. Considerati i dati del Dipartimento Funzione Pubblica del Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, per quel che riguarda le graduatorie dei concorsi ancora in vigore (approvate dopo il 30 settembre 2003), è stato assunto appena il 69% dei vincitori e l’11% degli idonei.

CONCORSI: Tutti i bandi attivi. CLICCA QUI >>


disoccupataL’inchiesta, a firma di Elisa Di Battista, pubblicata sul n. 9 del social magazine Walk on Job diretto da Cristina Maccarrone, raccoglie appunto alcuni dei principali e più eclatanti casi di ingiustizie concorsuali, e le testimonianze di coloro che aspettano da tempo un’assunzione che si meritano di diritto. È il caso, ad esempio, di oltre 300 concorsisti dell’Inail, che si trovano nel limbo dal 2010. Il concorso per 404 amministrativi da inserire all’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, bandito nel 2007 e terminato nel 2010, ha visto l’assorbimento in realtà di appena 95 vincitori. Gli altri? Aspettano.

CERCA LAVORO: 1.000 offerte di lavoro per te. CLICCA QUI >>

Oppure è il caso di 300 persone (107 vincitori e 193 idonei) del concorso per funzionario c1 all’Istituto del Commercio Estero, ente che è stato soppresso a luglio 2011, poco dopo la pubblicazione della graduatoria, e dopo aver assunto appena i primi 4 vincitori. Ma c’è chi aspetta anche più di 10 anni prima di avere il proprio lavoro, come nel caso di un docente che aveva vinto un concorso nel 1999 ed è stato chiamato solo nel 2011 a insegnare a Tarvisio.

CURRICULUM VITAE: Cos'è e come si fa. CLICCA QUI >>

Alla base, il blocco del turn over, i tagli, la normativa e una serie di misure burocratiche che impediscono le assunzioni e lasciano in attesa tanti che, per passare il concorso, hanno studiato mesi e sgomitato con migliaia di candidati, e che invece si ritrovano ancora disoccupati. Nell’inchiesta di Walk on Job si dà voce alle vittime delle ingiustizie concorsuali, e si raccolgono le opinioni dei diretti interessati e dei loro portavoce, ma anche del Ministero.

CERCHI ALTRE RISORSE sul mondo del lavoro? CLICCA QUI >>


FORSE TI INTERESSA ANCHE:
- Come scrivere un curriculum in inglese >>
- Sei disposto a tutto pur di trovare lavoro? >>
- Le 30 Apps che ti aiutano a trovare lavoro >>
- Come trasformare il profilo di FB in un curriculum >>

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

0
Commenti

Chiudi
Aggiungi un commento a Nella jungla dei concorsi pubblici quando non basta vincere per essere assunti...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.04.24 alle 03:52:22 sul server IP 10.9.10.177