Come lavorare sulla scena del crimine

Sull'ondata di tanti fatti di cronaca e serie tv che trattano di omicidi, è sempre più vasto l'interesse che si nutre verso tutte quelle professioni che hanno a che fare con le scene del crimine. Ma quali sono queste figure professionali e quali sono i percorsi formativi da seguire per diventare un esperto in quest'ambito?

di Valentina Vacca 9 gennaio 2015
LAVORARE SULLA SCENA DEL CRIMINE - I fatti di cronaca nera degli ultimi anni, congiunti al grande successo di serie tv come Csi o Dexter, hanno reso possibile la conoscenza di professioni che fino a qualche tempo fa risultavano totalmente oscure ai profani: criminologia e medicina legale sono sicuramente gli ambiti più conosciuti, ma all'interno di una scena del crimine vi sono una moltitudine di specialisti che collaborano e lavorano per risolvere i casi più complicati di omicidio. Vediamo alcune di queste professioni.

 

come-diventare-lavorare-scena-crimineOfferte di lavoro - Tante opportunità nel Cerca Lavoro

 

GENETISTA FORENSE - Il Genetista forense: è colui che si occupa dell'analisi delle tracce biologiche rinvenute sulla scena del crimine. Deve capire che tipologia di traccia si ha davanti (ad esempio se si tratta o meno di sangue), risalire mediante le tracce al sesso del cadavere e soprattutto stabilire le caratteristiche genetiche presenti nella traccia ritrovata, le quali verranno poi confrontate col dna dei soggetti dei quali si sospetta. Il genetista forense stabilisce anche il tempo intercorso tra la formazione e il rinvenimento della traccia. Per esercitare questa professione occorre la laurea in biologia con specializzazione in genetica, alla quale deve seguire un master universitario in genetica forense, attivato presso Roma Tor Vergata.

 

Leggi anche: Come diventare criminologo

 

ANTROPOLOGO FORENSE -L'Antropologo forense si occupa dell'analisi di resti scheletrici. Il suo lavoro inizia dall'analisi dei resti sulla scena del crimine (vista in questo caso praticamente come uno scavo archeologico), dove analizza le misure dei resti e cerca di capire la posizione originaria della vittima. Successivamente passerà all'analisi di laboratorio, dove, grazie allo studio del materiale pilifero, ma anche di insetti, piante e impronte, cercherà di capire quanto tempo è passato dalla morte del soggetto. Successivamente con la ricostruzione facciale e la sovrapposizione delle fotografie, cercherà di ridare un volto alla vittima.

Per diventare antropologo forense è necessario avere una laurea in archeologia, biologia, conservazione dei beni culturali, medicina, odontoiatria o scienze naturali, e poi seguire un master in bioarcheologia, paleopatologia e antropologia forense, attivato presso l'Università di Bologna, di Pisa e di Milano.

 

Leggi anche: I consigli di Natale Fusaro per diventare criminologo

 

SPECIALISTA IN BLOODSTAIN PATTERN ANALYSIS - Lo Specialista in Bloodstain Pattern Analysis è colui che si occupa dell'analisi e dell'interpretazione delle tracce di sangue presenti sulla scena del crimine. Classifica la morfologia della macchia di sangue e la sua velocità d'impatto. Ha un ruolo importantissimo poichè grazie a lui è possibile capire il punto da cui il sangue ha avuto origine, consentendo di individuare l'esatta posizione della vittima e dell'omicida al momento del delitto. Per diventare specialista in Bloodstain Pattern analysis occorre una laurea in medicina, matematica, fisica, chimica o biologia. In Italia vengono svolti alcuni corsi per specializzarsi in questo campo, spesso collocati però all'interno di altri seminari o corsi più generali.

Una professione che opera in ambito criminologico, ma che non interviene sulla scena del crimine è quella dello psicologo criminale, che si occupa di tracciare il profilo psicologico dell'assassino e degli eventuali sospettati. A Torino era presente un'interessantissima laurea specialistica in psicologia criminale e investigativa, che però purtroppo è stata chiusa; idem per quella di L'Aquila, che è stata disattivata dopo il terremoto. L'Università di Torino e quella di L'Aquila erano le uniche due in Italia che proponevano una laurea magistrale di questo tipo. Al momento quindi è possibile solamente frequentare dei master in psicologia criminale e investigativa.

 

CRIMINOLOGO - Per diventare criminologo occorre una laurea in giurisprudenza, sociologia, o scienze politiche. L'Ateneo di Bologna (sede di Forlì) offre un corso di laurea magistrale in Scienze criminologiche per l'investigazione e la sicurezza attivato presso la Facoltà di Scienze politiche; all'Università La Sapienza di Roma è invece attivato un master di I livello in criminologia e scienze strategiche, mentre a L'Aquila presso la Facoltà di Scienze della Formazione è presente la laurea magistrale in Scienze dell'Investigazione. Infine nell'Università del Salento presso la Facoltà di Scienze sociali è attivato il corso di laurea triennale in sociologia curriculum crimine e devianza.



LE PULIZIE DELLA SCENA DEL CRIMINE - Per concludere, vogliamo fare riferimento a una nuova professione in ambito criminologico che sta prendendo molto piede negli Stati Uniti: si tratta della donna delle pulizie della scena del crimine. In Usa infatti sono presenti tantissime agenzie di pulizie specializzate in quest'ambito. In caso siate curiosi vi consigliamo il film Sunshine Cleaning con Emily Blunt, nel quale il lavoro della protagonista è proprio questo.


Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Pagina generata il 2016.09.25 alle 22:48:17 sul server IP 10.9.10.101