Vuoi diventare operatore umanitario? Quattro associazioni ci spiegano come fare

Tante persone fanno richiesta per svolgere attività di volontariato o per lavorare presso un'organizzazione umanitaria. Quattro famose associazioni, Save the Children, Cesvi, Oxfam Italia ed Intersos ci spiegano come fare per lavorare nel settore

di andrea maggiolo 9 marzo 2011
Uscirà l'11 marzo nei cinema di tutta Italia "Carissima me", una commedia scritta e diretta da Yann Samuell che vede protagonista Sophie Marceau, l'indimenticabile attrice del cult Il tempo delle mele.

Il film racconta la storia di Margaret, una donna in carriera che, al compimento del suo quarantesimo compleanno, inizia ad interrogarsi su se stessa, sul significato della propria esistenza e su come poter utilizzare il proprio lavoro per aiutare il prossimo. Carissima me contiene dunque anche un'interessante riflessione sull'importanza degli interventi umanitari, soprattutto nei paesi più disagiati, e su come cambiare la propria vita migliorando quella degli altri.

QUATTRO ASSOCIAZIONI
A tal proposito, sono moltissime le persone che ogni anno fanno richiesta per svolgere attività di volontariato o per lavorare presso un'organizzazione umanitaria. Per dare qualche utile indicazione a tutti coloro che sono intenzionati ad intraprendere un percorso di questo tipo ci siamo rivolti a quattro famose associazioni, Save the Children, Cesvi, Oxfam Italia ed Intersos, che ci hanno spiegato cosa fare per lavorare od offrire servizi di volontariato in campo umanitario.

REQUISITI
I requisiti richiesti variano da posizione a posizione: di base sono sempre disponibilità, flessibilità e sensibilità come competenze trasversali e una forte motivazione al lavoro all'estero e in cooperazione. È fondamentale portare a compimento un serio percorso formativo per poter diventare volontario: l'obiettivo delle Ong che lavorano nella cooperazione allo sviluppo è infatti quello di unire alla professionalità dei candidati volontari una piena consapevolezza e preparazione alle dinamiche del contesto di cooperazione.

save-the-children-logoCi sono poi alcune competenze chiave o trasversali, dalle quali spesso non si può più prescindere: conoscenza dell'inglese; un livello di scolarizzazione medio-alto (possibilmente laurea o titoli superiori); conoscenza dei principali strumenti informatici; capacità di pianificazione e gestione del proprio tempo; orientamento sia al processo sia al risultato; competenze di comunicazione e lavoro in team; problem-solving; capacità di lavorare sotto pressione.

FORMAZIONE
Le proposte formative accessibili sono diverse: dalle università, con corsi di laurea e master in cooperazione allo sviluppo, ai corsi e le scuole di approfondimento sulle tematiche legate alla cooperazione internazionale, destinate a chi vuole accrescere la propria competenza in tali materie, oltre a corsi di formazione per volontari in partenza. Per quelle figure che prestano assistenza legale e psicologica è ovviamente necessaria una formazione specifica e attestabile. Per chi ha una laurea in cooperazione internazionale è consigliabile un master che preveda uno stage sicuro con Ong sul campo; un requisito importante infatti è l'esperienza diretta di cosa significa lavorare nei progetti umanitari.

Per diventare operatori umanitari Cesvi, i percorsi da seguire sono legati ai corsi di laurea in scienze politiche, relazioni internazionali, economia e commercio, ai quali si aggiungono master specifici per la cooperazione; per i profili tecnici dipende dal settore, prevalentemente ingegneria, architettura, agronomia, sanità pubblica. Per chi volesse specializzarsi in progetti idrici si consiglia il Master di primo livello "Uso e gestione delle acque nei paesi in via di sviluppo".


SAVE THE CHILDREN è un'organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Nata nel 1919, opera in 120 paesi del mondo con programmi di salute, risposta alle emergenze, educazione e protezione dei bambini dagli abusi e dallo sfruttamento. Save the Children Italia è stata costituita alla fine del 1998: oggi è una Ong (Organizzazione non governativa) riconosciuta dal Ministero degli Affari Esteri. Porta avanti attività e progetti rivolti sia ai bambini e alle bambine dei cosiddetti paesi in via di sviluppo che a quelli che vivono sul territorio italiano. Ogni anno l'organizzazione riceve fra i 1.000 e i 1.500 curriculum: di base è richiesta una preparazione di studi specialistica e due anni in media di esperienza sul campo. SITO

CESVI è un'organizzazione umanitaria indipendente fondata nel 1985 a Bergamo. Cesvi opera in tutti i continenti per affrontare ogni tipo di emergenza e ricostruire la società civile dopo guerre e calamità, ma soprattutto  interviene con progetti di lotta alla povertà: iniziative di sviluppo sostenibile che fanno leva sulle risorse locali e sulla mobilitazione delle popolazioni beneficiarie. Nel 2010, Cesvi ha ricevuto oltre 14.000 candidature legate alle vacancies pubblicate, circa 600 candidature di persone interessate in modo generico a lavorare per l'organizzazione e 200 proposte di volontariato in Italia e all'estero (India e Zimbabwe). Nel 2010 hanno svolto attività di volontariato per Cesvi 450 persone. Le aree del mondo in cui è maggiormente necessario un intervento umanitario sono Somalia, Chad, Sudan e Darfur, Est del Congo, Costa d'Avorio, Afghanistan ed Eritrea. SITO

volontariatoOXFAM ITALIA è una confederazione internazionale specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo, composta da quattordici organizzazioni di paesi diversi che collaborano con tremila partner locali per individuare soluzioni durature alla povertà e all'ingiustizia. Oxfam lavora direttamente in venti paesi del mondo per contribuire a garantire mezzi di vita sostenibili, il diritto all'acqua, la salute e l'istruzione, il rispetto dei diritti umani nelle crisi umanitarie, il diritto alla partecipazione, all'ascolto e la solidarietà. Oxfam apre ogni anno fra le dieci e le quindici posizioni: per ogni posizione in media si candidano venti persone, per un totale di circa 250 curriculum all'anno. Ci sono poi le candidature spontanee, più di 300 l'anno, per una cifra complessiva di circa 600 richieste all'anno. In Italia Oxfam disponde di dodici gruppi territoriali di volontari per un totale di circa 90 volontari regolari, più 60 volontari occasionali; ad essi vanno aggiunti 40 volontari traduttori. SITO

INTERSOS è un'organizzazione umanitaria senza fini di lucro, che opera a favore delle popolazioni in pericolo, vittime di calamità naturali e di conflitti armati, fondata nel 1992 con il sostegno delle Confederazioni sindacali italiane; oggi opera in quindici paesi. Ogni anno l'Ufficio Risorse Umane di Intersos riceve circa 1.500 curriculum; le ricerche di personale dell'organizzazione riguardano figure tecniche (architetti, ingegneri, amministratori, esperti ambientali e psicosociali etc) e figure di lunga esperienza sul campo per ruoli di gestione delle missioni. Circa 400 persone all'anno richiedono informazioni per fare volontariato o prestare servizio gratuito. Nel 2010, 110 membri di Intersos si sono recati all'estero con differenti ruoli, mentre il personale localed dell'organizzazione conta un totale di 1.200 persone. SITO

LINK UTILI
Cerca Lavoro
Forum Lavoro
Concorsi Pubblici
Caricamento in corso: attendere qualche istante...

4
Commenti

lukebd giovedì, 10 marzo 2011

Non e' tutto oro quello che luccica

Ciao, ho letto il tuo articolo. Bello, ben fatto e sicuramente i dati sono anche esatti. Ero incuriosito per vedere se ci fossero novita' nel settore ma era un bel sogno. Sono un Operatore Umanitario, con oltre 10 anni sul groppone, sono stato Capo Progetto in progetti di emergenza sia per la CEI che per la Coop ITaliana, sono adesso 5 anni che sto lavorando in Bangladesh e, adesso che ho finito con la ricostruzione, vado avanti con una fondazione che ho costituito con degli amici e con la quale combattiamo questo sistema che non e' quello che vuole far vedere. Parlo per esperienza diretta e non per posizioni politiche o altro. Proprio perche' reputo che il settore meriti un'attenzione diversa, sto attivando un blog per affrontare questa tematica partendo proprio dalle tante storture viste e combattute qui', alle falsita' e ai sistemi di lavoro mascherati da volontariato.

n° 1
claudio venerdì, 17 gennaio 2014

R: Non e' tutto oro quello che luccica

Ciao
sono molto interessato ad intraprendere un percorso come operatore umanitario; ho visto che ci sono molte organizzazioni più o meno ufficiali e non saprei veramente come potermi muovere al fine di iniziare questo mio sogno.
Spero che tu mi possa essere d'aiuto visto che hai esperienza nel settore e magari potresti consigliarmi come fare.
Grazie
Claudio
(cantone.claudio@email.it)

Luca venerdì, 17 gennaio 2014

R: R: Non e' tutto oro quello che luccica

> Ciao
> sono molto interessato ad intraprendere un percorso come operatore umanitario; ho visto che ci sono molte organizzazioni più o meno ufficiali e non saprei veramente come potermi muovere al fine di iniziare questo mio sogno.
> Spero che tu mi possa essere d'aiuto visto che hai esperienza nel settore e magari potresti consigliarmi come fare.
> Grazie
> Claudio
> (cantone.claudio@email.it)

claudio:
NON stai rivolgendo la domanda a Iukebd, che ha scritto quel commento 3 anni fa, sperando di ricevere da lui risposta, vero???
Meno male che semplicemente non avevo capito bene, mi stavo spaventando!!!
^_^

andrea venerdì, 11 marzo 2011

R: Non e' tutto oro quello che luccica

grazie per la tua testimonianza.

Chiudi
Aggiungi un commento a Vuoi diventare operatore umanitario? Quattro associazioni ci spiegano come fare...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato? ..

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.12.20 alle 09:00:36 sul server IP 10.9.10.102