Controllo utente in corso...

Cominciate dalla redazione dei testi. Ecco come si diventa Graphic Designer

"Prima della spettacolarizzazione conta la comprensione", parola di Alberto Lecaldano, membro dell'Aiap e direttore della rivista Progetto Grafico

di Matteo Scarlino 12 settembre 2007

Quando ha deciso che questa professione sarebbe diventata la tua?
Avevo più o meno 26 anni ed era l'inizio degli anni 70. Sono grafico da più di 35 anni. Eravamo agli inizi per questa professione a Roma ma, nonostante ciò, in quegli anni i clienti sapevano molto bene per cosa poteva essere utile un grafico. Sicuramente molto più di ora.

Qual è stato il suo percorso formativo? Ha seguito corsi particolari o si è affidato ad una formazione prettamente universitaria?
Sono soprattutto un autodidatta. Ho avuto un grande maestro che mi ha insegnato a capire molto sull'importanza del progetto. Su quanto sia importante che dietro ci sia un'idea e di come sia importante che quell'idea sostenga e si articoli, nel progetto in ogni minimo dettaglio. Questo maestro era Luciano Damiani, il grande scenografo. Poco aveva a che fare con la grafica. Un altro contatto interessante, ancora sul progetto, è stato quello con Maurizio Sacripanti, grande architetto. Le cose più importanti le ho imparate da giovane quando con molta passione e discreto successo mi dedicavo alla regia e a quella che allora si chiamava 'Scrittura scenica', cioè il progetto per la messa in scena. Quindi teatro, architettura, scrittura, progetto. 'Roba seria' potremmo dire. Tutte cose veramente importanti rispetto alle quali, diciamoci la verità, la grafica è piccola cosa.

C'è un percorso formativo ideale che è meglio seguire per poter intraprendere questa professione oppure è meglio essere autodidatta?
Sicuramente ora ci sono validissimi corsi di università italiane e straniere. In Italia allo Iuav di Venezia o al Politecnico di Milano o all'Isia di Urbino. Ma nell'ambito formativo in questi anni o addirittura giorni tutto è in rapidissimo cambiamento. Comunque penso farebbe bene a tutti, dopo gli studi, un periodo di uno/due anni presso un buono studio. E farebbe sicuramente bene a tutti occuparsi anche d'altro oltre che di grafica.

Con l'introduzione del computer e della tecnologia non pensa che la sua professione sia cambiata e che in tanti si improvvisino grafici?
È vero la professione è cambiata, ora ci sono i computer, molti si improvvisano grafici. Ma vogliamo continuare a parlarne o a piangerci sopra? Non mi sembra utile. Be' se vogliamo dirne una e, secondo me definitiva, i computer hanno consentito un controllo sulla microtipografia, sull'ortotipografia e sulla qualità tipografica precedentemente impensabile. Per cui quella attuale è veramente una situazione meravigliosa, la migliore da quando lavoro.

Cosa consiglierebbe ad un giovane grafico che si approccia alla professione?
Penso che un buon modo per cercare e trovare lavoro possa essere quello di avere e offrire competenze sul trattamento dei testi e anche, perché no, sulla loro redazione. Queste competenze insieme a un'ottima conoscenza della lingua italiana possono veramente costituire un alto valore. Basta guardarsi intorno e vedere quanto siano mal fatti molti libri o come siano incomprensibili molti stampati e come, quasi sempre, vengano bistrattate le più elementari regole di composizione tipografica. Ad esempio l'accento sulla e maiuscola è spesso sostituito da un apostrofo. Consiglierei a un giovane e bravo grafico di cominciare da qui. In Italia ci sono circa 5000 editori e infinite sono le aziende che per informazione o promozione producono stampati o realizzano siti web dove, oramai è chiaro a tutti, prima della spettacolarizzazione conta la comprensione. Un mercato enorme.

 

 

 

 

 

 

Caricamento in corso: attendere qualche istante...

1
Commenti

monna lunedì, 22 settembre 2008

Quali passi (e speranze) per diventare grafica?

Ho apprezzato l'articolo, ma mi spiace dirlo, non si può chiedere consiglio su come diventare grafico ad uno che ha iniziato questa professione negli anni 70, quando i computer erano ancora dei grossi elaboratori privi persino di scheda grafica, e i programmi come Photoshop erano lontani anni luce!
Io ho bisogno di una risposta seria e attuale, COME SI FA A DIVENTARE GRAPHIC DESIGNER?
per chi non può permettersi le sfavillanti e costosissime IED e NABA, può sperare di lavorare seriamente in questo campo dopo un corso di 6 mesi post-diploma di grafica nei quale ha comunque imparato i software del mestiere?E in seguito approfondendo lavorando come stagista in uno studio grafico?Cosa bisogna fare dunque per lavorare cm grafico/a?

n° 1
Chiudi
Aggiungi un commento a Cominciate dalla redazione dei testi. Ecco come si diventa Graphic Designer...
  • * Nome:
  • Indirizzo E-Mail:
  • Notifica automatica:
  • Sito personale:
  • * Titolo:
  • * Avatar:
  • * Commento:
  • * Trascrivi questo codice:
* campi obbligatori

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Iscriviti alla newsletter
Pagina generata il 2014.04.23 alle 11:25:02 sul server IP 10.9.10.235