Il lavoro c'è, ma non sempre serve la laurea

Di Valentina Vacca.

Unioncamere-Excelsior ha effettuato uno studio secondo il quale per trovare lavoro solo nel 15% dei casi la laurea sarebbe indispensabile. L'indagine è stata compiuta sulla base di 100 mila aziende; i più ricercati? Gli operai specializzati e i commessi

Se fino a qualche anno fa chi non era in possesso di un titolo universitario era quasi tagliato fuori dal mondo del lavoro, a oggi non è più così; anzi a servire alle aziende sono giovani con livelli medio bassi d'istruzione. Infatti nel 48,4% dei casi è il diploma a essere indispensabile, mentre la laurea serve solo il 15% delle volte.

Nell'anno 2011 sono stati 208 mila i giovani ai quali è stato offerto un posto di lavoro da parte delle aziende, ma queste nel 22% dei casi hanno avuto difficoltà a trovare personale. I motivi per cui questa percentuale di posti di lavoro non è stata ricoperta sono principalmente due:

1. i candidati non avevano i requisiti giusti

Per trovare lavoro non sempre serve la laurea
Per trovare lavoro non sempre serve la laurea

2. il posto di lavoro non è stato accettato dal candidato
Quest'ultimo punto, in tempo di crisi, è vero, sembra un po' strano: ma in realtà a pensarci bene bisogna fare i conti anche con tutta la serie degli undergraduate, ossia con tutti quei ragazzi che nel corso del tempo hanno accumulato molti titoli e che quindi, quando si trovano davanti a un posto di lavoro più umile, tendono a non accettarlo poiché non in linea con le loro aspettative o aspirazioni.

Cosa deve fare quindi un ragazzo che si trova ad esempio a dover scegliere una scuola superiore? Sottolineando che la scelta è ovviamente molto personale e dipende soprattutto dalle proprie capacità e preferenze, l'adolescente in questione dovrebbe chiedersi se preferisce imparare subito un mestiere o una professione, oppure se per lui è meglio approfondire la sua cultura in vista di una futura iscrizione all'università.

Devi iscriverti ad una scuola superiorie? Leggi la nostra guida!

Le figure più richieste per chi sceglie di non intraprendere una formazione universitaria sono quelle degli operai specializzati, i commessi e gli operai addetti ai macchinari. Inoltre molto richiesti sono anche i camerieri, i segretari, i baristi, le parrucchiere e le estetiste.

Se però si considerano i posti dirigenziali offerti agli under 30, tra questi emerge che un buon livello d'istruzione conta eccome: circa il 57% degli specialisti in contabilità sono laureati, come anche i tecnici della gestione finanziaria.

Cosa consiglia quindi Unioncamere? <<Ai giovani conviene studiare, tenendo conto però delle esigenze di mercato>>.

TI PUO' INTERESSARE ANCHE:

I mestieri che non conoscono la crisi

Le 10 professioni più pagate del futuro

Lavori futuri dagli Usa

I 10 lavori che rendono felici