Guida alle iscrizioni al I anno di scuola superiore

Di Barbara Leone.

Dal 26 febbraio sarà possibile presentare la domanda di iscrizione al primo anno della scuola superiore: per facilitare il compito di famiglie e studenti, il Ministero ha preparato una guida alla riforma e alle modalità di iscrizione. Dall’anno scolastico 2010/2011 per le prime classi delle scuole superiori entrerà in vigore il nuovo riordinamento didattico, che prevede 6 licei, istituti tecnici suddivisi in 2 settori con 11 indirizzi ed istituti professionali suddivisi in 2 settori e 6 indirizzi

Dal 26 febbraio al 26 marzo sarà possibile effettuare l'iscrizione alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado per l'anno scolastico 2010/2011. L'iscrizione riguarda tutti gli studenti che quest'anno frequentano la terza media e che dal prossimo anno scolastico frequenteranno il primo anno della scuola superiore. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha pubblicato alcune indicazioni per spiegare le modalità di iscrizione ed una vera e propria guida che spiega nel dettaglio la riforma che entrerà in vigore dal prossimo anno scolastico, per dare la possibilità a genitori e studenti di orientarsi nel nuovo mondo delle scuole superiori.

Dall’anno scolastico 2010/2011 infatti per le prime classi delle scuole superiori entrerà in vigore il nuovo riordinamento didattico, che prevede 6 licei, istituti tecnici suddivisi in 2 settori con 11 indirizzi ed istituti professionali suddivisi in 2 settori e 6 indirizzi. Per quanto riguarda le altre classi, invece, si continuerà con il vecchio ordinamento fino alla conclusione di tutto il percorso quinquennale.

Per gli studenti che, nell'anno scolastico 2010/2011, per la prima volta si iscriveranno alla scuola superiore, o se ripetenti si iscriveranno di nuovo alla prima classe, sarà possibile scegliere fra 6 diversi licei:
- liceo classico;
- liceo scientifico, con opzione scienze applicate;
- liceo artistico;
- liceo linguistico;
- liceo musicale e coreutico (in tutta Italia saranno attivate solo 10 classi per il musicale e 1 per il coreutico);
- liceo delle scienze umane, con opzione economico-sociale.

Gli istituti tecnici saranno così suddivisi:
- Istituti tecnici per il settore economico, con due indirizzi: Amministrativo, finanza e marketing; Turismo;
- Istituti tecnici per il settore tecnologico, con nove indirizzi: Meccanica, Meccatronica ed Energia; Trasporti e Logistica; Elettronica ed Elettrotecnica; Informatica e Telecomunicazioni; Grafica e Comunicazione; Chimica, Materiali e Biotecnologie; Sistema Moda; Agraria, Agroalimentare e Agroindustria; Costruzioni, Ambiente e Territorio;

Gli istituti professionali saranno così suddivisi:
- Istituti professionali per il settore dei servizi, con quattro indirizzi: Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale; Servizi socio-sanitari; Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera; Servizi commerciali;
- Istituti professionali per il settore industria e artigianato, con due indirizzi: Produzioni artigianali ed industriali; Manutenzione e Assistenza tecnica.

Chi deve presentare la domanda di iscrizione al primo anno di una scuola superiore
Tutti gli studenti che durante l'anno scolastico 2009/2010 frequentano la terza media e che "concluderanno con esito positivo il percorso del primo ciclo di istruzione" devono effettuare la preiscrizione entro il 26 marzo 2010. In base alle norme sull'obbligo scolastico infatti gli studenti devono acquisire "un titolo di studio di istruzione secondaria di II grado o una qualifica professionale di durata almeno triennale entro il 18° anno di età".

A chi devono essere trasmesse le domande di iscrizione
Le domande di iscrizione devono essere presentate, "per il tramite del dirigente della scuola del primo ciclo di appartenenza", all'istituto secondario di II grado scelto dall'alunno e dalla famiglia. In base alle indicazioni del Ministero dell'Istruzione, "le domande di iscrizione devono essere presentate ad un solo istituto di istruzione secondaria di II grado, per evitare che una doppia opzione da parte delle famiglie possa alterare le situazioni di organico". Ma, considerando "la possibilità che si verifichi eccedenza di domande rispetto ai posti disponibili e che si renda necessario indirizzare verso altri istituti le domande non accolte, le famiglie possono indicare, in subordine, fino ad un massimo di altri due istituti di proprio gradimento".

Insegnamento della religione cattolica o di attività alternative
Al momento dell’iscrizione gli studenti devono dichiarare se intendono "avvalersi o non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica", compilando un apposito modulo, che deve essere firmato dai genitori per gli studenti minorenni che scelgono di non avvalersi dell'insegnamento della religione cattolica. La scelta sarà valida per tutto il corso di studio, con la possibilità di modificarla "per l'anno successivo entro il termine delle iscrizioni". In alternativa all'ora di religione, all'inizio dell'anno scolastico, compilando un apposito modulo, sarà possibile scegliere tra diverse attività:
- attività didattiche e formative;
- attività di studio e/o di ricerca individuali con assistenza di personale docente;
- libera attività di studio e/o di ricerca individuale senza assistenza di personale docente;
- non frequenza della scuola nelle ore di insegnamento della religione cattolica.

Aiuto per le famiglie che devono effettuare l'iscrizione
A partire dal 25 febbraio 2010 sarà disponibile sul sito www.istruzione.it "una funzione che permetterà la ricerca delle scuole superiori secondo i nuovi ordinamenti approvati con i recenti regolamenti", per "individuare le scuole e la loro collocazione sul territorio". Inoltre sempre sul sito del Ministero sarà possibile scaricare un "fascicolo dettagliato e completo dei quadri orari dei diversi indirizzi, delle articolazioni e delle opzioni previste, dei profili professionali e di tutte le informazioni utili a conoscere le caratteristiche della nuova scuola secondaria superiore" ed una "brochure più agile e sintetica, rivolta particolarmente alle famiglie, contenente le informazioni generali e la presentazione dei nuovi licei, istituti tecnici e professionali".