In morte del fratello Giovanni di Ugo Foscolo - Spiegazione e parafrasi | Video

Di Marta Ferrucci.

Il sonetto fu scritto nel 1803 in occasione della morte del fratello Giovanni Dionigi. Foscolo riprende il carme 101 di Catullo, dedicato al fratello sepolto in Bitinia

Fonte: Video Interni

IN MORTE DEL FRATELLO GIOVANNI - Il sonetto dedicato a Giovanni, fratello di Foscolo, che si uccise con una pugnalata, contiene tutti i temi più importanti trattati dall'autore: gli affetti familiari, il sepolcro, il dialogo tra vivi e morti, la tempesta delle passioni, la coscienza di un destino sventurato.

Tra le figure retoriche troviamo: l'enjambement (in tutta la prima strofa, tra il nono e il decimo verso e tra il tredicesimo e il quattordicesimo); la metonimia (nel terzo verso "la tua pietra"); la sinestesia (nel sesto verso "cenere muto"); la sineddoche (nel settimo verso "palme", nell'ottavo "tetti" e nel tredicesimo "l'ossa mie") e l'ipallage ("deluse" si concorda con "palme" invece che con il soggetto).

Guarda anche Gerusalemme liberata: riassunto e spiegazione