E' tempo di esami, superali senza stress

Di Marta Ferrucci.

Studenti alle prese la maturità, appelli universitari, laureandi che ritoccano la tesi prima della sessione di luglio. Come superare lo stress da esami?

Incubi, ansia, litri di caffè che scorrono nelle vene, scrivanie ricoperte di libri, appunti disordinati, fogli sparsi con gli ennesimi schemi riassuntivi e pacchetti di sigarette che se ne vanno via come il pane... Siete pronti per tutto questo?

Se gia da ora vi sentite in colpa ad uscire con gli amici piuttosto che stare piegati sui libri e vi alzate la mattina stanchi al solo pensiero di quello che dovrete fare nella giornata, siete vittima del burnout da studio, ovvero lo stress che si accumula nei momenti di intensa attività mentale. Se ora state così, come starete il giorno dell'esame?

Studente che studia
Studente che studia — Fonte: istock

Per uscire dal burnout e non ricaderci dovete evitare i fenomeni di saturazione, concedendovi delle pause ed avendo cura del vostro benessere psicofisico:

- Non vi chiudete in casa troppi giorni prima dell'esame, non ce n'è bisogno, anche se in quel momento vi sembra l'unica soluzione per affrontare con successo l'esame!
- Non privatevi delle cose che più vi piacciono e cercate di fare delle pause ogni ora (fatevi un tè, una passeggiata, un sonnellino, telefonate a un amico...) in modo da "spezzare" e ricominciare con la mente più fresca e lucida.
- Quando siete sotto esame è ancora più importante che sappiate "coccolarvi" concedendovi dei momenti di relax, perché un cervello intasato da troppe informazioni non rende più e a fine giornata, anche se avrete studiato nove ore di fila, in realtà ne avrete sfruttate molte meno.

Ci sono persone che ottengono risultati mediocri pur passando la vita sui libri e chi, lo stesso esame, lo prepara in una settimana.
La differenza di risultato dipende solo dal metodo di studio e non dal tempo speso sui libri. Se non sapete da dove cominciare andate su www.studiofacile.org che, in 31 lezioni, vi spiega come funziona la mente, la concentrazione, come prepararsi allo studio, descrive le tecniche per ricordare ed il metodo migliore per ripassare.

Studiare in compagnia
Studiare con uno o più amici aiuta a rielaborare il materiale imparato, a non perdersi in un mare di parole e a sdrammatizzare la tensione da interrogazione e da esame.
La condivisione degli stati d'animo nello studio è un altro elemento importante per tenere lontano lo stress. Inutile dire che la mattina presto offre le ore migliori per studiare perché il cervello è ricettivo e fresco. La sera approfittatene per distrarvi perché se state sui libri fino a tardi e ve li portate anche a letto (magari portateci qualcun altro...) potete stare certi che il riposo non sarà dei migliori e che i sogni (o gli incubi!) riguarderanno tutto quello che avete appena studiato.

L'alimentazione che aiuta
Nella concentrazione e nell'apprendimento anche l'alimentazione gioca un ruolo importante.
I periodi di studio intenso richiedono cibi che forniscano ferro perché la sua mancanza riduce l'attività di alcune aree cerebrali: via libera quindi a carni rosse, legumi, frutta secca, cacao e uova.
Utili anche gli acidi grassi dei pesci, del latte e dei formaggi perché favoriscono lo sviluppo delle membrane cellulari. Attenzione ai grassi, che rallentano la circolazione sanguigna, affaticando cuore e cervello, ma non è neanche il caso di esagerare con la dieta: se c'è poco zucchero nel sangue, le funzioni del cervello si impoveriscono e quando è molto bassa i neuroni muoiono.

Evitate alcol, caffè e tè: il primo, anche in piccole dosi, riduce notevolmente il livello della memoria mentre i secondi rendono solo più irritabili e distanti dalla concentrazione necessaria.

Discipline orientali e metodi naturali

Per riprendere il controllo su voi stessi, le discipline orientali come lo Yoga, il Tai Chi o l'Aikido... possono aiutarvi. Contro lo stress da studio e la paura da esame procuratevi i seguenti fiori di Bach: Hornbeam oppure Rescue Remedy , una miscela di cinque essenze che si trova gia pronta in erboristeria (dieci gocce sotto la lingua quando vi sentite agitati o sotto stress).