Graduatoria Test Medicina: ecco come è stato fatto il calcolo in anteprima

Di Marta Ferrucci.

La graduatoria per sedi è stata pubblicata in anteprima da Studenti.it già qualche giorno fa. A farla è stato Enrico, un' aspirante matricola di Medicina che ci ha spiegato come ha fatto. Ecco perchè la sua graduatoria è attendibile

TEST MEDICINA: RISULTATI E GRADUATORIA - Su Studenti.it abbiamo pubblicato la graduatoria degli ammessi alla facoltà di Medicina e Odontoiatria ateneo per ateneo realizzata da Enrico, un diplomato che ha svolto il test nei giorni scorsi. Grazie all'accesso sul sito del Miur ha elaborato tutti i dati ed individuato delle graduatorie finali molto attendibili.

Oggi le graduatorie ufficiali del Miur >>

A suo sostegno arriva anche il supporto di Salvo, un altro utente che - partendo dalle tabelle elaborate da Enrico - sui nostri forum ha suggerito un ulteriore calcolo che consentirà di capire a quali sedi non si potrà essere assegnati.

VAI ALLA GRADUATORIA REGIONE PER REGIONE >>

IL CALCOLO PER SAPERE DOVE NON SI VERRA' ASSEGNATI - Conoscendo l'ordine delle proprie scelte si possono già escludere alcune sedi da una certa posizione in poi, le sedi dove non si potrà essere assegnati o prenotati. Per far ciò bisogna:

1) Costruirsi una unica tabella contente tutti i dati della graduatoria (con ovviamente i dati delle sedi di esame) fino alla riga della propria posizione (in pratica se il candidato si è classificato 5000° si prendono i primi 4999 record (righe);

2) Raggruppo tutte le sedi e calcolo il numero di candidati per ogni sede che sono davanti a me e che quindi "sceglieranno" prima di me;

3) In un altra colonna inserisco i posti banditi da ogni sede;

4) Calcolo per ogni sede la differenza di posti tra quelli banditi e coloro che aspirano ad andarci. Se gli aspiranti a quella sede sono più dei posti banditi so già che in quella sede non ci potrò mai andare;

5) Faccio la somma del numero di questi candidati che non potranno essere "assegnati" e che quindi sono in esubero sulle sedi di prima scelta;

6) Il risultato di questa somma (che definisco X) mi da il numero dei "potenziali" "concorrenti che possono essere prenotati sulle mie scelte prima di me. Se questo numero è inferiore al valore della differenza tra il numero dei posti banditi nella mia sede e la mia posizione per quella sede allora saprò che potrò essere assegnato alla mia sede prescelta. Se invece è superiore passo al punto 7).

7) Faccio la somma dei posti residui (cioè posti che sono rimasti vuoti in base alle prime scelte dei candidati che mi precedono) incrementando questa somma di sede in sede secondo l'ordine delle mie scelte ovviamente escludendo quelle che invece erano già complete. Quando questo incremento della somma arriverà al valore X saprò che tutte le sedi successive da me scelte mi verranno escluse.

"Questo è un calcolo per assoluto difetto" - scrive Salvo - "perchè parte dal presupposto che tutti quelli che mi precedono possano aver scelto scelto le mie sedi preferite (così non sarà) e che nel conteggio sono compresi anche quelli che magari hanno scelto le sedi di odontoiatria che nella tabella pubblicate non sono specificate".

Per sapere se se i calcoli di Enrico e Salvo sono corretti non ci resta che aspettare lunedì sempre che i risultati non vengano annullati (LEGGI cosa è successo). Il Codacons ha infatti chiesto alle procure il sequestro di tutti i test di ingresso.

Guarda anche come funziona la graduatoria unica nazionale: