Gita a Praga

Di Sara Granata.

Molti studenti considerano la gita solo come un'occasione di svago, in cui si può far tardi la sera, fare casino con gli amici, girare per le camere d'albergo per nuovi incontri , conoscere i ragazzi e le ragazze delle altre classi, andare a zonzo

Per gli insegnanti , invece, la gita è parte integrante del programma scolastico, un'opportunità di arricchimento culturale, spesso l'occasione per vedere dal vivo quanto studiato in classe.

Per tutti resta comunque l'evento più atteso dell'anno , quasi un momento liberatorio dopo le fatiche scolastiche .
Ogni anno, però, p untualmente, sorgono le solite polemiche tra studenti ed insegnanti; i primi dicono che se non fosse stato per le loro fughe notturne, unico momento di vero divertimento , si sarebbero rovinati la gita, nella noia mortale della spiegazione della prof. di storia dell'arte, che pretendeva attenzione massima e religioso silenzio durante le visite a rovine e monumenti.
Gli insegnanti, d'altro canto, stufi della continua disattenzione degli studenti (poverini sono tornati in camera a dormire solo all'alba!) protestano nel vederli dormicchiare durante il giorno e sedersi di continuo dove capita, mentre loro si sgolano invano.
Arrivati a questo punto occorre una soluzione per mettere tutti d'accordo.
Perché, allora, non organizzare una gita che tenga più in considerazione le esigenze degli studenti? Un itinerario che comprenda oltre alle abituali mete anche luoghi alternativi ? Non sarebbe meglio prevedere visite guidate più a misura di studente ? In fondo non è poi molto difficile programmare un itinerario di tal genere: basta ascoltare i giovani un pò di più e aprire la mente anche a proposte meno tradizionali .

Questa vuole essere una miniguida su come organizzare una gita scolastica unendo cultura e divertimento.
Il primo passo è scegliere la meta giusta.
L'offerta turistica è davvero vasta, si può optare per una capitale europea o una città d'arte italiana, per una tappa naturalistica o per un tour regionale.
Un itinerario molto interessante è senza dubbio PRAGA , la perla dell'est, la città che non dorme mai.
Bastano anche solo 4 giorni (viaggio escluso) per vedere le cose più importanti e più belle.
Il mese ideale per visitare Praga è aprile , quando la temperatura diventa più mite e ricominciano le manifestazioni all'aperto. Una di questa, che si ripete da più di 500 anni è il Rogo della strega : su falò caratteristici si bruciano delle vecchie scope, per liberare la natura da spiriti maligni. E' un'occasione insolita da non perdere, anche per assistere ai numerosi concerti che si tengono nell'area.
Tra gli altri luoghi insoliti, potreste visitare la zona in cui sono state girate alcune scene del film Mission Impossible , Piazza di Kampa, nei pressi del Ponte Carlo.
Passeggiare per la città senza meta è comunque un'esperienza indimenticabile: scorci da cartolina e atmosfere da sogno vi faranno innamorare anche degli angoli più remoti di questa magnifica capitale ceca.

Praga è considerata la città magica per eccellenza. Antiche leggende hanno contribuito a creare il mito di Praga come luogo popolato da strane presenze, da folletti e da spiriti. Ad esempio, in Karlovo namesti 40-41 c'è la casa dove si dice abbia dimorato il Dottor Faust , un alchimista che vendette la sua anima al diavolo in cambio dell'eterna giovinezza. Sembra che la casa sia rimasta a lungo disabitata fino a quando uno studente squattrinato non abbia deciso di stabilirvisi ma.....scomparendo poi dopo pochi giorni. Se volete conoscere altre leggende.

Una gita a Praga permette di conciliare i gusti di studenti ed insegnanti. L'importante è definire l'itinerario , evitando di soffermarsi a lungo sui monumenti, che per alcuni potrebbero essere noiosi, privilegiando invece le passeggiate per la città alla scoperta di angoli nascosti e caratteristici, o di posti fuori dalle rotte turistiche abituali.

Potrebbe essere carino visitare i luoghi dove visse Kafka , fare un percorso a ritroso per riscoprire le origini di uno dei più importanti scrittori del '900. In Piazza Kafka c'è la casa dove nacque lo scrittore (all'interno una mostra sulla sua vita). Altre abitazioni dove ha soggiornato la famiglia Kafka per alcuni anni sono in Celetna 2 e in Male Namesti 2.
Se, invece, volete visitare il posto dove lo scrittore ha dato vita a molti dei suoi racconti, dovete recarvi al Vicolo d'oro , che si trova all'interno del Castello , così chiamato perché sembra che nell'antichità tutte sue le piccole case fossero abitate da alchimisti che cercavano la pietra filosofale (per trasformare i metalli in oro). La vita notturna a Praga è davvero molto intensa, è possibile visitare pub e birrerie rimanendo nelle zone del centro. I prezzi delle birre e delle bevande sono molto bassi, e invogliano a berne a fiumi: Pilsner, Staropramen, ma anche all'amarena, al caffè.
Però vi raccomando... attenti alle sbronze !
Col permesso dei prof. non vi sarà difficile passare una serata in qualche locale : alla discoteca Kaleidoskop , su più livelli, musica anni 70/80 , molto frequentata da under 20 (Novotneho Lavka) ; oppure al Rock Cafè , locale frequentato dai giovani praghesi, dove le band locali suonano musica dal vivo, (Narodni Trida 20) . Per altri locali.

Prima di partire per la fatidica gita, è necessario seguire alcune regole, per evitare di trovarsi impreparati.
Procurarsi per tempo il passaporto con scadenza di tre mesi oltre la data del viaggio (Praga non fa parte della Comunità Europea, per cui la carta d'identità non è sufficiente).
Leggere "Praga magica", di A.M.Ripellino (Ed. Einaudi), un testo fondamentale per addentrarsi nell'atmosfera incantata di questa città.
Chi, invece, preferisca una guida, deve assolutamente acquistare la Routard , ricca di informazioni e consigli sugli itinerari da scegliere, i locali dove andare per musica e divertimento.
Per fare acquisti, è consigliabile visitare i mercatini delle pulci , ve ne sono di diverso tipo, sparsi per tutta la città. Si possono trovare dischi in vinile a poco prezzo (una vera chicca per gli appassionati).
Vi sono poi negozietti che vendono stampe e cimeli del comunismo, che vale la pena visitare anche solo per curiosità.
Altri oggetti da acquistare sono le produzioni artigianali, in vetro, cristallo e legno; ci sono anche le uova dipinte.
Ma, attenzione, conviene contrattare a lungo , perché i praghesi sono soliti partire da prezzi molto alti. Inoltre, mai cambiare denaro in strada , si rischiano fregature!
Dal momento che Praga è una città molto frequentata dai turisti, bisogna adottare dei piccoli accorgimenti per non subire danni dai borseggiatori, che approfittano della folla per rubare tutto il possibile.

- Evitare il tram 22, che è sempre il più affollato sia dai turisti che dai ladri.
- Non mostrare mai in strada il proprio portafogli.
- Evitare di andare a mangiare nei posti più turistici, poiché quello che prenderete lo pagherete il triplo del valore reale.

In caso di necessità rivolgersi alla Polizia per stranieri (Jungmannovo Namesti 9)

Se volete dare un'occhiata alla città, in diretta con la web cam. A questo punto vi auguro un buon viaggio e soprattutto buon divertimento !