Giovani, andate a zappare: sempre più occasioni di lavoro nell'agricoltura

Di Tommaso Caldarelli.

I dati della Coldiretti parlano chiaro: in aumento occasioni e lavoro in agricoltura per i giovani. E i genitori approvano

Ci sono sempre più lavoro e occasioni di guadagno e di vita nell'agricoltura italiana, sopratutto per quanto riguarda i giovani, magari neodiplomati e neolaureati che risultano essere sempre più impiegati dentro le imprese agricole italiane. In moltissimi casi lavorano anche in proprio e guadagnano anche importi sufficienti a mantenersi. E dunque, scrivono moltissime fonti apparse oggi sulla stampa nazionale e digitale, "andate a zappare" non sembra più essere una frase poco cortese ma, anzi, una prospettiva concreta.

AGRICOLTURA, LE ULTIME NEWS -->>

A ZAPPARE! - E pare che anche i genitori siano pronti a sottoscrivere. Scrive Tecnica della Scuola che da un'indagine Coldiretti - Swg risulta che "sono tanti i papà e mamma che vedono per i propri figli un futuro professionale-lavorativo in agricoltura, considerandolo un settore “di primaria importanza con un’alta produzione di valore sociale”. L'indagine è stata condotta sulle aziende agricole delle regioni del centro italia, dall'Emilia Romagna all'Abruzzo. I dati, si legge, sono più che confortanti e potrebbero spingere ad una riflessione qualche ragazzo che sta scegliendo quale cammino professionale intraprendere nel suo futuro.

I PERCORSI FORMATIVI IN AGRICOLTURA -->>

PIU' LAVORO, PIU' RICCHEZZA - "Secondo la ricerca, le aziende guidate da giovani registrano un livello di fatturato del 79% maggiore rispetto alla media e il 55% di occupati in più": rendono di più e c'è più lavoro. "In base alle elaborazioni realizzate da Coldiretti sui dati Istat, inoltre, i giovani under 40 che lavorano nelle oltre 450.000 aziende delle sette regioni sono 117.000, un terzo (33%) come titolari": molti giovani impiegati, e fra di essi molti persino imprenditori agricoli, ragazzi che si sono messi in proprio.

SCOPRI I VOUCHER COLDIRETTI-->>

LE AGRI-STARTUP - Coldiretti, la principale realtà italiana dell'agricoltura, offre aiuto ai tanti giovani che vogliono cimentarsi nell'apertura di un'impresa agricola innovativa, una Startup, con i finanziamenti stanziati da CreditAgri, la finanziaria dell'agricoltura. Pare che moltissimi studenti che escono dalle scuole medie stiano pensando di darsi ai campi: i dati dimostrano che in moltissime regioni c'è un vero e proprio boom delle iscrizioni agli istituti agrari.

VERSO IL FUTURO - Così nelle Marche, dove c'è un'aumento "del 30% rispetto all'anno scorso degli iscritti in agricoltura"; anche in Toscana gli istituti agrari ed alberghieri sono in grande espansione a danno dei licei, il che testimonia un grande interesse dei nostri studenti per le potenzialità dell'enogastronomia, dell'agricoltura, del made in Italy. Secondo Vittorio Sangiorgio, delegato nazionale di Coldiretti per i giovani, "l’agricoltura è l’unica traiettoria di futuro che l’Italia oggi può costruire". Insomma: stai scegliendo scuole superiori o università? Fai un pensierino sugli istituti agrari o sugli studi superiori in agricoltura.