Esame di terza media, ecco come cambia. Via l'Invalsi dagli scritti di giugno

Di Marta Ferrucci.

Dall'esame di terza media 2018 si cambia: meno prove scritte e via il test Invalsi dalle prove di giugno. Obiettivo è dare più peso al percorso scolastico

Esame di terza media: come funziona

Come cambia l'esame di terza media
Come cambia l'esame di terza media — Fonte: istock

L'esame di terza media oggi conta sei prove scritte ed un colloquio finale. Erano diversi anni che questa mole di prove veniva contestata soprattutto dalle famiglie: l'esame, di fatto, dava un grande peso alle prove di giugno e non teneva troppo in considerazione il percorso dello studente nei 3 anni di scuola superiore di 1° grado. Altro elemento fortemente contestato era il test Invalsi che dal 2018 sparisce dall'esame di giugno anche se non viene del tutto eliminato. Vediamo che succede:

Come cambia l'esame di terza media

L'esame di terza media dunque cambia, ma solo dal 2018. Gli studenti che quest'anno sono in terza lo svolgeranno secondo le vecchie regole.

Tre scritti e un colloquio saranno le prove previste alla fine della classe terza della secondaria di I grado. L’Esame viene riequilibrato e si torna a dare più valore al percorso scolastico rispetto al peso delle prove finali.

Il decreto con le novità per l'esame di terza media prevede:

  • una prova di italiano
  • una di matematica
  • una prova sulle lingue straniere
  • un colloquio per accertare le competenze trasversali

Come cambia il test Invalsi

Il test Invalsi (la prova nazionale standardizzata) esce dalla porta ma rientra dalla finestra. Infatti resta in terza media, ma anzichè essere uno scritto ulteriore di giugno, si svolgerà nel corso dell’anno scolastico. Gli studenti avranno più respiro e potranno dosare meglio impegno e preparazione.

Le novità per le prove Invalsi: si introduce una prova di inglese standardizzata al termine sia della primaria sia della secondaria di I e II grado per certificare le abilità di comprensione e uso della lingua inglese in linea con il Quadro Comune di Riferimento Europeo per le lingue. Nelle classi finali della secondaria di I e II grado la prova Invalsi è requisito per l’ammissione all’Esame, ma non confluisce nel voto finale: il punteggio è riportato nella documentazione allegata al diploma.

Come affrontare le prove Invalsi dell'esame di Terza Media 8 foto
Come affrontare le prove Invalsi dell'esame di Terza Media