Economia: Comunicazione e Commercio

Di Redazione Studenti.

Istruzione, servizi di informazione, organizzazione militare, comunicazione, commercio: servizi e attività in Grecia

Struttura Economica
- Generalità
- Agricoltura, Allevamento e Pesca
- Risorse Minerarie e Industrie
- Comunicazione e Commercio
- Istruzione e Servizi d'Iinformazione
- Organizzazione Militare


COMUNICAZIONE E COMMERCIO
Benché la Grecia orientale sia servita da una rete di vie di comunicazione molto più fitta rispetto alla Grecia occidentale, sono tuttavia ovunque inadeguate le comunicazioni sia stradali (38.106 km) sia ferroviarie (2479 km, con principale linea Salonicco-Atene, da cui si dipartono vari tronchi minori). Sviluppati sono invece i servizi marittimi, tanto di piccolo cabotaggio quanto d'alto mare: la Grecia dispone della quinta marina mercantile del mondo, con oltre 20 milioni di t di stazza lorda; salvo che per le piccole unità, le navi sono di costruzione straniera. Da tali servizi deriva ben un terzo del reddito prodotto dal settore terziario.
Il principale scalo marittimo è Il Pireo, al servizio della capit.; Atene è sede di un attivo aeroporto internazionale (compagnia di bandiera è la Olympic Airways, che effettua buoni collegamenti sia all'interno del Paese sia con vari Stati esteri).
Nei collegamenti interni, per la parte continentale, ruolo fondamentale hanno gli autobus. L'intensificata industrializzazione ha naturalmente incrementato il movimento commerciale; la Grecia importa quantitativi ormai molto ingenti di macchinari e mezzi di trasporto, combustibili e materie prime, oltre a una vasta gamma di manufatti che l'industria locale non è ancora in grado di fornire, mentre le esportazioni sono soprattutto rappresentate da frutta fresca e secca, ferro e acciaio, alluminio, tabacco, prodotti chimici, tessuti, ecc. Gli scambi si svolgono eminentemente nell'ambito della C.E.E., specie con la Germania e con l'Italia; fortissimo è il deficit commerciale: le esportazioni coprono meno della metà delle importazioni.
Un'importante fonte di valuta è costituita però dal turismo: nel 1992 il Paese è stato visitato da ca. 10 milioni di stranieri, attirati dalle molteplici testimonianze storiche e artistiche e dalla bellezza delle spiagge e dei paesaggi marini. Notevole è stata la crescita del debito estero, quasi quadruplicato dalla seconda metà degli anni Settanta e determinante nella scelta delle recenti politiche di austerità economica: il servizio del debito ammonta così oggi a un terzo ca. del valore delle esportazioni.




ISTRUZIONE E SERVIZI D'INFORMAZIONE
L'educazione dell'antica Grecia subì una notevole trasformazione dalle sue origini al periodo greco-romano. Da uno stadio iniziale in cui l'educazione si basava sull'esercizio fisico, sulla preparazione alla guerra e sulla formazione musicale, si passò a un'istruzione intellettuale fino a giungere alle note scuole filosofiche. A Sparta l'educazione era informata a uno spirito aristocratico, ad Atene era più democratica e liberale. I sofisti introdussero per primi alcune discipline scolastiche, cioè le "arti liberali". Gradualmente si costituì un tipo di educazione simile a quello moderno diviso in cicli (elementare, medio, superiore). Durante la supremazia di Bisanzio e fino alla caduta di Costantinopoli (1453) le scuole greche di antica tradizione decaddero completamente o furono soppresse.
Nel periodo della dominazione turca fino alla guerra d'indipendenza (1821) l'educazione fu prerogativa della Chiesa ortodossa; vennero costituite scuole d'insegnamento superiore che avevano lo scopo di mantenere viva la cultura classica. Nel 1834 l'istruzione elementare fu dichiarata obbligatoria. Alla fine della I guerra mondiale vennero fondate numerose scuole primarie. Con la Costituzione del 1975 l'obbligatorietà scolastica fu stabilita fino a 15 anni. La scuola primaria ha la durata di sei anni ed è seguita o da un corso triennale di scuola media (o pre-ginnasio) e dal ginnasio – anch'esso triennale e aperto ai più dotati, che si basa sull'insegnamento del greco classico e del latino e si conclude con un diploma di licenza o con un esame per chi voglia iscriversi all'università – o dal liceo, che ha la durata di 6 anni ed è un istituto in cui l'insegnamento generale è dedicato soprattutto alle scienze.
Date le carenze nel campo della formazione di quadri e di forza lavoro qualificata, particolare attenzione viene rivolta agli studi tecnici e professionali. L'accademia pedagogica, biennale, alla quale si accede dopo il ginnasio o il liceo, cura la formazione dei maestri. L'istruzione superiore viene impartita nelle università di Atene (1837), Salonicco (1925), Giánnina (1971) e Patrasso (1966). Secondo stime dell'U.N.E.S.C.O., nel 1990 la percentuale di analfabeti era soltanto del 6,8%. L'impulso nazionalista greco del sec. XIX provocò l'apparizione di varie pubblicazioni, di vita effimera; nel 1881 comparve l' Akropolis, quotidiano conservatore tuttora esistente. Con il colpo di Stato del 1967, tutta la stampa d'opposizione dipendente dall'E.D.A. fu soppressa e così vari organi liberali contrari alla dittatura ( Augé, Athenaiké, ecc.). Con la restaurazione delle libertà democratiche (24 luglio 1974) il rigido controllo statale sulla stampa è stato abolito. Fra i quotidiani più importanti vi sono: Ta Nea, Apogevmatini, Ethnas, Kathmerini, Vradyni, Athlitiki Icho. Nel 1987 erano stimati in circolazione 4.100.000 apparecchi radio e 1.750.000 televisori.



ORGANIZZAZIONE MILITARE
Il servizio militare è obbligatorio per tutti gli uomini di età compresa tra i 18 e i 40 anni. La ferma ha la durata di 21 mesi nell'esercito, 25 nella marina e 23 nell'aviazione. L'esercito (160.000 uomini) è organizzato in tre regioni militari e comprende divisioni, brigate corazzate, gruppi di artiglieria da campagna e contraerea. L'armamento comprende quasi 2000 carri armati di vario tipo. L'aviazione leggera dispone di ca. 150 elicotteri e 20 velivoli ad ala fissa. La marina, 20.500 uomini, dispone di ca. 160 unità tra cui sommergibili Diesel, cacciatorpediniere, fregate, lanciamissili.
L'aviazione navale impiega idrovolanti HU 16 Albatross per il pattugliamento, elicotteri AB 212 per la guerra antisommergibile e Alouette per la ricerca e il soccorso. L'aviazione, 24.000 uomini, ha ca. 300 aerei da combattimento, tutti di produzione occidentale, ripartiti in 14 gruppi e inoltre gruppi da trasporto con aerei ed elicotteri e reparti contraerei equipaggiati con missili Nike Hercules e Hawk. La Grecia, dal 1980, è di nuovo entrata a far parte della N.A.T.O.