L'indennità di disoccupazione

Di Marta Ferrucci.

Licenziamento in arrivo? Niente paura, c'è l'indennità di disoccupazione. Se da un lato oggi è particolarmente difficile trovare lavoro, una volta trovato è anche piuttosto facile perderlo

IDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE - Fortunatamente esiste l'indennità di disoccupazione, un ammortizzatore sociale che viene incontro a chi è stato licenziato fornendo assistenza economica per alcuni mesi durante i quali, l'interessato, dovrà attivarsi per trovare un'altra occupazione.

A CHI ASPETTA L'INDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE - Ai lavoratori, assicurati contro la disoccupazione involontaria, che siano stati licenziati.

Dal 1° gennaio 1999 non è più riconosciuta nei confronti di chi si dimette volontariamente; fanno eccezione le lavoratrici in maternità.

OFFERTE DI LAVORO - Tante opportunità nel Cerca Lavoro

QUANDO FARE LA RICHIESTA - Quando il lavoratore può far valere: almeno due anni di assicurazione per la disoccupazione involontaria e almeno 52 contributi settimanali nel biennio precedente la data di cessazione del rapporto di lavoro.

QUANTO TEMPO DURA - L'indennità viene corrisposta per 180 giorni. Dal 1°gennaio 2001 può durare fino a nove mesi se il disoccupato ha superato i 50 anni di età.

Per i primi sei mesi la percentuale di commisurazione alla retribuzione dell’indennità dovrebbe essere elevata al 60% della retribuzione media percepita nei 3 mesi precedenti l'inizio della disoccupazione, per i successivi 3 mesi è fissata al 40 % e al 30% per gli ulteriori tre mesi.


Disoccupazione, guida per sfuggire al panico

COME FARE LA DOMANDA - La domanda va presentata all'INPS entro 68 giorni dal licenziamento. L'indennità decorre dall'8° giorno dal licenziamento se la domanda è stata presentata entro i primi 7 giorni oppure dal 5° giorno successivo alla presentazione della domanda negli altri casi.

L'indennità è corrisposta nella misura del 40 % della retribuzione percepita nei tre mesi precedenti la cessazione dal lavoro nei limiti di un importo massimo mensile lordo che per il 2002 è stato di € 776,12 elevato a € 932,82 per i lavoratori che possono far valere una retribuzione lorda mensile superiore a € 1.679,07. L'importo viene pagato ogni mese con assegno.


Come funziona il Collocamento

QUANDO TERMINA - Quando il lavoratore ha percepito tutte le 180 giornate di indennità, viene avviato ad un nuovo lavoro, viene cancellato, per qualunque motivo, dalle liste dei disoccupati, diventa titolare di un trattamento pensionistico diretto (pensione di vecchiaia, di anzianità, pensione anticipata, pensione di inabilità o assegno di invalidità).

Per maggiori informazioni visitare la pagina web dell'Inps.