Consigli tesina maturità: attenti a Google o Wikipedia!

Di Tommaso Caldarelli.

Un'università offre dei corsi agli studenti delle superiori

MATURITA' 2015 - Mentre si aspettano con ansia le materie dell'esame di maturità 2016 è partito anche il toto-tesina: quale argomento? Quale tema? E quali collegamenti? A tutti questi argomenti bisognerà rispondere piano piano, ma ancora prima di avere le idee chiare sulla propria tesina bisogna essere in grado di avere un buon metodo di lavoro e di selezionare con cura le fonti. Anche e sopratutto nell'era di Internet, Google e Wikipedia.

Maturità 2015, le news

IMPARARE LA TESINA - L'università Liuc di Castellanza (Varese) anche quest'anno propone incontri gratuiti, ci dice il Corriere della Sera, con il personale delle sue biblioteche proprio al fine di insegnare ai ragazzi a realizzare delle buone tesine di maturità senza affidarsi interamente ai mezzi della moderna informatica. "Il primo concetto che spiego ai ragazzi è che fare ricerca non significa digitare una parola su Google e mettere insieme in qualche modo tutto il materiale che salta fuori. Vuol dire piuttosto svolgere un lavoro che necessita di tempo", spiega Laura Ballestra, responsabile del progetto.

Una tesina originale grazie ad Umberto Eco

FRA WEB E BIBLIOTECHE - "In un’epoca in cui tutto sembra facilmente reperibile su internet, diviene sempre più importante saper valutare i materiali", dice la professoressa, e in effetti se la propria tesina si basa su materiali poveri e scelti senza alcuna cura, anche il risultato sarà povero e non adatto a prendere un buon voto.

Guarda anche: Tesine maturità per tutte le scuole

Per fare un buon lavoro servono competenze appropriate: "Durante il laboratorio spieghiamo come si consulta la biblioteca, anche servendosi dell’aiuto dei bibliotecari o del catalogo online, e come scegliere il testo più autorevole in rete, cercando di capire per esempio chi è l’autore o l’editore". Insomma, ok usare Google e Wikipedia, ma bisogna essere in grado di selezionare le notizie più autorevoli e di usare, se necessario, i libri e le biblioteche.