Specializzazioni Medicina: attenzione ai cambi di sede

Di Valeria Roscioni.

Scuole Specializzazione Medica: Coordinamento Mondo Medico segnala nuove irregolarità. Questa volta riguardano alcuni cambi di sede comunicati dal Miur

SPECIALIZZAZIONI MEDICINA: ATTENZIONE AI CAMBI DI SEDE. Il 28 luglio, data di inizio dei test per d’ingresso per l’ammissione alle scuole di Specializzazione in Medicina, è sempre più vicino ma le segnalazioni di Coordinamento Mondo Medico in merito alla gestione del concorso stesso non cessano. Di più: quasi ogni giorno il gruppo che riunisce molti degli aspiranti specializzandi si fa portavoce del malcontento di molti. Così, dopo la questione della documentazione riguardante la laurea e i crediti formativi conseguiti dai singoli candidati, ad essere finito sotto i riflettori c’è il fatto che il Miur avrebbe deciso di cambiare la sede di svolgimento della prova d’accesso ad alcuni candidati.

Le precendenti segnalazioni: Specializzazioni Medicina: rischio ricorsi

CONCORSO SPECIALIZZAZIONI MEDICINA: I CAMBIAMENTI DEL MIUR SONO UN PROBLEMA. “Nelle ultime ore sono pervenute numerose segnalazioni di colleghi per i quali il MIUR sta predisponendo e comunicando cambi nell’assegnazione della sede in cui svolgere il concorso: non si tratta solo di un edificio piuttosto che di un altro ma, in molti casi, di città diverse dalla prima destinazione assegnata. – scrive Coordinamento Mondo Medico nel comunicato dedicato a quest’ultima problematica - Tale decisione, assolutamente ingiustificata, sta creando non pochi problemi ai candidati che, a pochissimi giorni dall’inizio delle prove, si trovano a dover annullare spostamenti e prenotazioni per cercarne di nuovi: non si tratta solo di un possibile ulteriore dispendio economico, non di certo irrilevante, ma anche di frequenti difficoltà nel reperire agevolmente un alloggio utile presso la nuova destinazione.” A questo problema che potrebbe compromettere la partecipazione di alcuni candidati al test per l’ammissione alle Specializzazioni in Medicina, secondo loro, il Ministero potrebbe ovviare tornando sui suoi passi: “Chiediamo che vengano immediatamente cessate queste ingiustificate variazioni di sede dell’ultima ora e, per l’ennesima volta, che vengano predisposte, verificate ed assicurate le misure organizzative di controllo identiche per tutte le sedi, atte a garantire le medesime condizioni di sicurezza e legalità per tutti i concorrenti.”