Concorso specializzazioni mediche 2016: partono le petizioni

Di Marta Ferrucci.

A fronte dei problemi emersi nello svolgimento dei precedenti concorsi di accesso alle specializzazioni mediche, Coordinamento Mondo Medico ha lanciato due petizioni per chiedere un concorso trasparente

CONCORSO SPECIALIZZAZIONI MEDICHE 2016 - Dopo aver riscontrato serie criticità anche nello svolgimento del secondo Concorso Nazionale per l’accesso alle Scuole di Specializzazione, Mondo Medico ha avviato un sondaggio per proporre soluzioni ampiamente condivise.

Le due petizioni online riguardano la riduzione del numero di sedi di svolgimento del concorso e l’abolizione del curriculum vitae dei candidati, problematiche, già sollevate in un confronto con il Sottosegretario Faraone, per avere un più incisivo e diretto coinvolgimento dell'intera popolazione medica e dei cittadini. "Servono risposte concrete alle esigenze di migliaia di medici, la gestione politica del Ministero si assuma la responsabilità di sanare una situazione che, diversamente gestita, non farà altro che alimentare precarietà ed incertezza” ha dichiarato il Coordinamento Mondo Medico.

Iscriviti al gruppo su FB test Medicina e numero chiuso

CONCORSO SPECIALIZZAZIONI MEDICHE 2016: PERCHE' LA PETIZIONE - "Il SSN deve poter contare su medici adeguatamente formati perchè è impensabile che migliaia di specializzandi possano proseguire la propria formazione superando un concorso che garantisce gli studi solo al 50% dei candidati ed ancor più inaccettabile che vengano riconosciuti come “migliori” coloro che traggono benefici in termini di punteggio per la disattenzione ministeriale nei controlli della documentazione presentata e in fase di svolgimento delle prove con evidente danno di coloro che hanno rispettato il regolamento in ogni sua parte" prosegue l'associazione.
La salute è un bene pubblico e per questo è importante che medici e cittadini firmino le due petizioni supportando gli aspiranti specializzandi nel richiedere un concorso il più possibile trasparente seppur ancora perfezionabile. Vai alla petizione per la sede unica >>