Maturità 2014 a rischio: mancano i commissari

Di Valeria Roscioni.

I commissari esterni e quelli interni potrebbero mancare: scatta l’allarme commissioni di maturità in molte scuole

COMMISSARI ESTERNI E INTERNI MANCANTI: MATURITA’ 2014 A RISCHIO. Le liste con i nomi dei commissari esterni per la Maturità 2014 non sono ancora state pubblicate e già la questione commissioni rischia di mettere a repentaglio il regolare svolgimento dell’Esame di Stato. È quanto sta accadendo soprattutto al Nord Italia, dove, come ci spiega Bresciaoggi.it, moltissimi docenti precari delle scuole superiori e delle medie si troveranno a breve sia a dover ricoprire il ruolo di commissari che a dover sostenere gli esami Pass ( Percorsi di abilitazione speciali tenuti a pagamento dalle Università italiane e molto importanti per arrivare al traguardo dell’assunzione definitiva).

ULTIMISSIME NOVITA': Nomi commissari esterni maturità 2014: ecco la data della pubblicazione

COMMISSARI MATURITA’ 2014: TUTTI ASSENTI? In altre parole i professori precari, che peraltro hanno anche diritto a tre giorni di permesso per i Pass, si troverebbero a dover affrontare due esami, il proprio e quello di Maturità, quasi contemporaneamente. “Abbiamo chiesto alle università, alla Cattolica come alle Statali, e lo abbiamo chiesto anche a voce alta – ha dichiarato la preside del Vincenzo Capirola -, di non calendarizzare gli esami Pass in coincidenza con la maturità, ma la nostra richiesta è caduta nel vuoto, non si sono spostate di una virgola” che ha anche sottolineato che chiedere ai precari di rinunciare ai Percorsi di abilitazione speciali è impossibile dato che “Alcuni di loro si sono licenziati dalla scuola pur di accedere a quei percorsi, nessuno ci rinuncerebbe per venire a fare la maturità”.

ULTIMI AGGIORNAMENTI: Commissari esterni maturità 2014: i nomi e le materie

COMMISSIONI MATURITA’ 2014: UN PROBLEMA SOLO AL NORD. La questione, dunque, appare davvero delicata e, a quanto sembra, riguarda soprattutto il Nord dove i precari sono moltissimi. La soluzione è in mano al Miur: : “Interpelleremo l'Ufficio scolastico regionale perché intervenga sul Ministero e lo convinca a non metterci i bastoni tra le ruote – ha spiegato il direttore dell'Ufficio scolastico territoriale (Ust) bresciano Mario Maviglia -, la situazione è generalizzata a Brescia e in tutte le province lombarde e deve essere affrontata”. Come andrà a finire?