Obiettivo Londra: tanti consigli per trasferirsi e trovare lavoro in fretta nella capitale inglese

Di Andrea Maggiolo.

Come trovare lavoro a Londra: tanti consigli, racconti e dritte per vivere un'esperienza nella capitale britannica, anche senza sapere l'inglese

COME TROVARE LAVORO A LONDRA

Italians in Fuga è un vero e proprio punto di riferimento per tanti giovani (e meno giovani) che vogliono mettersi alla prova con un periodo di lavoro all'estero. Consigli, testimonianze, racconti e tanto altro materiale utile per chi sogna di trasferirsi in un paese straniero.

E tra le mete più ambite, inossidabile, c'è sempre Londra. Su Italians in Fuga c'è la testimonianza di un ragazzo italiano che è partito qualche anno fa: dove vivere durante i primi giorni, come imparare l'inglese in fretta, come trovare lavoro. Il primo lavoro a Londra potrebbe anche non essere quello dei vostri sogni, ma il consiglio è sempre lo stesso: è la "gavetta". Qualsiasi lavoro vi consentirà di pagare l'affitto, che a Londra non è certo economico, migliorare il vostro Inglese, creare una rete di contatti che può portare a cose migliori, mostrare al prossimo datore di lavoro che siete affidabili per lavorare nella realtà lavorativa inglese.

Come trovare lavoro a Londra
Come trovare lavoro a Londra — Fonte: istock

PERCHE' PARTIRE?

Non c'è un unico motivo che spinge ragazzi come Elvis, laureato e con qualche anno di esperienza nell'Internet Technology, a provare un'esperienza di lavoro oltreconfine. Il motivo principale, leggendo tante testimonianze su internet, è la mancanza di meritrocrazia che caratterizza molto settori del nostro mercato del lavoro. Poi, sottolinea Elvis, "nei paesi anglosassoni il lavoro nel settore IT è molto ben pagato, quindi basta in genere un livello di lingua non altissimo, specialmente per i ruoli da programmatore o simili. Inoltre moltissimi mi hanno raccontato di aver avuto interessanti esperienze all'estero, quindi perché non provare? Non avevo nulla da perdere".

Non si parte più dall'Italia come succedeva cent'anni fa, quando il motore era la fame, la necessità di sopravvivere. Al giorno d'oggi tanti laureati potrebbe trovare abbastanza facilmente un lavoro in Italia. Ma probabilmente non sarebbe il lavoro per cui hanno davvero studiato. "Non sono partito a causa di assenza di alternative, ma poiché sapevo che qua avrei avuto possibilitá di ambire a molto di piú. In Italia - racconta - ho dato un'occhiata agli annunci e come mi aspettavo non c'era neanche l'ombra di qualcosa decente".

PERCHE' LONDRA?

Elvis ha deciso di partire all'inizio del 2009. La crisi economica si stava facendo sentire ovunque. "Ormai avevo deciso e comunque per l'IT la crisi sembrava che si facesse sentire di meno. La mia scelta era un paese anglofono europeo, l'inglese é importantissimo nel settore tecnico".

La scelta di Londra piuttosto che di altre grandi città in paesi anglofoni è stata logica. "L'Irlanda e altri paesi europei li ho scartati a priori poiché in essi la crisi si era fatta sentire di piú. Alla fine ho scelto Londra". Gli affitti e i trasporti costano, ma non molto di piú di quelli di Milano o Roma, se si fa un po' di attenzione. Le opportunitá sono tante, "se si é intraprendenti e in gamba sicuramente é la cittá ideale" dice.

Italians in Fuga consiglia ai ragazzi e alle ragazze che si trasferiscono a Londra di non "fissarsi" esclusivamente sul centro della capitale. La metropoli è grandissima e ci sono opportunità di lavoro dovunque. La Zone 1 (definita come tale dalla metropolitana) è certo quella più interessante, ma è più difficile trovare alloggi economici e decenti. Il vantaggio di lavorare nella periferia di Londra è che il costo degli affitti è più basso mentre lo svantaggio è la distanza da tutte le attrazioni turistiche e dai quartieri più conosciuti.

Lavorare a Londra
Lavorare a Londra — Fonte: istock

PRIMI GIORNI A LONDRA

Se non avete un amico che vi possa ospitare nei primi giorni di permanenza nella capitale, dovrete cercare un posto letto in affitto. Per la prima settimana ci sono gli ostelli della gioventù.Dovete poi subito migliorare l'inglese, magari facendo come Elvis: "Ho frequentato per tre mesi un corso di inglese per arrivare a un livello che mi consentisse di parlare al telefono con i recruiter (agenzie di reclutamento) e sostenere una intervista". E poi è cominciata la vera ricerca lavoro. "Ho iniziato ad applicarmi per alcuni lavori online. Ci vuole un po' per capire a cosa si puó aspirare e come bisogna comportarsi con i recruiters al telefono. Per farla breve, - dice Elvis - dopo circa due settimane avevo fatto qualche intervista e alla terza, dopo molte domande tecniche, sono stato assunto. Le aziende sono in genere molto piú interessate alle competenze che ai titoli di studio, ma dopo 8 mesi che lavoro direi che servono entrambe per avanzare di carriera e ambire a posti meglio pagati".

COME TROVARE LAVORO A LONDRA?

Per cercare lavoro a Londra, in qualsiasi settore, dovete avere un buon livello di conoscenza dell'inglese. Poi dovete compilare un curriculum vitae (CV) che risponda ai requisiti e agli standard delle agenzie di collocamento e dei datori di lavoro di Londra. Ciò significa seguire la struttura pre-definita del curriculum inglese senza deviare in cerca di originalità. Dovete mantenervi entro le due pagine ed elencare i dettagli personali, la vostra esperienza lavorativa, l'istruzione. Siate concisi, usate bullet points, verbi di ‘azione', percentuali e numeri.

Il consiglio di Italians in Fuga è quello di leggere con attenzione i siti del Guardian e del Sunday Times, due dei maggiori quotidiani del Regno Unito. Un altro grande classico è la sezione London all jobs classified del sito di annunci gratuti CraigList. Il bello di tutte queste risorse per trovare lavoro è che, al giorno d'oggi, potete fare la ricerca su internet e, una volta ottenuto un invito per un colloquio di lavoro, prendere il primo volo low-cost per Londra, minimizzando così il rischio sia in termini di tempo che di denaro.

La procedura dei colloqui di lavoro nella capitale britannica in genere prevede un primo colloquio che serve a ridurre il numero dei candidati. Coloro che superano il test del primo colloquio saranno invitati, dopo una settimana o due, al secondo. La prassi vuole che l'offerta venga fatta tramite telefonata o lettera dopo il secondo colloquio.

Se nei primi tempi non siete riusciti a trovare il lavoro nel settore a cui ambivate, non è il caso di disperarsi. Iniziate a lavorare in un ristorante, pub o simile. Capirete molto meglio Londra e i Londinesi e vi ambienterete molto più in fretta, sentendo meno la nostalgia dell'Italia che agli inizi della vostra avventura si farà sicuramente avvertire.

Un elemento positivo, segnala il sito Italians in Fuga, a cui in Italia non siamo abituati é che le offerte di lavoro riportano chiaramente quanto sará lo stipendio offerto, e non esiste un'etá massima per poter fare un lavoro. "L'impressione che ho avuto - dice Elvis - é che nell'IT ci sono buone offerte (cosí come in altri settori), e in queste situazioni sono ovviamente i lavoratori ad avere il coltello dalla parte del manico; i manager faranno probabilmente il possibile per trattenerti, trattandoti bene e dandoti uno stipendio adeguato alle competenze per evitare che tu cerchi qualcosa di meglio".

PRIMA DI PARTIRE

Elvis consiglia a chi vuole fare quest'esperienza di valutare bene tutti gli aspetti, sia quelli positivi sia quelli negativi. "Consiglierei l'esperienza a chiunque fosse interessato a restare per qualche mese con lo scopo principale di migliorare la lingua." Ma se l'obiettivo è stabilirsi a Londra, bisogna valutare per bene la situazione. "Per periodi maggiori, direi oggettivamente che ne vale veramente la pena per chi ha competenze tecniche o in alcuni specifici settori, altrimenti si rischia di perdere anni a lavorare sottopagati senza ottenere nulla. Naturalmente c'é una forte componente soggettiva, e il tutto dipende altamente anche dai propri gusti, prioritá e dalla situazione precedente in Italia".

LONDRA PER ITALIANI

Ci sono tanti siti e forum dove si possono leggere le testimonianze di migliaia di ragazzi e ragazze che hanno già fatto l'esperienza prima di voi. E il modo migliore per sciogliere gli ultimi dubbi e superare la paura è proprio informarsi nel modo più dettagliato possibile sui quartieri migliori e le offerte di lavoro più aggiornate. Ecco alcuni indirizzi di riferimento:

1) Italiani a Londra

2) Italians United

3) Italians of London

4) Sognando Londra

Fonti: (1) - (2) - (3)

LINK UTILI

- Gumetree: sito con tanti annunci di camere in affitto a Londra

- Italians in Fuga

- Londra: guida di Studenti.it

- ZingaGuida di Londra