Esame terza media italiano: come si scrive una lettera ad un amico

Di Chiara Casalin.

Scopri come si scrive la lettera ad un amico all'esame di italiano di terza media 2017. Ecco come si struttura e come si svolge la traccia del tema

LETTERA AD UN AMICO: ESAME ITALIANO TERZA MEDIA

Quale tema pensi di scegliere alla prova d'italiano dell'esame di terza media 2017? Devi sapere che la mattina dell'esame ti troverai di fronte diverse opzioni. I tuoi professori ti proporranno infatti diverse tipologie di temi, detti anche "tracce": la lettera ad un amico, relazione su un libro, la pagina di diario, il tema di attualità e la relazione su una gita o un laboratorio.
Forse starai pensando che la lettera ad un amico sia una traccia obsoleta o un po' noiosa (probabilmente ti starai chiedendo “Chi le scrive più le lettere?”), eppure è importante saper raccontare le proprie emozioni anche attraverso questo mezzo di comunicazione, che si differenzia molto da quelli usati oggi, come sms e mail.
Se devi allenarti su questa tipologia di traccia ma non sai da dove cominciare, qui di seguito trovi tutti i passaggi che devi affrontare:

1. Lettera ad un amico: che cos’è
2. Lo stile e il linguaggio della lettera ad un amico
3. La struttura della lettera ad un amico
4. Come scrivere una lettera ad un amico: guida passo per passo
5. Esempio di lettera ad un amico per l’esame di terza media

Esame terza media italiano: come scrivere la lettera ad un amico
Esame terza media italiano: come scrivere la lettera ad un amico — Fonte: istock

1. COS’E’ LA LETTERA AD UN AMICO

La lettera ad un amico è un testo in cui un mittente (cioè chi scrive) vuole comunicare, raccontare o chiedere qualcosa ad un destinatario (cioè la persona a cui è indirizzata la lettera).
In questo caso, quindi, il mittente sei tu, mentre il destinatario è l’amico a cui stai immaginando di scrivere.
Di solito la lettera ad un amico ha lo scopo di parlare di qualcosa di personale, esprimendo i propri pensieri e considerazioni.


2. LO STILE E IL LINGUAGGIO DELLA LETTERA AD UN AMICO

Questo tipo di lettera ha uno stile informale e rilassato. Visto che ti stai rivolgendo ad una persona che conosci molto bene, infatti, puoi salutare con il “Ciao” e devi dare del “tu” al destinatario. Evita invece espressioni formali (ad es: “Gentile sig. Rossi”) e l’uso del “Lei”.
Usa un tono colloquiale, come se stessi chiacchierando con il tuo amico nella vita di tutti i giorni, e ricordati di utilizzare un linguaggio semplice.


3. LA STRUTTURA DELLA LETTERA AD UN AMICO PER L’ESAME DI TERZA MEDIA

Anche se è un tipo di testo informale, ricorda che quando scrivi la lettera ad un amico alla prova d'italiano dell'esame di terza media devi seguire una struttura ben precisa, una scaletta che comprende le seguenti parti:

• Luogo e data
• Introduzione
• Corpo della lettera
• Chiusura
• Saluti
• Firma
• Post Scriptum


4. COME SCRIVERE LA LETTERA AD UN AMICO PER L’ESAME DI TERZA MEDIA

Ecco i consigli per sviluppare le varie sezioni della tua lettera:

Luogo e data: devi scriverli in alto, sulla destra del foglio. Esempio: Roma, 12 giugno 2017

Una formula di saluto iniziale: inizia la tua lettera salutando il tuo amico. Puoi usare formule come “Caro Giulio,” oppure “Ciao Elena,”. Dopo il saluto metti la virgola e vai a capo. La frase successiva, che aprirà l’introduzione, deve iniziare con la lettera minuscola.

Un’introduzione: in questa parte chiedi al tuo amico come sta e spiega in poche frasi il motivo della lettera. Ad esempio: coma va? È da molte settimane che non ci sentiamo, quindi ho pensato di scriverti per sentire come stai e per aggiornarti sulle tante cose che mi sono successe negli ultimi giorni.

Il corpo della lettera: questa è la parte più lunga di tutte, dove sviluppi il tuo tema centrale. Racconta al tuo amico le cose che ti sono successe, descrivi le situazioni e i pensieri che hai avuto.
Ricordati di utilizzare un tono confidenziale e chiedigli opinioni, in modo da coinvolgerlo nel tuo racconto.
Informati anche sulle cose che il tuo corrispondente ti ha scritto nell’ultima lettera che ti ha inviato. Aveva problemi a scuola? Doveva partire per un viaggio? Ti aveva confessato di avere una cotta per qualcuno? Mostrati interessato e chiedigli di aggiornarti.

Una chiusura: nella parte che chiude la tua lettera incoraggia il tuo amico a risponderti usando formule come “spero di ricevere presto una lettera da te” oppure “rispondimi presto”. Puoi anche esprimere un augurio, come ad esempio “passa delle belle vacanze!” .

I saluti: termina la lettera salutando il tuo destinatario. Visto che hai confidenza con chi legge puoi usare formule come “a presto”, “un bacio” e “un abbraccio”.

La tua firma: scrivi solo il tuo nome.

Il Post Scriptum: il “P.S .”, che letteralmente significa “dopo lo scritto”, è una sezione facoltativa che si aggiunge di solito sotto la firma.
Puoi utilizzare il P.S. per aggiungere un’informazione o per fare domande che ti sei dimenticato di scrivere nel corpo della lettera.


5. ESEMPIO DI LETTERA AD UN AMICO PER L’ESAME DI ITALIANO DI TERZA MEDIA

Vuoi provare a scrivere una lettera ad un amico ma non sai da dove cominciare? Qui di seguito ne trovi un esempio, tratto dagli appunti di Studenti.it:

Milano, 14 giugno 2017

Cara Elisa,

come stai? Anche se ci vediamo abbastanza spesso ho deciso di scriverti questa lettera perché in questi giorni ho ripensato al mio percorso durante le scuole elementari e le medie e, visto che l’abbiamo affrontato insieme, mi è venuta voglia di ricordarlo insieme a te.
Sono orami quasi otto anni che ci conosciamo perché siamo capitate nella stessa classe alle elementari. Non proprio per caso, ora che mi viene in mente. Ricordo che una volta mia madre mi ha raccontato che aveva incontrato tua madre in palestra e che avevano scoperto di avere iscritto entrambe le loro figlie nella stessa scuola. Visto che poi avevano fatto amicizia, avevano deciso di iscriverci nella stessa sezione scolastica.
Siamo diventate amiche fin da subito! Abbiamo condiviso pomeriggi al parco, lezioni in classe, compiti al pomeriggio, gruppi di amici e anche la scuola media.
Purtroppo alle medie tu sei capitata in un’altra sezione, nonostante avessimo sperato fino all’ultimo di ritrovarci nella stessa classe. Gli iscritti alla mia sezione però erano troppi. Per fortuna non è cambiato nulla tra di noi. Abbiamo continuato a frequentarci anche fuori dalla scuola e in palestra, dove pratichiamo il nostro sport preferito, la pallavolo.
Le nostre mamme continuano a uscire insieme e a sentirsi e questo facilita la nostra amicizia e il nostro legame, che diventa ogni anno più forte. Stiamo crescendo insieme e spero che questo non cambi.
Credo che l’amicizia sia un valore importante nella vita e tu per me sei sempre stata un punto di riferimento. Non posso fare altro che ringraziarti per i bei momenti trascorsi insieme e per tutte le volte che non ero di buon umore e tu mi hai tirato su di morale con i tuoi sorrisi, le tue battute, i tuoi scherzi e le nostre chiacchierate.
So che siamo ancora all’inizio della nostra lunga amicizia. Chissà quanti anni insieme ci aspettano ancora, quante litigate, quante uscite e anche quanti pianti.
Ricordi quando ti ho aspettata sotto casa tua, sotto la pioggia, nella speranza che tu fossi in casa perché i miei erano usciti per fare la spesa e io avevo dimenticato le chiavi per entrare in casa mia? Meno male che abitiamo vicine, così non appena ho bisogno di una spalla su cui piangere so che posso percorrere le due strade parallele che ci dividono e tutto si sistema!
Spero che anche tu sia felice della nostra amicizia e mi auguro che anche quando andremo alle superiori continueremo ad essere grandi amiche.

Scrivimi presto!

Un abbraccio,

Lucia