Come diventare esperti in giornalismo enogastronomico

Di Valentina Vacca.

Negli ultimi tempi l'attenzione dei media verso il cibo è cresciuta vertiginosamente. Questa grande considerazione verso la cucina, gli alimenti e i ristoranti ha condotto alla nascita di una vera e propria professione che coniuga l'attività mediatica con l'attenzione verso il cibo: il giornalista enogastronomico. Ma di cosa si occupa esattamente un giornalista enogastronomico e quali sono i corsi che consentono di diventarlo?

"Non c'è amore più sincero di quello per il cibo": come dare torto al famoso scrittore e drammaturgo irlandese George Bernard Shaw? Negli ultimi tempi effettivamente i mezzi mediatici hanno scatenato un interesse morboso per il cibo quasi pari a quello per il sesso e il peccato di gola è diventato quasi più frequente di quello della lussuria. Si è verificata quindi una proliferazione di reality, programmi televisivi, blog e film aventi come tema l'arte culinaria; un così elevato interessamento per il cibo non poteva che portare alla nascita di una professione che ha coniugato i media con l'ambito in questione: il giornalista enogastronomico.

L'esperto in gio

rnalismo enogastronomico si occupa di redigere contenuti editoriali e multimediali in ambito alimentare: ad esempio scrive recensioni per ristoranti, crea documentari sui "luoghi" del cibo, organizza eventi e manifestazioni di carattere gastronomico ed è un esperto della comunicazione e del marketing alimentare nonchè delle tecniche principali della cucina che consentono di riconoscere la qualità di un determinato cibo. Una totale immersione insomma nel mondo del cibo e del vino che consente di imparare a riconoscere tutte le più sottili sfumature dei prodotti di qualità.
Come diventare però specialista in giornalismo enogastronomico? Ecco quali sono i corsi e i master che lo consentono:

ISTITUTO SUPERIORE DI GIORNALISMO DI PALERMO
A partire da questo ottobre è stato attivato un corso di 180 ore in giornalismo enogastronomico, all'interno del quale sono presenti anche lezioni sul turismo enogastronomico siciliano e sulla comunicazione enogastronomica online. Potete trovare tutte le informazioni qui

GAMBERO ROSSO-ROMA
La più celebre rivista culinaria organizza a Roma un Master in Giornalismo enogastronomico, giunto quest'anno alla X edizione. Della durata di sei mesi, il Master insegna agli allievi tutte le tecniche per diventare un raffinato giornalista del "cibo" ed inoltre prevede anche che questi apprendano tutti i segreti della degustazione. Al termine del Master verranno selezionati gli studenti migliori ai quali verrà data la possibilità di svolgere uno stage presso il Gambero Rosso



UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE-POLLENZO (CUNEO)
Oltre alla presenza di lauree triennali e magistrali in ambito gastronomico, l'università degli studi in Scienze Gastronomiche di Pollenzo ha attivato anche un Master in Food Culture and Communication, che prevede anche la partecipazione degli allievi a viaggi "gastronomici" in Italia e all'estero. Inoltre questo Master ha anche l'obbiettivo di insegnare le tecniche di vendita, di comunicazione e di progettazione di sistemi innovativi nell'ambito della comunicazione gastronomica.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA
Nel 2006 a Padova è stato attivato il Master biennale in turismo e giornalismo dell'enogastronomia, riservato però a praticanti giornalisti, pubblicisti, etc. Tuttavia però nel 2010 il rettore dell'ateneo di Padova ha annunciato la sospensione di tutti i master in giornalismo per quest'anno accademico. Verranno riattivati in data da destinarsi

Inoltre l'Istituto Norberto Bobbio di Carignano (TO) ha attivato un corso post diploma gratuito in giornalismo enogastronomico della durata di 800 ore, 280 della quali dedicate allo svolgimento di uno stage.

Scommettiamo che leggendo questo articolo vi è venuto appetito!
Diteci intanto che ne pensate di questa nuova professione!