I coenzimi vitaminici

Di Redazione Studenti.

Studio dei coenziomi vitaminici. Quali azioni svolgono; cosa sono i sintomi generici da deficit


Gli enzimi sono i catalizzatori delle reazioni biologiche: molto spesso però gli enzimi da soli non sono in grado di catalizzare la loro specifica reazione, ma necessitano di molecole, dette coenzimi, che li “aiutino”.
Il coenzima interviene con alcuni suoi gruppi funzionali specifici, che l’enzima non possiede, e che sono necessari durante la catalisi.
I coenzimi vengono sintetizzati nelle nostre cellule a partire da molecole, le vitamine idrosolubili, che invece non siamo in grado di produrre: in altre parole, i coenzimi sono vitamine modificate chimicamente.

Le vitamine sono prodotte dalle piante e, in qualche caso, dai batteri intestinali.
La necessità di una dieta contenete frutta e verdure fresche era già stata riconosciuta nel ‘700, osservando gli effetti nefasti dei lunghi viaggi in mare (dieta a base di cereali secchi e carne salata) sullo stato di salute dei marinai.
Non tutte le vitamine hanno una funzione coenzimatica: le vitamine liposolubili (A,D,E e K) sono invece delle molecole segnale, da considerarsi simili a ormoni per la molteplicità dei loro effetti.

I sintomi da deficit vitaminico sono rari nella nostra società, ma possono verificarsi in: soggetti anziani (cattiva alimentazione, malassorbimento), alcolisti (cattiva alimentazione, epatopatia, malassorbimento), terapia anticonvulsivante cronica (deficit folati e vit. D), ripetute gravidanze con allattamento (aumentato fabbisogno), gastrite atrofica (deficit produzione fattore intrinseco necessario per assorbimento B12), diete vegetariane strette e di lunga durata.

I sintomi generici da deficit sono simili per tutte le vitamine coenzimatiche, poiché derivano dall’alterazione del metabolismo energetico, che colpisce prevalentemente i tessuti con elevate necessità (in rapida crescita, come epiteli, mucose, cellule del sangue, o ad attività metabolica elevata, come sistema nervoso e apparato muscolare).
I sintomi generici comprendono dermatite, cheilite, glossite, neuropatie periferiche, incoordinazione motoria, faticabilità, malessere, diarrea.


VITAMINA

COENZIMA

ENZIMA/FUNZIONE

SINTOMI DA DEFICIT

RDA
mg

Tiamina (B1)

TPP

Piruvato deidrogenasi e KGA-deidrogenasi
(ciclo di Krebs)

Atassia, oftalmoplegia, confusione mentale, faticabilità.

1-1.5

Ac. Pantotenico (B5)

Coenzima A

Trasportatore-attivatore di acili

Non noti, forse perché molto diffuso negli alimenti.

Piridossina (B6)

PLP

Transaminasi

Neuropatie periferiche, anemia sideroblastica.

1.4-2.0

Biotina

Biocitina

Carbossilasi

Prodotta dai batteri intestinali.

Ac. folico

THF

Trasf. unità carboniose nella sintesi purine e dTMP (sintesi DNA)

Anemia megaloblastica; difetti del tubo neurale in neonati da madri deficitarie.

0.2-0.4

Ac. nicotinico

NAD+

Deidrogenasi
(trasf. elettroni)

Pellagra: dermatite fotoreattiva, diarrea, demenza

13-19

Riboflavina
(B2)

FAD

Deidrogenasi
(trasf. elettroni)

Cheilite, dermatite, glossite

1.2-1.7

Ac. Ascorbico
(C)

Non è un coenzima, ma è necessaria come substrato durante la sintesi del collagene. Aiuta l’assorbimento del ferro.

Idrossilazione di Lys e Pro nel proto-collagene, necessario per legami covalenti tra fibrille. Anti-ossidante.

Scorbuto: fragilità capillare e del collagene tissutale, osteoporosi, cattiva riparazione ferite

60

Cobalamina
(B12)

Non è un coenzima, ma è necessaria durante una reazione del THF. Nella carne (fegato).

Recupero del THF dal metil-THF; recupero del metilmalonil-CoA a succinil-CoA.

Anemia megaloblastica; deficit neurologici da demielinizza-zione.

1

RDA = recommended dietary allowance = dose giornaliera consigliata
VITAMINE LIPOSOLUBILI

Le vitamine liposolubili non formano coenzimi, ma sono piuttosto da considerare come molecole segnale (ormoni).
Sono depositate nel fegato: i sintomi da deficit possono richiedere anni prima di manifestarsi a seguito di condizioni favorenti: malassorbimento lipidico, epatopatie croniche, alcolismo, terapia antibiotica (K), nefropatie croniche (K).

VITAMINA

FUNZIONE

SINTOMI DA DEFICIT

RDA
mg

A
retinolo, retinale, ac. retinico

Anti-ossidante, regola proliferazione e differenziamento cellulare, pigmento visivo (rodopsina)

Cecità notturna, ipercheratosi, anemia.

6
(b-carotene)

D
colecalciferolo, D3
7-deidrocol. è attivato a D3 dalla luce UV. D3 è attivato per idros-silazione nel fegato e nel rene a 1,25-(OH)2D.

Stimola assorbimento intestinale del Ca2+, inibisce l’escrezione renale e aumenta il riassorbimento di Ca2+ dall’osso (insieme a PTH)

Rachitismo nei bambini, osteomalacia nell’adulto

1-2

E
Miscela di composti vegetali: tocoferoli

Anti-ossidante nelle membrane, lipoproteine e tessuto adiposo; stabilizza CoQ (respirazione mitocon.)

Non noti

1-2

K
Sintetizzato dai batteri intestinali

Richiesta per la sintesi epatica dei fattori della coagulazione 2°, 7°, 9° e 10°, e di osteocalcina

Aumento del tempo di coagulazione; osteoporosi.

0.08