Bonus cultura: buoni rivenduti a metà prezzo dagli studenti

Di Chiara Casalin.

Lanciato l’allarme sulla vendita del bonus cultura di 500 euro a metà prezzo. Ecco come vengono rivenduti dagli studenti

SPECIALE SCUOLA 2017/2018

|Calendario scolastico| Temi di Italiano svolti

BONUS CULTURA 18ENNI

A poca distanza dalla scadenza per richiedere il bonus cultura, arriva una notizia allarmante. L’edizione barese del quotidiano Repubblica.it ha reso noto che si è creato un vero e proprio giro d’affari intorno al bonus di 500 euro per i 18enni. Secondo quanto riporta il giornale, alcuni giovani rivendono i loro buoni a metà prezzo, guadagnando un po’ di soldi da spendere in cose diverse da libri, spettacoli o biglietti per musei.

LO SCAMBIO DEL BONUS DI 500 EURO

Bonus cultura rivenduti dai 18enni
Bonus cultura rivenduti dai 18enni — Fonte: istock

Il bonus cultura previsto dall'ex Governo Renzi, infatti, può essere speso solamente per acquistare libri, oppure per comprare biglietti per concerti, spettacoli teatrali, mostre e musei.
Alcuni neo-maggiorenni hanno pensato di bypassare questo limite, scambiando i loro 500 euro con metà della somma che, però, possono spendere come vogliono. Questo scambio avviene rivendendo libri a metà prezzo.

COME SUCCEDE

Si possono trovare annunci di “rivendita” dei bonus cultura sui social, ad esempio sui gruppi Facebook dedicati alla lettura. Un ragazzo intervistato dal quotidiano spiega che Il meccanismo è piuttosto semplice: una persona interessata indica al 18enne quale libro comprare online e gli versa metà del prezzo del libro sulla Postepay. Una volta che il ragazzo ha ricevuto la ricarica, ordina il libro con il proprio bonus cultura e lo spedisce a chi l’ha commissionato.
"A te conviene, perché compri a metà prezzo, e io ci guadagno, visto che non leggo" spiega il diciottenne Gennaro a Repubblica.it.

Insomma, nonostante moltissimi studenti stiano effettivamente sfruttando i loro 500 euro per comprare romanzi o per assistere a spettacoli, altri hanno trovato un sistema per utilizzare i soldi in modo completamente diverso e lontano dallo scopo iniziale. Davvero un peccato.