Intercultura: un anno scolastico all'estero

Di Redazione Studenti.

Riapre il bando con le borse di studio per chi vuole vivere e studiare in un altro Paese: numerose nuove mete di destinazione e ulteriori agevolazioni economiche

Come ogni anno a settembre, la “Generazione Intercultura” si appresta a prendere un’importante decisione: investire sul proprio futuro, iscrivendosi al bando di concorso per frequentare un periodo di scuola all’estero (da un minimo di 2 mesi, fino all’intero anno scolastico) e per vivere con una famiglia di un altro Paese. Portogallo, Giappone, Malesia, Tailandia, Argentina e Brasile i nuovi Paesi dove è possibile recarsi per l’intero anno scolastico. Insieme a mete più tradizionali come gli stati europei o gli USA e a Paesi emergenti come Cina e India, sono le destinazioni che accoglieranno gli oltre mille studenti italiani che ogni anno intraprendono questa affascinante esperienza.
Ma chi sono quelli della “generazione Intercultura”?
Sono ragazzi che non hanno paura di staccarsi dalla loro quotidianità, dalla famiglia e dagli amici e che quindi decidono di trascorrere un periodo significativo della loro vita in un altro paese, diverso per  cultura,  tradizione e stile di vita, ospiti di una famiglia del posto che li accoglierà come veri e propri figli.

Sono quelli che il mondo non si limitano a conoscerlo via internet o per televisione, ma preferiscono farlo di persona calandosi completamente in una nuova realtà.
Sono quelli che scelgono di trascorrere un anno in un paese del vecchio continente perché sanno che le culture dei popoli europei non  sono poi così familiari. Sono quelli che oltre alle più tradizionali mete di destinazione come Stati Uniti, Australia, o Francia, scelgono una delle grandi potenze dell’Oriente con cui l’Europa e l’Italia dovranno fare i conti nei prossimi anni. Sono quelli che scelgono l’Egitto, la Turchia o la Tunisia, perché affascinati dall’incontro tra Oriente e Occidente, perché incuriositi da un confronto e da un’integrazione con Paesi a prevalente cultura e religione mussulmana. Sono quelli che il loro futuro iniziano a costruirlo adesso, sapendo che la cosa più importante che impareranno da questa esperienza sarà la capacità di relazionarsi con persone di culture diverse dalla propria, di istaurare con loro un rapporto costruttivo e così crescere ed arricchirsi dal confronto.

Le novità del bando 2008-09 riguardano anche le borse di studio. Intercultura ha portato a 90.000 Euro il limite di reddito sotto il quale è possibile richiedere una delle 345 borse di studio per la copertura totale o parziale delle spese di partecipazione ai programmi di studio all’estero.
A queste, in autunno si aggiungeranno circa altre 250 borse di studio messe a disposizione da numerose aziende, istituti di credito, fondazioni ed enti locali, per stimolare la partecipazione ai programmi di Intercultura dei figli dei loro dipendenti o degli studenti del loro territorio.
Complessivamente, Intercultura prevede che anche per l’anno 2008-09 saranno oltre 600 (circa  2/3 del totale) i partecipanti ai programmi che usufruiranno di una borsa di studio.
Le ultime novità riguardano le agevolazioni economiche. Accanto a un ulteriore ampliamento delle fasce di reddito per le famiglie con più due figli a carico, da quest’anno Intercultura un’agevolazione anche alle famiglie con due figli che si candidano a partire nel corso dello stesso anno.

Possono iscriversi al concorso Intercultura
gli studenti nati tra il 1° Luglio 1991 e il 31 Agosto 1994. Le età di ammissione possono essere leggermente diverse a seconda del Paese richiesto, per cui si consiglia di consultare il dettaglio delle date di nascita accettate sulle pagine del bando di concorso o sul sito www.intercultura.it
La scadenza per le iscrizioni è il 10 Novembre 2008. Ci si può candidare direttamente attraverso il sito Intercultura, oppure si può richiedere il bando di concorso cartaceo direttamente alla sede Nazionale di Intercultura, Via Gracco del Secco 100, 53034 Colle di Val D’Elsa (SI), telefono 0577/900001, fax 0577/920948, email segreteria@intercultura.it 
Il bando di concorso può essere richiesto anche contattando i volontari dell’associazione che operano nei 130 Centri Locali distribuiti in tutta Italia.