Arte Paleocristiana, riassunto e caratteristiche

Di Francesca Ferrandi.

Riassunto sull'Arte Paleocristiana: simboli, catacombe e basiliche della produzione artistica dei primi sei secoli d.C.

ARTE PALEOCRISTIANA, RIASSUNTO – Con il termine Arte Paleocristiana ci si riferisce alla produzione artistica che fiorì tra il I e il VI secolo d.C. in tutte quelle zone interne all’Impero Romano in cui si diffuse la nuova religione cristiana. Inizialmente perseguitate dall’Impero, le comunità cristiane trovarono fin da subito nell’arte un facile strumento di trasmissione della propria fede, celata sotto immagini e simboli allegorici. A partire dall’Editto di Costantino (313 d.C.), con il quale veniva proclamata la libertà di culto in tutto l’Impero, l’Arte Paleocristiana conobbe il suo massimo splendore, in cui fiorirono architettura e pitture cristiane, per poi lasciare campo libero – nell’età di Giustiniano – all’Arte Bizantina.

Focus: Costantino e la nascita dell'Impero Romano

SIMBOLI E CARATTERISTICHE DELL’ARTE PALEOCRISTIANA – Grande importanza nell’arte paleocristiana la assunse la simbologia, soprattutto nel periodo delle persecuzioni. I cristiani attinsero al repertorio iconografico dell’Arte Romana, tutto volto alla propaganda politica e civile, e lo caricarono di un nuovo significato. I simboli pagani, tradotti in chiave cristiana, divenivano così portatori di un messaggio religioso.
Tra i simboli più utilizzati dai primi seguaci cristiani troviamo l’agnello, il pesce (più precisamente l’ichthýs), l’ancora e la fenice. Oltre che come decoro dei luoghi di culto cristiani, questi simboli furono usati dai fedeli per riconoscersi tra loro.

Vedi anche: Appunti sull'Arte Paleocristiana

ARTE PALEOCRISTIANA, CATACOMBE – Per quanto riguarda l’architettura paleocristiana, non si assistette a delle vere e proprie innovazioni, quanto piuttosto ad un adattamento delle strutture già preesistenti alle esigenze dettate dalla nuova religione. Non fanno eccezione a quanto detto neanche le catacombe, uno dei più tangibili segni architettonici dell’Arte Paleocristiana. Seppure conobbero solo con il Cristianesimo una così grande diffusione, le catacombe venivano infatti utilizzate anche dagli ebrei e dai pagani.
Per i cristiani ebbero un duplice utilizzo: quello di rifugio dalle persecuzioni, ma anche e soprattutto quello di inumazione dei defunti. Scavate per lo più nel tufo o in altri terreni facilmente asportabili, le catacombe si trovano in ambienti sotterranei e ancora oggi se ne possono trovare diverse testimonianze in tutta Italia, in particolar modo a Roma.

Approfondisci: La decorazione delle catacombe

ARTE PALEOCRISTIANA, BASILICHE – Emblema dell’architettura paleocristiana furono le basiliche, che sorsero in grande quantità dopo l’Editto di Costantino a Roma, in Terra Santa e a Costantinopoli, per poi diffondersi in tutta Italia. Le prime basiliche paleocristiane si ispirarono a quelle romane: un ampio spazio rettangolare, a pianta longitudinale, diviso in cinque navate e intersecato da una navatella ortogonale che prese il nome di presbiterio; la copertura delle navate era lignea, a capriate. La più grande differenza con la basilica romana risiede nella presenza di un solo lato corto semicircolare: l’ingresso avveniva infatti non più sul lato lungo della struttura, bensì su quello opposto all’abside, creando un percorso da ovest ad est, in direzione del sole che nasce.

Vuoi saperne di più sull'Arte Paleocristiana? Sfoglia la nostra gallery!