25 aprile: liberazione e la Resistenza italiana

Di Marta Ferrucci.

Il 25 aprile e la Resistenza italiana: tutto quello che c'è da sapere sulla liberazione dell'Italia dal dominio fascista durante la seconda guerra mondiale

25 APRILE, FESTA DELLA LIBERAZIONE: QUELLO CHE DEVI SAPERE

Il 25 aprile, in Italia, si festeggia la Festa della Liberazione dal governo fascista e dall'occupazione nazista. Conosciuta anche come anniversario della Resistenza, la festa del 25 aprile rende omaggio alle forze partigiane che contribuirono alla liberazione dell'Italia. Vuoi saperne di più? Continua a leggere la storia della liberazione e della Resistenza italiana. In Italia le formazioni partigiane si costituirono nel corso della Seconda Guerra Mondiale, dopo l’armistizio dell'8 settembre 1943, per iniziativa di antifascisti e di militari del dissolto regio esercito. Inizialmente composte da poche migliaia di uomini, assunsero consistenza grazie alla vasta partecipazione di operai, contadini e dei giovani renitenti alla leva della Repubblica di Salò che portarono nell' esercito partigiano circa 300.000 persone.

LEGGI ANCHE Il tema sulla resistenza italiana

Le bande partigiane diedero vita alla resistenza armata contro l’occupazione nazista e contro il collaborazionismo fascista ed è per questo che fu nel contempo una guerra di liberazione contro lo straniero e una guerra civile.

IL 25 APRILE E LA RESISTENZA ITALIANA

25 aprile: liberazione e resistenza italiana
25 aprile: liberazione e resistenza italiana

L’azione della Resistenza fu coordinata dai Comitati di Liberazione Nazionali il primo dei quali sorse a Roma il 9 settembre 1943 mentre il Re e Badoglio fuggivano. Nei CLN erano rappresentati i partiti sorti e ricostituitisi durante il 1943.
Le formazioni partigiane si distinguevano a loro volta per orientamento politico: vi erano le brigate Garibaldi (comuniste), le Matteotti (socialiste) e Giustizia e libertà (del partito d’azione). Nel giugno 1944 si costituì anche il CLN Alta Italia (Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia). Grazie all'attività di questi gruppi a cui si affiancò la partecipazione diretta della popolazione civile, molte zone furono liberate dai partigiani prima dell’arrivo degli alleati.

Leggi anche: La resistenza e la liberazione del 25 aprile

25 APRILE: RESISTENZA E PARTIGIANI

Le formazioni partigiane operavano di preferenza lontano dai centri abitati per sfruttare i vantaggi offerti dalla natura montagnosa del paese, lanciando attacchi improvvisi a reparti nemici o a strutture di interesse militare.
Le rappresaglie tedesche furono feroci: lo testimoniano i 335 civili massacrati a Roma nelle fosse ardeatine e la strage di Marzabotto, nei pressi di Bologna, dove si contarono 1830 vittime.

Rivestirono grande importanza anche altre forme di resistenza. Nel marzo del 1944 un grande sciopero generale -l’unico nell’Europa occupata dai nazisti- bloccò la produzione del triangolo industriale.

Leggi anche: Approfondimento sulle foibe

25 APRILE: LIBERAZIONE E FINE DELLA GUERRA IN ITALIA

Nella primavera del 1945 le truppe anglo americane sfondarono la linea Gotica che si sviluppava da La Spezia fino a Rimini lungo l’Appennino dilagando nella Pianura Padana.
Il 25 aprile la resistenza italiana, che poteva ormai contare più di 200.000 uomini, scatenò l'insurrezione nazionale contro i tedeschi. Mussolini tentò la fuga in Svizzera unendosi a una colonna tedesca ma riconosciuto e catturato dai partigiani fu giustiziato il 28 aprile nel villaggio di Dongo assieme alla compagna Claretta Petacci e ad altri gerarchi. I loro corpi, appesi per i piedi, furono esposti in Piazzale Loreto a Milano.

Il 25 aprile viene festeggiato in tutta italia quale giorno della liberazione. La data fu scelta dal CLN perchè proprio il 25 aprile, da Milano, partì l'appello per l'insurrezione armata della città di Milano, sede del comando partigiano.

Appunti sulla Resistenza