100 giorni maturità 2018: come festeggiare

Di Marta Ferrucci.

Come festeggiare i 100 giorni alla maturità 2018? Ecco le idee, le tradizioni e i riti scaramantici più diffusi per celebrare i 100 giorni all'esame di Stato

100 GIORNI 2018

Ebbene sì, il tempo vola e in men che non si dica arriveremo al 12 marzo, data dei 100 giorni alla maturità 2018. E' un giorno davvero importante da festeggiare insieme ad amici e compagni di classe per esorcizzare la paura e per godersi qualche momento di spensieratezza prima che inizi il count down per la prima prova 2018, che il Miur ha fissato per mercoledì 20 giugno.
Vi state chiedendo come festeggiare i 100 giorni all'esame 2018? Siamo certi che la fantasia non vi manca, ma se invece non vi è venuto in mente nulla, di seguito potete scoprire quali sono le tradizioni, i riti propiziatori per ottenere un buon voto e le iniziative più diffuse per la festa dei 100 giorni! Scopri quali sono riti e tradizioni per i 100 giorni, regione per regione!


Leggi anche: Santi patroni dei maturandi e la preghiera dei studenti

100 GIORNI MATURITA' 2018

100 giorni maturità 2017
100 giorni maturità 2017 — Fonte: istock

I 100 giorni alla maturità si festeggiano in maniera diversa a seconda delle città e delle regioni, ma l'unica certezza è che tutti i maturandi sono pronti ad organizzare qualcosa di divertente ed unico per ricordare questo momento e per fare qualche rito propiziatorio in previsione dell'esame. Alcuni girano per le strade delle città raccogliendo soldi per organizzare una cena con i professori, mentre altri preferiscono inverstire in un weekend al mare o in montagna per divertirsi senza limiti prima del lungo periodo di studio. Altri approfittano della gita dell'ultimo anno e festeggiano i 100 giorni in qualche capitale europea, oppure organizzano una mega festa in discoteca.
Ci sono però anche altre tradizioni legare ai cento giorni prima dell'esame di maturità. Vediamo quali!

Seconda prova maturità 2018: tutto quello che devi sapere

100 GIORNI MATURITA': TUTTI I RITI PORTAFORTUNA

Partiamo da una serie di riti portafortuna. Per gli studenti toscani l'appuntamento è a Pisa, per toccare la lucertolina in Piazza dei Miracoli (anche se la famosa lucertola ultimamente in questo periodo viene transennata per evitare che si rovini troppo a causa delle troppe "carezze"). In alternativa gli studenti faranno 100 giri intorno alla torre pendente.

Focus: Terza prova maturità: guida completa

100 GIORNI 2018: IL RITO IN SPIAGGIA

Molti maturandi poi festeggieranno i cento giorni con una festa in spiaggia e con il classico rituale che consiste nello scrivere sulla sabbia il voto che sperano di prendere all'esame (il voto scritto poi deve essere cancellato dalle onde... se l'onda non lo cancella completamente, dice la leggenda, il maturando prenderà 10 punti di meno!).

100 GIORNI ALL'ESAME: LE FESTE

Altre idee per i 100 giorni alla maturità 2018? Sulla riviera adriatica e in particolare a Rimini e Riccione le discoteche aprono le porte ai maturandi con una serie di feste dedicate a loro. Per tutti gli amanti della musica e delle discoteche, l'appuntamento prevede balli scatenati e tanto divertimento per esorcizzare l'ansia da esame di maturità.

100 GIORNI 2018, PELLEGRINAGGI

Tutti gli anni molti studenti cercano un "aiutino dall'alto" e si recano in pellegrinaggio in alcuni luoghi come il santuario di San Gabriele dell'Addolorata, ai piedi del Gran Sasso, in provincia di Teramo. Qui i maturandi si ritrovano per un "ritiro spirituale con preghiera, confessioni, messa e momenti di festa". E non perdete la "benedizione delle penne", che poi, ovviamente, verranno usatedurante le prove d'esame!
Quella di San Gabriele è una meta anche per i maturandi de L'Aquila che vi si recano dopo aver organizzato una vera e propria battaglia con lanci di uova e farina nella zona di Colle Sapone, nonostante alcuni supermercati per evitare lo spreco di cibo facciano sparire preventivamente questi alimenti.
A Livorno gli studenti si recano al Santuario di Montenero: qui devono "salire i gradini in ginocchio, saltellare per la "piazzetta" su una gamba tante volte quante il voto desiderato, tirare (girati di schiena) la monetina al di sopra dell'arco con la speranza che l'attraversi, accendere il cero dopo aver scritto il voto desiderato e metterlo nella cappella della Madonna e fare la preghierina nel Santuario". Ma pellegrinaggi sono previsti anche alla Madonna di Civitavecchia, a San Giovanni Rotondo, al Santuario della Madonna del Lussari o a quello di Santa Rita da Cascia per prendere la penna benedetta. In Sardegna si balla l'inno sardo a cui si aggiunge un rito celtico, che sembra funzionare.

Volete sapere di più sulle tradizioni per festeggiare il 100 giorni alla maturità? Allora sfogliate la gallery che trovate qui sotto!